BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Quel telo dietro la panchina ci nasconde la partita”

Un lettore si lamenta del pannello che la societ?? ha applicato dietro la panchina di Colantuono per non disturbare l'allenatore.

Più informazioni su

Un lettore, abbonato dell’Atalanta, si lamenta del telo messo dalla società al fianco della panchina di Colantuono, un telo che rende difficoltosa la visione della partita dal settore dei distinti. Un telo che dovrebbe essere rimosso, secondo le parole dei delegati alla sicurezza (e non di Valenti come precedentemente scritto) all’autore della lettera, a partire dalla partita di martedì sera contro il Modena.

Buon giorno spettabile redazione di Bergamo News,
             Sono un tifoso abbonato all’Atalanta da moltissimi anni (due terzi della mia vita da abbonato…l’intera da tifoso pagante biglietto). 12 anni di abbonamento in Curva Nord e 4 in parterre di tribuna.
Sabato, in occasione del match fra Atalanta e Padova io ed altri tifosi abbiamo dovuto riscontrare con sommo dispiacere una brutta sorpresa nella zona in cui ci posizioniamo abitualmente insieme ad un folto gruppo di amici di tutte le età.
Ebbene, abbiamo notato che sul plexiglass a fianco alla panchina dell’Atalanta era stato applicato un pannello che a me e ad altre persone impediva di assistere alle azioni di gioco per una non piccola parte di campo (se poi uno in quella zona voleva sedersi per riposare un attimo, ecco che il pannello impediva la visione in maniera pressochè totale, per non parlare del disagio alle persone che ormai da anni assistevano alla partita direttamente da quella vetrata).
In parterre di tribuna da sempre si assiste alla partita stando in piedi ma nel caso si dovesse stare seduti quel cartello (come da regola generale in uno stadio) oscurerebbe buona parte del campo.
Com’è possibile una cosa del genere? Abbiamo pagato l’abbonamento dando fiducia alla società già dal mese di luglio, per fare l’abbonamento abbiamo dovuto fare la Tessera del Tifoso, facendoci fotografare e firmando "in bianco" su un dispositivo elettronico e senza nemmeno sapere le condizioni che si stavano sottoscrivendo. Pur essendo sportivi corretti, che amano andare allo stadio e poi tornarsene a casa con e dalle proprie famiglie.
Sono allibito da una così grande mancanza di rispetto nei confronti di noi tifosi che abbiamo pagato per un servizio/prodotto che alla dodicesima giornata di questo campionato è stato di fatto alterato gravemente. Passi per le fessure fra una vetrata e l’altra che sono state sigillate (anche se la ritengo una cosa indegna…per 4 lamentele e 2 fischi meritati verso la squadra nelle scorse partite), ma il pannello è una scorretta ed ingiusta vessazione. Oltre al numero elevatissimo di steward posizionati in quella zona come se il male del calcio italiano e della tifoseria atalantina provenisse da quel settore di parterre di tribuna, mentre sappiamo TUTTI, la Società Atalanta Bergamasca Calcio in primis ,da dove proviene in realtà. Però ci pare che da parte della Società venga fatto poco o niente per eliminarlo o quanto meno contrastarlo…anzi (certe situazioni sono sotto gli occhi di tutti). Salvo vessare i tifosi del parterre che solitamente si posizionano dietro alla panchina dell’Atalanta.
Ci tengo a sottolineare che non accetto la giustificazione secondo la quale il provvedimento sia stato intrapreso a seguito della vicenda riguardante la "signora" procuratore federale che si posizionò di fronte ai ragazzi "diversamente abili" a causa della quale alla Società vennero inflitti 10 mila euro di multa dal giudice sportivo. Tali avvenimenti accaddero infatti a parecchi metri di distanza, ossia dalla parte opposta della panchina rispetto a quella dove è stato applicato il pannello oscurante dove, appunto, sono posizionati i ragazzi "diversamente abili" costretti su una carrozzella, che anche in quell’occasione subirono una vessazione da parte della "signora" in questione. E all’Atalanta fu addirittura inflitta una multa ingiusta per 2 gocce d’acqua. E l’Atalanta cosa fa??? Se la prende con i suoi tifosi, anzichè farsi sentire nelle sedi opportune??? Eh no….sinceranmente c’è qualcosa che non va.
Spero che sin dalla prossima partita in casa (questa sera contro il Modena) quel pannello sparisca in caso contrario alcuni di noi "consumatori" di quella zona del parterre si stanno già accordando al fine di tutelarci con i mezzi civili disponibili. A riguardo, in occasione della partita Atalanta – Padova di sabato 30 ottobre, gli addetti della Società, fra i quali responsabili alla sicurezza alla presenza del delegato stadio sig. Valenti nonchè di altri tifosi, affermarono che quel pannello sarebbe stato rimosso subito dopo la partita in oggetto. Stasera verificheremo la veridicità di quelle affermazioni.
Nel frattempo, lunedì sera 1 novembre 2010, grazie alla trasmissione di VideoBergamo "A come Atalanta" che in ogni puntata concede ai telespettatori di intervenire telefonicamente in diretta televisiva, sono intervenuto al fine di evidenziare questa iniziativa di cattivo gusto del pannello blu posizionato dietro alla panchina dell’Atalanta. Ebbene, anche alcuni componenti degli ospiti della serata se ne erano accorti il giorno della partita ed essi stessi hanno evidenziato la spiacevolezza della cosa, mostrando in trasmissione le immagini riprese che inquadravano dalla tribuna il "famoso" pannello blu.
Inoltre, anche lunedì 8 novembre ho mandato una lettera in trasmissione, sulla falsariga di questa, auspicando la rimozione del pannello già dalla partita Atalanta – Modena di questa sera. Staremo a vedere.
Ringraziandovi per l’attenzione e la considerazione prestatami e par aver dato spazio alla segnalazione di questa spiacevolissima ed incomprensibile situazione venutasi a creare, porgo cordiali saluti.

Fabio 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    ma state a casa che è meglio !!

  2. Scritto da mec

    Il telo se da fastidio deve essere tolto e il signor allenatore se non e’ in grado si sopportare delle critiche cambi mestiere.
    Faccia interviste un po piu’ simpatiche e vedra’ che forse la gente imparera’ a capirlo e forse ad accettarlo senza piu’ disturbarlo.
    Impari del sig Del Neri che si girava a commentare le azioni col suo pubblico. e poi detto tra noi a che cosa serve? se da sopra i vetri arrivano isulti a gogo viva bergamo

  3. Scritto da Soliti piagnistei

    Diritti civili, comitati di protesta, legali, diritti calpestati. Ma non vi sembra esagerato? Non vi sembra ci siano problemi un po’ più seri? Non vi sembra che ci sia di tutto e di più nella lettera che passa da una giusta considerazione al piagnisteo becero e tutto italiano! Mamma mia che tristezza vedere che basta un telone per coinvolgere tutto neel fango. Percassi ma chi te la fatto fare? Togli il telone ma cambia tifosi.

  4. Scritto da gigi

    non pensavo che qualcuno seguisse la partita sopra le teste di allenatore e panchinari…colantuono ( zero capelli) visuale perfetta !

  5. Scritto da francesco

    mi è capitato di frequentare il parterre nord in occasione di qualche partita interna della dea e volevo segnalare un’altra spiacevole situazione ossia quei signori che con la partita non centrano niente (giornalisti, cronisti, fotografi, delegati eccetera) che si accomodano a bordo campo proprio a ridosso del plexiglass dietro il quale si accomodano solitamente i disabili, rendendo loro impossibile gordersi la partita. realizzare delle postazioni dedicate potrebbe risolvere il problema!

  6. Scritto da renzo

    daspo a chi disturba l’allenatore !

  7. Scritto da Limbo

    il tifoso che ha scritto la lettera ha perfettamente ragione. Anche io vado in parterre e ho notato quella cosa. In certe zone non si vede il campo. E in parterre una cosa del genere non si è mai vista anzi gli anziani seguono le partite soprattutto dai vetri. Per non parlare dei disabili che poveretti sono ultra sacrificati.

  8. Scritto da Coppa Italia 62/63

    Lettera prolissa e piagnona.Nel parterre di tribuna non vi sono posti numerati,quindi,secondo me,nessun diritto è stato leso.Comunque basterebbe spostarsi di qualche metro a destra o a sinistra e il problema sarebbe risolto,semprechè lo zelante Fabio abbia voglia di risolverlo….

  9. Scritto da maria carla l.

    E perchè piagnona? Non esiste in nessuno stadio, nemmeno del Congo belga, una roba simile. E chi lo fa notare sarebbe fuoriluogo? ma stiamo scherzando? Ma non ci si rende conto che Colantuono ha fatto una richiesta ridicola? Si difende dai suoi tifosi? Sta così male nei suoi panni? E la società che gli dà retta, calpestando i diritti degli abbonati e degli spettatori che pagano il biglietto. E’ un piccolo episodio che la dice lunga sul rispetto che regna dentro uno stadio.

  10. Scritto da CICOFESTA62

    Hanno fatto benissimo a stendere quel telo divisiorio,infatti non passa partita che alcuni tifosi posti dietro la panchina del Mister continuano ad insultarlo anche pesantemente.
    E’ ORA DI FINIRLA.

  11. Scritto da Gino

    a quello della coppa italia 62 63…allora fai spostare anche tutti i disabili?E se poi mettono altri teli? Spostiamoci ancora. Fino a quando toglieranno l’intera visuale. Ma che ragionamento è? Poi magari sei uno di quelli che si lamenta se qualcuno sventola una bandiera per 10 secondi e io, in curva, vedo anche quelli eh. Ma per piacere chi si lamenta ha ragione!

  12. Scritto da doll

    Ha solo ragione.

  13. Scritto da mario

    ai tifosi che disturbano il tecnico : qualcuno vi rompe le scatole mentre state lavorando ? Rispetto !

  14. Scritto da W L'ITALIA

    Solidarieta’ al lettore, il telo va’ tolto,pero’ anche gli scalmanati dietro di lui lo rispettino mentre sta lavorando,(questi individui ci sono sempre stati con tutti gli allenatori atalantini),poi se e’ il caso giusto criticarlo.Ci mancherebbe.Comunque il ritornello e’ sempre quello e ci si dovreebbe essere tutti abituati.Se si gioca bene e si vede una bella partita applausi , viceversa se si gioca male fischi e insulti,e’ sempre stato cosi’ e sempre lo sara’

  15. Scritto da Nick75

    Concordo in pieno con quanto scritto da Maria Carla e da W L’ITALIA. Il lettore ha ragione, pienamente ragione. A Bergamo, così come in tutti gli stadi d’Italia, le critiche agli allenatori, ci sono sempre state e ci saranno sempre, in ogni settore dello stadio. Solo che dai settori di tribuna dietro alle panchine è ovvio che si sentano molto di più. Un telo non ripara da voci e fischi, ma impedisce al pubblico di vedere! E ciò non è giusto per chi paga il biglietto. Giustissima segnalazione.

  16. Scritto da Alex

    Hanno fatto benissimo a mettere il telo, fino a quando negli stadi ci sarà gente che merita solamente di rimanere fuori… BEN VENGANO!