BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Libri, novità per i non vedenti

Si sta lavorando per mettere a disposizione di non vedenti e ipovedenti le principali novità editoriali in tempo reale.

Più informazioni su

Un progetto per mettere a disposizione di non vedenti e ipovedenti le principali novità editoriali in tempo reale, con libri nella versione più adeguata rispetto alla propria disabilità e con un servizio, a richiesta degli utenti, di trasformazione nel formato adeguato per i libri di catalogo non immediatamente reperibili sulla piattaforma. Il tutto nel pieno rispetto del diritto d’autore. E’ questo l’obiettivo del progetto Lia (Libro italiano accessibile), finanziato dal ministero per i Beni e le Attività culturali per un importo pari a 2 milioni e 750 mila euro: entrerà a regime tra due anni e coinvolgerà tutti gli editori italiani.
Promosso dall’associazione italiana Editori (Aie), il progetto Lia coinvolge i principali attori del settore, prima fra tutti l’Unione italiana ciechi (Uic), e si concretizza in una innovativa piattaforma che, grazie all’ausilio delle nuove tecnologie, punta a realizzare un punto di incontro tra le richieste delle persone con disabilità visive e l’offerta editoriale nazionale. L’intento è quello di mettere a disposizione di non vedenti e ipovedenti libri nella versione più adeguata rispetto alla propria disabilità. La piattaforma, infatti, non solo rende disponibili le principali novità editoriali in tempo reale, ma offre anche un servizio, a richiesta degli utenti, di trasformazione nel formato adeguato per i libri di catalogo non immediatamente reperibili sulla piattaforma: il tutto nel pieno rispetto del diritto d’autore. Una vera e propria “rivoluzione” se si considerano i tempi lunghi, i processi spesso frammentari e le lungaggini con cui un milione e mezzo di italiani possono avvicinarsi ai libri. Sono infatti oltre 362 mila i non vedenti in Italia e ammontano a oltre un milione di persone gli ipovedenti.
“Si tratta di un progetto rivoluzionario – spiega il presidente di Aie, Marco Polillo – e su cui Aie crede e lavora da tempo. L’obiettivo di garantire una reale pari opportunità nell’accesso ai libri basata sulla disponibilità di un catalogo ampio e sull’accesso alle novità librarie al momento della loro uscita è certamente ambizioso e pone il progetto italiano all’avanguardia nel panorama globale”. Integrazione delle competenze e maggiore tempestività nella disponibilità delle novità: queste le assolute innovazioni del progetto. “L’Unione italiana ciechi ha da anni una collaborazione fruttuosa con Aie – conferma il presidente dell’Uic, Tommaso Daniele –. Siamo certi che anche Lia si inserirà in questo rapporto, certi che dall’integrazione delle diverse competenze possa derivare un reale vantaggio per entrambi e un migliore servizio per tutte le persone con disabilità visive. Poter avere con maggior rapidità le novità che escono in libreria cambia alla radice il rapporto tra i disabili visivi e il libro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.