BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Dopo dieci anni resto senza posto n?? sussidio”

Roberto Fugazzi, 55 anni, una famiglia da mantenere, dal 31 dicembre non avr?? pi?? posto, ammortizzatori e sussidio: "Negati a chi ha la sfortuna di avere un contratto con una cooperativa".

Più informazioni su

Caro Direttore,
dopo aver lavorato per oltre 10 anni nel magazzino Pigna, alle dipendenze delle innumerevoli cooperative che si sono succedute nell’appalto del reparto logistico, dal 31-12 -2010 rimarrò a casa senza reddito, senza ammortizzatori sociali e senza sussidio di disoccupazione, negati a chi ha la sfortuna di avere un contratto con una cooperativa.
Dunque, personalmente, l’incubo,cominciato alla fine del 2008, con la chiusura del reparto cartiera e la dismissione dei magazzini, termina nel peggiore dei modi!
Ho 55 anni, una famiglia da mantenere, zero possibilità di trovare una nuova occupazione
.
Anche prendendo per vere le rosee prospettive dello sviluppo industriale futuro sull’area Pigna, anche se tutti i lavoratori della Pigna andati nel frattempo in mobilità (parecchie decine!) saranno nel tempo sostituiti da eventuali nuove assunzioni, per me il futuro è nero, peggio, non esiste!
Forse salire sul tetto della Pigna a capodanno del 2011 potrebbe commuovere l’on. Jannone o il sindaco Anelli?
Forse, ma data una mia delicata vicenda famigliare che non mi sento di “mettere in piazza” anche questa possibilità mi è preclusa.
Indirettamente, la chiusura del reparto cartiera del dicembre 2008 segnerà per sempre la mia vita: auguro a tutti i nuovi assunti che verranno a lavorare nelle future attività che approderanno sull’area Pigna un destino meno cinico di quello capitato a me che, avendo scommesso il proprio nel credere che dare l’anima per migliorare, anno dopo anno, la logistica in Pigna, sarebbe bastato ad avere un presente e un futuro dignitoso.
PS: la conclusione della vicenda Pigna, che vede a quanto pare tutti soddisfatti, non sarà certo “oscurata” da un piccolo caso di totale disperazione umana:  in fondo poteva andare anche peggio e…non tutte la ciambelle vengono col buco, almeno per me e per i miei cari: a volte mettercela tutta non basta! A me non è bastato!
Cordialmente e con profonda amarezza,
Roberto Fugazzi
ex operaio ai magazzini delle Cartiere Pigna

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da roberto fugazzi

    @ 75 GRAZIE! ho ancora un mese e mezzo per cercare un posto di lavoro,purtroppo l’età non aiuta,comunque DEVO PER FORZA TROVARE UN LAVORO già dal 1-1-2011,non avendo diritto a nessuna forma di ammortizzatore sociale! Quindi,più che al “politico di turno” apprezzo i tuo consiglio,andrò quindi dove mi hai detto!…GRAZIE!
    per altre possibilità lascio a tutti un mio recapito.
    fugazziroberto@gmail.com tel. 366 3489118
    La solidarietà tra “simili” è l’unica vera possibilità possibile!.. grazie!

  2. Scritto da Carlo Pezzotta

    E’ il risultato del ribaltamento della legge Biagi, anche se purtroppo c’ha messo qualcosa anche lui, poveraccio. Chiediamo piuttosto a CISL s UIL
    di spiegarci il problema, perchè non c’è solo il sig. Fugazzi in questione ma migliaia di lavoratori italiani con lo stesso problema. CISL e UIL, si sono abbandonate al più becero liberismo berlusconiano, sperando di avere un futuro con lui, ma ora che sta andando tutto a p….., pardon, escort, cosa faranno?

  3. Scritto da Solidarieta.

    Si Mario hai ragione:purtroppo alla Comital si poteva fare di piu per mantenere il lavoro(secondo mio punto di vista)ma purtroppo,molta gente li aveva gia doppio Lavoro si sono fatti ingolosire da forti Incentivi al’Esodo,e poi C.I. e Mobilitá che qualcuno si sfruttera Lavorando in nero;purtroppo tu non sei fra coloro…

  4. Scritto da 75

    Ti do un consiglio Esselunga in tutti i suoi punti vendita ha riesposto il catello che cercano nuovo personale, anche magazzinieri….non sarà il massimo ma tentar non nuoce …..in bocca al lupo

  5. Scritto da forchini maurizio

    Sono un cooperatore da oltre 25 anni, non sono rosso, semmai grigio, pago le tasse come le altre aziende, sono soggetto a regolari ispezioni da parte del ministero del lavoro. Non sono un ladro o un bandito quindi chiedo rispetto. Non sono disposto a leggere commenti idioti o triviali basati su luoghi comune. Nello specifico so di molte cooperative che hanno chiesto la CI per i loro soci. So anche che l’ufficio del lavoro che dovrebbe controllare spesso non controlla e questo giustifica i furbi

  6. Scritto da roberto fugazzi

    @ 25 forchini maurizio …vedi il problema non sei tu, ma la mancanza di parità di diritti tra un dipendente normale e uno di cooperativa,per esempio il mancato versamento per poter ottenere,in caso di crisi,il sussidio di disoccupazione. Queste e altre agevolazioni fiscali,permettono il proliferare,soprattutto nelle logistiche la formula dell’appalto alle cooperative,che evidentemente sono convenienti alle aziende.Occorre fare una legge che unifichi tutti i lavoratori,invece di dividerli !

  7. Scritto da silvio for ever

    guardate che la crisi la vedete solo voi di sx, rimboccatevi le mani e vedrete che il lavoro lo trovate !

  8. Scritto da ex padano

    Mi dispiace molto per il Sig. Fugazzi, fossimo stati in un’altro paese forse sarebbe ancora possibile ricollocarsi qui da noi se non conosci qualche politico oppure qualche vescovo.. rimani a piedi…
    ITALIA PAESE SENZA FUTURO!!!

  9. Scritto da Fumagalli Mario

    @24 Io sono daccordo con te, non è giusto, chi trova un lavoro che sia assunto e non lavori in nero. Però posso solo dire un’altra cosa dal mio punto di vista, era meglio combattere per mantenere il posto di lavoro e purtroppo non è stato così.

  10. Scritto da sergio

    Servono ammortizzatori universali. mica si potrà a lungo dipendere dai sindacati oppure dalla caritas?

  11. Scritto da roberto fugazzi

    @ 1 sergio…Basterebbe,parificare le cooperative alle condizioni contrattuali delle aziende in cui eseguono gli appalti,obbligandole a versare le quote per il sussidio di disoccupazione,da cui sono esentate,inoltre sarebbe necessario che quando la ditta appaltante e in stato di crisi,anche le cooperative in appalto richiedessero la cassa integrazione.Ai sindacati confederali,che hanno permesso l’entrata delle cooperative va data la COLPA di non aver tutelato alla PARI i lavoratori,delle coop.

  12. Scritto da Emanuele

    Purtropp per te non ti chiami Califano……. a lui gli danno in sussidio.
    Per la redazione: Questa lettera la dovete mandare ai nostri politici……. La Polverini si è mossa per Califano.

  13. Scritto da JJ

    ai sindacati interessano solo i dipendenti delle grandi aziende in cui esercitare il proprio potere.
    quando finalmente anche in Italia difenderemo i lavoratori e non i posti di lavoro? quando aboliremo le casse integrazioni ecc. e daremo un sussidio di riqualificazione a chi è senza un posto?
    quando avremo solo un contratto a tempo indeterminato, ma flessibile?
    politici e sindacati hanno alzato uno steccato enorme , i privilegiati contro derelitti, ma quanti accetterebbero le riforme?

  14. Scritto da roberto fugazzi

    @ 3 Emanuele…ripeto “l’anomalia” è tutta nella mancanza di diritti per i LAVORATORI DELLE COOPERATIVE,che spesso sono soggette a infiltrazioni della criminalità organizzata,allo sfruttamento in nero.Questa mancanza di diritti per i propri dipendenti(impropriamente chiamati SOCI LAVORATORI) forse è il VERO MOTIVO del loro successo,come per le AGENZIE INTERINALI e tutte le forme più o meno perverse di precariato!
    Come dice DRAGHI,si butta via competenze e CAPITALE UMANO,come anche nel mio caso!

  15. Scritto da Elettore deluso

    Tutta la mia solidarietà, e intanto i nostri amministratori si trastullano con il sole delle alpi, che schifo!
    Chissa quanti stanno in queste condizioni, ma sembra che per certa politica e certi politici non esistono,loro si riempiono solo la bocca di Federalismo, che è ormai come quelle pseudomedicine dei film western, risolve tutti i problemi, Che c… ci tocca sentire.

  16. Scritto da milila1

    Caro Roberto hai la mia più sincera comprensione,anche se so benissimo che in questo momento non è di questa che hai bisogno.Il punto,non è che possiamo continuare a pagare la cassa integrazione,anche perchè non sono soldi dello Stato ma i nostri e poi ci diranno che non ci possono dare la pensione perchè non ci sono più Euro.La verità è finchè le Aziende pensano solo a guadagnare di più e lo Stato a tartassare la gente che lavora, non avremo via d’uscita.QUESTO CAPITALISMO HA FALLITO

  17. Scritto da roberto fugazzi

    @7 miliia1,alle coop. è concesso di non versare per la disoccupazione,e non va bene,POI io in dieci anni,avevo acquisito esperienza e competenza nella LOGISTICA DI MAGAZZINO,conoscevo i prodotti PIGNA e sapevo i flussi di ognuno di loro,ORA è tutto buttato alle ortiche,e sul mercato del lavoro,guardano l’età,non le competenze!
    Io ,non vorrei sussidi…ma un lavoro dignitoso per me e per la mia famiglia,invece andrò ad allungare la fila dei SENZALAVORO di ALZANO e della VALSERIANA. ECCO IL PUNTO!

  18. Scritto da Cooperative (rosse)

    Ah le cooperative, queste invenzioni delle sinistre rosse. Ah le cooperative rosse, sempre tutelate dai sindacati che chiudevano e chiudono non un occhio, ma due occhi.
    Basta con la truffa del lavoro cooperativistico: pagano tasse di favore e hanno stipendi da fame, senza contare che assumono e licenziano quando e come vogliono, con il permesso dei sindacati

  19. Scritto da bunga bunga

    Pensa che berlusconi paga 7000,00 euro a sera per una (dico escort perchè se le chiamo come si dovrebbe mi censurate)

  20. Scritto da Coop Rosse in Prov di BG...?

    @ 9 :Concordo anchio su tua idea Cooperative,una massa di… non concordo sul fatto del Rosso,mai visto e sentito di una Cooperativa Rossa in Provincia di BG;per favore se tu ne conosci scrivici i Nomi,prima di scrivere…

  21. Scritto da RETE CONTRO LA CRISI BERGAMO

    La crisi sta falciando,in bergamasca,decine di posti di lavoro,le casse integrazioni,per chi ce l’ha,stanno finendo,migliaia di giovani precari perdono il lavoro nella invisibilità,a questi si aggiungono gli ultracinquantenni come Roberto…tutti senza futuro! Bene fa B.NEWS a parlarne! Ora va fatto di più,dare forza e organizzazione a questa “moltitudine di senza lavoro” fare quello che finora i sindacati non hanno fatto! Partendo dalla solidarietà concreta,far pesare chi è solo nella crisi!

  22. Scritto da giova

    ma come ormai con l imprenditore a capo del paese , da 10 anni dovrebbero essere tutti milionari

    e invece vediamo la realta

    caro roberto devi solo ringraziare la tua classe politica e chi l ha votato , dei cittadini non e che se ne interessano molto
    ma le banche in svizzera sono piene di clienti italiani chisa chi saranno
    forse gli spazzini e operai della pigna ?? non penso propio

  23. Scritto da dino

    I sindacati ha nno un concetto feudale del contratto. Nel nuovo accordo con Unicredit hanno inserito una clausola VERGOGNOSA che dice:faclitare l’ingresso dei figli dei bancari attuali nelle assunzioni………..
    Personalmente sono uno di quelli con la partita IVA, considerati ricchissimi evasori, meno male che faccio Yoga per resistere al nulla. Chiusa bothega non sei più niente e nessuno. Ci sono troppi liberali perché ci sia libertà!

  24. Scritto da dino

    Per un Comitato dei disoccupati!

  25. Scritto da forza fugazzi

    @14 GIOVA SOLO CHI E’ …. RISPONDE COME RISPONDE LEI A UNA PERSONA CHE E’ IN PIENA CRISI Perchè sempre e solo politica si cerca di analizzare un sistema cioè un metodo che è quello delle cooperative che nascono tutti i giorni purtroppo e se non si vuole rimanere a casa ad oziare bisogna cercare di portare qualche soldino a casa.
    questo signore cioè Roberto Fugazzi ha fame e ha voglia di lavorare a differenza di alcuni lazzaroni che buttano il tempo in scioperi vero GIOVA e poi lamentano

  26. Scritto da block!!!

    TUTTE LE COOPERATIVE SONO ROSSE
    Un altro modo per far soldi ai danni di chi ha bisogno di lavorare. Lo Stato ha trovato il modo di aggirare l’obbligo delle sovvenzioni.
    Fatta la legge trovato l’inganno. Siamo in Italia, no?

  27. Scritto da g

    chi dice che tutte le cooperative sono rosse non è mai stato assunto da una di esse. Non stiamo parlando dei gruppi di potere, come ad es. in Emilia, di Unicop & co, qui si sta parlando di furbetti da 15 addetti senza tutele; basta chiudere e cambiare nome ed ecco lavoratori a piedi senza ammortizzatori.

  28. Scritto da molamia

    Purtroppo e’ la situazione di tante persone e un plauso va a bgnews di lasciare che anche la cruda realta’ traspaia dalle notizie. Gli altri giornali sono troppo occupati a difendere gli interessi dei rispettivi referenti o padroni di turno per occuparsi dei problemi dei cittadini. Credo che ci stiamo avvicinando al punto di rottura definitivo tra classe politica e popolo anche se non oso immaginare le conseguenze.

  29. Scritto da corti-novis

    la cisl ci vive sui cassintegrati… fa troppo fatica mettere in discussione un nuovo modello di sviluppo basato su un salario per tutti di disoccupazione e distribuire il lavoro… troppo impegnata ha dividere il potere

  30. Scritto da Fumagalli Mario

    Ciao Roberto, ti sono molto vicino, anche perchè non solo ci conosciamo, ma abbiamo lo stesso problema tu con la Pigna e io con la Comital, lavoravo con una Coop. da più di 10 anni dentro in questa azienda, chiusa definitivamente per colpa di chi sò io e qui mi fermo. Persone come noi rimaste a casa per colpe non nostre, abbiamo solo voglia di lavorare, soltanto che qualcuno dall’alto con queste nuove leggi e regole del lavoro hanno fatto si che l’esperienza non è più una risorsa ma un costo.

  31. Scritto da roberto fugazzi

    @16 dino…un comitato dei disoccupati? ci si può pensare seriamente!
    certo che ognuno di noi,giovani o vecchi,da soli non contiamo un bel nulla! certo…mettersi assieme non è facile,dai sindacati confederali non viene alcun aiuto,l’ho provato sulla mia pelle,se poi sei in una cooperativa,sei di serie B,come i precari,gli interinali ecc. Nella trattativa,il problema dei magazzini,non è neanche stata nominata.
    Insomma,dobbiamo fare da soli! Io sono disponibile a reagire,a fare qualcosa!

  32. Scritto da ?

    Ciao Mario se Lavoravi in Comital(e sono solidale con té vista la tua situazione,che è anche la mia)ti vorrei porre un Domanda,secondo té è giusto,che una parte di Operai in Cassa integrazione della Comital,stia percependo C.I. ed in piu LAVORI IN NERO?