BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Sole delle Alpi dalla scuola al gonfalone

Il consiglio ha approvato una mozione della maggioranza per modificare il gonfalone. Il sindaco Lancini al centro delle polemiche per i simbolia scuola: "Ripariamo un torto".

Più informazioni su

da Repubblica.it

Il consiglio ha approvato una mozione della maggioranza per modificare il gonfalone. Il sindaco Lancini al centro delle polemiche per i simbolia scuola: "Ripariamo un torto". 
Cancellato, forse, dai banchi della scuola di Adro, il Sole delle Alpi sventolerà presto sul gonfalone del comune bresciano a maggioranza leghista. Mentre ancora non si è chiusa del tutto la vicenda dei 700 simboli padani inseriti negli infissi dell’istituto scolastico, il sindaco Oscar Lancini è tornato alla carica e il Consiglio comunale ha approvato con la maggioranza dei due terzi una delibera per modificare lo stendardo cittadino.
La scuola con i simboli leghisti 
Presto, dunque, il sole verde, che Lancini ribadisce essere "simbolo culturale e non di partito", andrà a fare compagnia sul gonfalone alla ‘A’ contornata di grappoli d’uva, emblema della tradizione vinicola della Franciacorta. "Abbiamo ovviato a una dimenticanza del 2006 – spiega il sindaco – quando il Comune aveva adottato il nuovo gonfalone regolarmente approvato dall’ufficio araldica di Roma". Stesso ufficio, rimarca Lancini, che "in altri casi ha approvato l’adozione del Sole delle Alpi, anche su proposta di giunte non leghiste". Il primo cittadino cita per esempio i gonfaloni della Provincia di Lecco e della comunità montana dell’Appennino reggiano. "E’ un primo passo, pienamente legittimato dallo statuto del Comune: chiederemo una nuova autorizzazione all’ufficio di araldica, se sarà necessario, ma non vedo perché dovrebbero negarcela". Poi ci sarà lo studio per disegnare la modifica dello stendardo e una nuova approvazione in Consiglio. "Noi – annuncia il sindaco – vogliamo andare fino in fondo".
La decisione potrebbe sembrare dettata da una volontà polemica, ma Lancini assicura che "l’avremmo presa comunque: certo, la storia della scuola, dove ci hanno dipinto come usurpatori della libertà, è stata uno stimolo". Anche stavolta, c’è da giurarci, non mancheranno le polemiche. Un antipasto è arrivato dal segretario nazionale del PdCI-FdS, Oliviero Diliberto, che ha scritto al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, per chiedrgli di "stoppare lo scivolamento politico, culturale e sociale che siffatti episodi generano nel Paese", mentre il senatore Stefano Pedica (Idv) ha parlato di "ennesima provocazione" e per il responsabile Enti locali del Pd, Davide Zoggia, il sindaco Lancini "non ha il senso delle istituzioni".
A testimoniare il peso dei simboli, si è appresa anche un’altra piccola vicenda con protagonista il sole padano: nel comune milanese di Albairate, già prima dell’estate, il sindaco Luigi Alberto Tarantola aveva imposto a una cittadina di levare la bandiera esposta sul muro della propria casa, di proprietà comunale. Episodio cui erano seguiti un esposto dell’europarlamentare leghista Mario Borghezio alla prefettura di Milano e una richiesta di informazioni di quest’ultima al Comune. E risoltosi senza altre conseguenze.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da sacra?

    sacra a chi? al vostro dio extracomunitario?

  2. Scritto da me extra

    bellalì… ci piace l’idea del sole
    @ 17 se tu non capire, tu non pensare , tu non scrivere … non servire a nessuno … grasie

  3. Scritto da passante

    Questo lancini deve essere un frustrato e a casa sua non gli permettono sbavature quindi si vendica sulla proprietà comune.Si ostina a dire che tutto era programmato e senza costi…..Vorrei che qualche writer si avvicinasse a casa sua riempiendola di soli delle alpi e vedremmo la reazione…….

  4. Scritto da NINO LEGA LOMBARDA '79

    Sono d’accordo con Lancini non solo il sole delle Alpi rappresenta il popolo Adrese,ma rappresenta anche tutto il popolo della Sacra Terra di Padania.

  5. Scritto da cuìn

    sacra terra di padania… dopo il sindaco ecco un altro caso umano. o è un raffinatissimo scherzo?

  6. Scritto da ex leghista

    Crape dure i leghisti, ma ormai sono sotto e sotto resteranno loro e il loro Silvio. Hanno veramente strapazzato l’anima agli Italiani.

  7. Scritto da Gianpiero

    ma questi qua non hanno proprio un c…o da fare?

  8. Scritto da mauro

    sicuramente quel sindaco si sta comportando così perchè vuole diventare un pupillo di bossi e andare così in parlamento alle prossime elezioni..vedrete..

  9. Scritto da Ponteranichese

    Uffa, spero che spariscono presto dalla faccia della terra, BASTA!

  10. Scritto da curno verso partito nazione

    il sole delle alpi che ride:

    http://curnonazione.wordpress.com/2010/11/09/il-sole-delle-alpi-che-ride/

  11. Scritto da Red Cloud

    Ma sono queste le azioni politiche del federalismo leghista? Nuovi costi per un capriccio inutile e antistorico?.

  12. Scritto da ureidacan

    Anche Pirovano è tutto contento che è riuscito, dopo un anno e mezzo, ad esporre in pubblico il nuovo gonfalone della Provincia di Bergamo tutto verde. Che grande Presidente che abbiamo in Provincia!

  13. Scritto da Diego

    Cavolo ma sto leghista non ha proprio altro da fare che farsi pubblicità (nrgativa) sui giornali?
    Ma dove lo hanno preso,?

  14. Scritto da pm

    Il soggetto in questione pare decisamente un po’ fissato, al limite del patologico; non si potrebbe tatuare il simbolo da qualche parte, dove più gli aggrada, senza doverlo per forza propinare a tutti?

  15. Scritto da silvia

    ma qualcuno ha spiegato al sindaco che il Comune non è il prolungamento del suo salotto? a casa sua fa quello che vuole (forse) alla Casa comunale no perchè lui come tutti è di passaggio …..poi se vuole essere ricordato dalla storia così, contento lui……..

  16. Scritto da Bergamasco non leghista

    l’unica consolazione è che non è di bergamo

  17. Scritto da Tro

    Incredibile la stafottenza di questi personaggi. Ma chi credono di essere questi leghisti ignoranti: non lo sanno che un gonfalone è il simbolo dll’intera comunità e non dei quattro leghisti che la vivono? Un gonfalone si cambia o lo si modifica con un referendum, non con una scelta di parte.

  18. Scritto da Paradosso?

    Con puro spirito accademico qui ci si chiedeva: chi ha titolo per disporre il TSO del sindaco del comune X, quando il vicesindaco e il resto della giunta di X si trovano nelle stesse condizioni di necessità? Interviene forse il sindaco del comune confinante Y?

  19. Scritto da ureidacan

    A questo punto devo dire:meno male che a Bergamo c’è almeno Tentorio. Immaginiamoci un sindaco come l’attuale assessore Invernizzi o Belotti.