BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Valseriana: nidi pubblici e privati in rete

Corso con l???obbiettivo di mettere in rete nidi pubblici e privati attraverso una formazione comune per gli educatori

Più informazioni su

L’Assemblea dei Sindaci della Val Seriana nelle scorse settimane ha approvato, a fronte di un finanziamento regionale, il Piano Triennale Nidi che prevede la convenzione con i nidi privati presenti nel territorio al fine di aumentare l’offerta pubblica di servizi a disposizione delle famiglie con figli di età compresa tra 3 e 36 mesi residenti nei Comuni convenzionati.
La convenzione prevede l’acquisizione da parte dei comuni sottoscrittori di 39 posti in media all’anno nei nidi privati, garantendo così alle famiglie pari trattamento economico tra pubblico e privato. L’Ambito Territoriale inoltre garantirà una formazione comune per tutti gli operatori per un confronto e la messa in rete dei servizi educativi della Media Val Seriana.
A questo proposito, la scorsa settimana presso la sede della Servizi Sociosanitari Valseriana srl, la società costituita dai 18 comuni dell’Ambito Territoriale Valle Seriana per la gestione dei servizi sociali sovraccomunali, si è svolto un incontro di presentazione del seminario formativo che sarà programmato nei prossimi mesi, con i responsabili e i coordinatori dei 6 nidi pubblici (Alzano Lombardo, Nembro, Albino, Fiorano al Serio, Vertova e Leffe) e degli 11 nidi privati (Coccolandia di Albino e Ranica, La casa dei bambini di Albino – Coop. La Fenice, Regina Margherita di Alzano Lombardo – Parrocchia di Nese, Il Guscio di Alzano Lombardo – Coop. La Fenice, Il nido delle api di Cazzano S. Andrea, Asilo nido Parrocchiale di Cene, Ambarabà di Gandino, Centro Prima infanzia Tana dei cuccioli di Ranica, In Cammino di Villa di Serio) per illustrare il percorso e le modalità di realizzazione del seminario formativo che ha l’obbiettivo di mettere in rete nidi pubblici e privati attraverso una formazione comune per tutti gli educatori, completando così la formazione attuata negli scorsi anni dalla Provincia.
“Grazie a questa iniziativa, per la prima volta enti pubblici e privati che si occupano di servizi rivolti alla prima infanzia, siedono allo stesso tavolo” dichiara Giusy Guerini, rappresentante dell’Ufficio di Piano “per un’importante proposta di formazione che intende sostenere il bisogno, espresso dagli educatori, di poter analizzare le crescenti richieste portate dalle famiglie per individuare modalità più rispondenti e accogliere anche le loro esigenze al fine di costruire con i genitori un’alleanza educativa”.
Coordinato da Monica Guerra, pedagogista, il percorso si articolerà in un primo momento introduttivo di inquadramento teorico volto ad esplorare l’articolazione delle forme dell’essere famiglie oggi e successivamente, in forma di seminario residenziale, verranno analizzate le pratiche attuate dai servizi in merito alla loro relazione con le famiglie, con l’obiettivo di definire alcune attenzioni condivise e discutere eventuali criticità rilevate anche con l’aiuto degli esperti della Provincia, dei pedagogisti impegnati nei nidi, dei coordinatori e dei professionisti del Servizio Famiglia della Servizi Sociosanitari.
“Siamo certi che questa proposta formativa favorisca un’elevata professionalità degli educatori che potranno far fronte alle problematiche della famiglia anche in collaborazione i servizi del territorio ed in particolare del Consultorio Familiare” aggiunge il Dr. Maffeis ricordando che l’iniziativa definita in stretta collaborazione con la Provincia si avvale del finanziamento dell’Assemblea dei Sindaci e di un contributo da parte della Blue Meta, sempre attenta alle iniziative dei comuni della Val Seriana. Il primo incontro del seminario formativo è in programma per il giorno 13 novembre dalle ore 9 alle 13 nella sede della Comunità Montana di Albino.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.