BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Mi riconosco in An ma sto nel Pdl”

"La mia è soltanto una scelta su come dedicare quel pochissimo tempo che ho per l’azione civica, in un partito vituperato, ma votato e dunque riconosciuto".

Mirko Cuter, presidente del circolo Nuova Italia – La Rocca di Cologno al Serio, spiega perchè, pur riconoscendosi in An e criticando il Popolo della libertà, continua a restare nel Pdl.

Il secondo partito di Cologno al Serio, da mesi non ha un coordinatore, un riferimento. Non può operare riunioni organizzate, eventi, azioni politiche, perché semplicemente non può trovare sintesi ed espressione ufficiale.
Il primo partito in Italia, continuamente attaccato da scandali e contrasti interni.
Ma è il “gruppo di persone” votato da un italiano su tre, dunque con maggiore potenzialità di incisione nel proprio territorio.
Per poter aiutare i propri concittadini, dal garantire la sicurezza al regolamento per il pasto pomeridiano, serve avere un eletto, dunque ricevere voti al proprio gruppo. Se gli italiani votano Pdl, ed io mi riconosco nei valori che furono di AN in cui è confluita, questo è il mio posto. Soffrendo a dismisura sia per quanto si può sentire all’esterno,che vedere all’interno. Ma se l’arrivo è il servire, dunque essere eletti,questa è una strada percorribile e solo migliorabile.
Le alternative? Gruppi civici, che non vedo e non sento da 4 anni al mio paese, perché di cittadini che si impegnano in questo senso non sene trovano quasi più. Gruppi radicali antisistema, nebulosi e lontani dalle piccole realtà alla mia portata.
La mia è soltanto una scelta su come dedicare ora quel pochissimo tempo che ho per l’azione civica, in un partito vituperato, ma votato e dunque riconosciuto. In cui mi riconosco per quanto fu AN ed in cui ho la possibilità di sostenerne la storia. In cui conosco personalmente militanti di valore, che purtroppo non ottengono le prime pagine per i costanti piccoli servizi quotidiani che prestano.

Presidente Circolo Nuova Italia – La Rocca
di Cologno al Serio
Mirko Cuter

www.circolonuovaitalia.ilcannocchiale.it
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giovanna

    uno come Mirko starebbe meglio con Fini, visto che il suo interesse sono gli extracomunitari e le extracomunitarie

  2. Scritto da Ruspa

    Il PDL è ben rappresentato da Tino Resmini, che, come volevasi dimostrare , diventerà il NOSTRO coordinatore ;-)

  3. Scritto da gino donè

    Il PDL alle ultime politiche non era a 1/3 elettori, è matematica. Ad es. alla Camera: aventi diritto al voto 49.938.748. Voti a PDL+Lega+MPA 17.063.874. Pari al 34,17%. Allora gli astenuti furono intorno al 20%, adesso siamo al 40% ed in continua crescita. A causa del comportamento di Berlusconi e dei suoi lacchè, il maggior partito italiano è diventato quello astensionista. Con qualche aiuto di scelte bypartisan in favore della casta su stipendi e non concessione di autorizzazioni a procedere

  4. Scritto da BobGo

    Caro Cuter,
    sovente noi crediamo che il fine giustifichi i mezzi. Ma ci inganniamo. Perché il vero fine sono i mezzi stessi. E se adesso io accetto o commetto un male, in nome di un bene futuro, sono in errore.
    Perché il mio fine in realtà è quello stesso male.
    Le auguro di cuore che trovi nel proprio cuore la strada per la Verità. In quanto solo la Verità conta, tutto il resto è nulla.

  5. Scritto da Beppe Ruspa IV°i

    Io non mi riconosco nel PDL, ma andarsene ora sarebbe correre in soccorso del vincitore, sport nazionale. Chi viene dalla nostra storia (cioè dalla storia del MSI e poi di AN ) non dovrebbe avere difficoltà a stare “dalla parte sbagliata”.
    E poi Fini incanta a parole salvo che poi al netto della fuffa il suo partito sta imbarcando la peggio gente forzista, per cui qual’è la novità? ladri di qui ladri di la.
    Nel futuro ? ” lo scopriremo solo vivendo ”

  6. Scritto da Beppe Ruspa IV°i

    P.s. : oltre ai ladri dentro il pidielle ci sono donne di facili costumi ( ma di sani princìpi ) affaristi, aderenti a quella che è stata sapidamente definita da Dagospia ” associazione a delinquere di stampo cattolico ” ossia CL e la branca massonico-imprenditoriale CDO , insomma un sottobosco che visto dall’esterno è folkloristico e colorato visto da dentro fa schifo.

  7. Scritto da cuìn

    traduzione: se il pdl vince, ok resto. se va male, cambio subito.

  8. Scritto da m

    io concordo pienamente quello che scrive Mirko , continua cosi lottando ,

  9. Scritto da corti-novis

    guarda che adesso il pdl è uno su cinque, cioè al 25%, dunque devi lavorare ancora per riportarlo ad un rapporto 1/3

  10. Scritto da e

    il pdl, piaccia o no, è il partito di silvio. Se lei si riconosce nei valori di an che ci sta a fare?
    Berlusconi lo ha detto a tutti gli italiani e i militanti: il partito è lui.
    Se sta lì accetta questo dato di fatto.
    Il resto è lana caprina di puro politichese.

  11. Scritto da julius

    ehi ministro: hai poche idee ma confuse…
    hai poco tempo da dedicare all’amministrazione del tuo paese? non organizzi nulla perchè “Non può operare riunioni organizzate, eventi, azioni politiche, perché semplicemente non può trovare sintesi ed espressione ufficiale”????
    non capisco…

  12. Scritto da barba

    @1
    Veramente il PDL è 1 su 3, il FLI 1 su 25
    http://www.affaritaliani.it/politica/governo_sondaggio_euromedia091110.html?ref=frame
    E comunque se fosse al 25% sarebbe 1 su 4