BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Agricoltori espropriati e non pagati: la Regione s’impegna

In commissione agricoltura la Coldiretti Bergamo lancia l’allarme sui ritardi e mancati indennizzi. Il presidente Saffioti: una risoluzione già la prossima settimana.

Più informazioni su

La Coldiretti di Bergamo lancia l’allarme sui ritardi e sui mancati indennizzi agli agricoltori per i terreni espropriati perché destinati alla realizzazione della Brebemi.
Ad illustrare la situazione è intervenuto mercoledì mattina in Commissione regionale “Agricoltura” il presidente della Coldiretti bergamasca Giancarlo Colombi, che ha evidenziato come numerosi agricoltori e imprese agricole vertano oggi in difficoltà a causa del mancato pagamento di quanto concordato come indenizzo. “E’ da mesi – ha detto Colombi – che si attende il versamento dei soldi, che avrebbe dovuto avvenire entro 60 giorni dalla sottoscrizione degli accordi, ma ad oggi ancora tutto tace, e non riusciamo ad avere un interlocutore affidabile per risolvere la questione, anche perché tra la società Brebemi e la società CAL è un continuo rimpallarsi di responsabilità”.
Dal canto loro i dirigenti di Brebemi intervenuti in Commissione hanno ribadito di avere messo a disposizione i soldi necessari e di aver provveduto a quanto di loro competenza, per cui a loro parere non sarebbe da attribuire a Brebemi la responsabilità dei ritardi.
Il presidente della Commissione “Agricoltura” Carlo Saffioti (PdL), evidenziando come la realizzazione delle necessarie infrastrutture non debba comunque danneggiare oltre misura cittadini e imprenditori, ha subito assicurato l’impegno e l’interessamento della propria Commissione. “Predisporremo già per la prossima settimana una risoluzione –ha detto Saffioti– con la quale chiederemo alla Giunta regionale di verificare in modo preciso e dettagliato la soluzione e di intervenire per rimuovere eventuali ostacoli e accelerare i pagamenti dovuti e concordati. In ogni caso la situazione sarà costantemente monitorata affinchè non si verifichino ulteriori ritardi e inadempienze”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da elisabetta

    bene. signori agricoltori, eccovi dato, per l’ennesima volta, il benservito!
    non gliene importa un fico secco a nessuno di voi, dei vostri campi, del vostro lavoro, delle vostre problematiche, dei vostri sacrifici!
    quello che importa a sta gente, sono i soldi, il costruire selvaggiamente senza rispettare l’ambiente circostante, il fare denaro e il far fare denaro agli amici degli amici ecc…la bassa è diventata il nuovo mondo da COLONIZZARE! SVEGLIA!

  2. Scritto da uno della bassa

    bene la regione, bravo saffiotti!

  3. Scritto da il giudice

    Gli espropri precedenti per realizzare la terza corsia della A4 sono stati prontamente pagati da chi di dovere.
    Non vedo il motivo per questo bizzarro ritardo, anche se effettivamente le casse della regione non sono più quelle di una volta.
    Il buon Saffiotti si da sempre da fare, bravo.