BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“L’assessore Capetti ci ha preso in giro”

I pendolari lamentano di essere stati convocati per parlare di nuovi orari e invece si sono trovati a discutere di Treviglio Ovest.

Il Comitato Pendolari Bergamaschi ha scritto questa lettera aperta all’assessore provinciale ai Trasporti Giuliano Capetti.

Gent. Assessore Capetti,
come Comitato Pendolari Bergamaschi, abbiamo aderito volentieri all’invito rivoltoci via email di partecipare ad un incontro il 9 c.m. con Lei, nella sua qualità di assessore alla viabilità e ai trasporti della Provincia di Bergamo, perché l’oggetto, “nuovo orario ferroviario 12.12.2010”, avrebbe meritato sicuramente un comune confronto costruttivo.
Con nostra sorpresa, ci siamo trovati a partecipare, invece, ad un incontro con un ordine del giorno completamente diverso: di nuovo la questione della fermata alla stazione Treviglio Ovest dei treni Bergamo-Milano e ritorno.
Non ci sembra un comportamento corretto da parte di una istituzione come la Provincia di Bergamo, che Lei rappresenta, convocare un incontro su un ordine del giorno fasullo: glielo diciamo a chiare lettere. 
Ciò premesso, entrando nel merito, la nostra posizione come Comitato sulla fermata di Treviglio Ovest rimane la stessa di un anno fa:
– alla stazione di Treviglio Centrale ci sono 9 treni per Milano nelle fasce orarie pendolari; lo stesso al ritorno. Inoltre, in aggiunta ci sono anche i treni Suburbani, uno ogni 15 minuti;
– nelle stesse fasce orarie, di treni sulla Bergamo-Milano e ritorno ce ne sono solo 5.
Su questa base oggettiva, ribadiamo il nostro fermo e motivato no alla fermata dei treni Bergamo-Milano e ritorno alla stazione di Treviglio Ovest,
che comporterebbe un immotivato prolungamento dei tempi di percorrenza per i pendolari che da Bergamo vanno a lavorare quotidianamente a Milano.
Se Lei volesse, saremmo lieti di incontrarla per parlare veramente di orari e di qualità dei treni della bergamasca, e per illustrarle i bisogni e le proposte dei pendolari delle linee Bergamo-Milano via Treviglio, Bergamo-Milano via Carnate, e Palazzolo-Bergamo, a fronte della minacciata riduzione delle corse e degli aumenti dei costi dei biglietti e degli abbonamenti preannunciati dalla Regione Lombardia.
Grazie dell’attenzione e distinti saluti
Dante Goffetti,
a nome e per conto del Comitato Pendolari Bergamaschi

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Treviglio Ovest

    Treviglio Ovest è una fermata storica, sempre esistita e d’un tratto cancellata per recuperare 1 minuto in favore dei pendolari di Bergamo che pare abbiano più diritti di quelli di Treviglio. Logica vorrebbe che i treni da e per Bergamo saltassero la fermata di Pioltello, servito dal passante e dai “Venezia” ripristinando Treviglio Ovest e recuperando così comunque quel fatidico minuto.

  2. Scritto da andrea

    Condivido i commenti n. 2 e 3. Credo che una soluzione di quel tipo potrebbe accontentare tutti. Se intanto i pendolari di Bergamo la smettessero di essere isterici e si dimostrassero aperti ad una soluzione come quelle prospettate forse il trasporto locale ci guadagnerebbe

  3. Scritto da Silvio

    In merito alla convocazione fasulla del’assessore non mi esprimo non lo merita. ricordo che l’altro assessore però regionale il sior cattaneo disse che non ci sarebbero avuti più cambio d’orario tra estivo ed invernale dopo l’entrata in vigore dell’orario attuale.Per la fermata a Treviglio O. posso capire un po’ di disagio ma Treviglio Centrale è decisamente vicina e più servita.Certo Treniitalia riesce ad abbassare il tempo di percorrenza solo togliendo una fermata.Forti!!!

  4. Scritto da Patrizio - Legambiente Bassa Bergamasca

    Sembra di esser tornati all’Italia dei Comuni , dove ognuno paralava del proprio “particolare” . I pendolari bergamaschi devono capire di far parte di una più vasta categoria disagiata di pendolari che si muovono in ambiti regionali ed oltre. Non è fregandosene dei disagi altrui , che ci sono e sono reali , che si va da qualche parte. Certe scelte corporative non fanno che danneggiare l’interesse di tutti .

  5. Scritto da PROVOCATORE o no???

    Ma prendete l’auto!!! Treviglio si Treviglio no… Ma per favore!! A chi dice che 48 minuti di percorrenza Mi-Bg sono troppi dico ARRANGIATEVI!! anziché votar politici che come soluzione proprongono la brebemi dovevate pensarci prima!!! E poi da bg mi risulta che per andare a Milano ci sia circa un treno ogni 20 minuti… cosa volete, orari a richiesta??I problemi del TPL sono altra a partire dall’assessore Cattaneo azionista delle Nord che guadagna sui ritardi di trenitalia!!!

  6. Scritto da jack

    Prima concedetemi una battuta “quando l’assessore terminerà il convegno della fondazione Bettino Craxi si potrà occupare di voi maledetti pendolari”.Non sono un pendolare,non sono un politico,non faccio parte delle ferrovie,ma provo vergogna,per come viaggiate, per gli orari,e tutto questo in una provincia come Bergamo,laboriosa,ricca e chi ne ha piu’ ne metta,ha da sempre come ritorno dai suoi politicanti tutti,un servizio ferroviario degno del gabon,mandiamoli a casa questi ciarlatani.

  7. Scritto da g&g

    Le navette Bergamo Treviglio viaggiano completamente vuote da Bergamo verso Treviglio al mattino e da Trevigli a Bergamo la sera.
    I treni regionali Bergamo Milano viaggiano strapieni alla mattina in direzione Milano e alla sera in direzione Bergamo; nell’altro senso sono quasi vuoti.
    Basterebbe farli fermare nelle stazioni di Stezzano, Levate e Arcene al mattino verso Bergamo e alla Sera per Milano eliminando le navette e risparmiando un sacco di soldi anzichè aumentare i biglietti.

  8. Scritto da Gandalf

    Ecco l’Italietta di Guelfi e Ghibellini che, nel mal comune, pensano di avere 2 comitati nella stessa provincia. Ma se si sopprimessero le fermate a Pioltello e li si ripristinasse a Treviglio Ovest sarebbe meglio, per lo meno nella fascia della prima mattina. Pioltello è alle porte di Milano e anche lì c’è il passante

  9. Scritto da Zorro

    Regione Lombardia, Provincia e comune di Bergamo e comune di Treviglio devono agire di concerto dando un segnale forte e molto duro in comune accordo con tutti ipendolari delle linee Milano-Brescia e Milano-Treviglio-Bergamo e Milano-Carnate-Bergamo alle ferrovie.
    Se si continua ad abbassare la testa, questo li incoraggia.
    Serve una rivolta subito e/o lo sciopero dell’abbonamento a oltranza, coperto dalle istituzioni locali (lombarde)
    Adesso
    B A S T A !