BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Comune dice no al centro islamico

Nonostante il Tar di Brescia abbia detto sì, il Comune ferma l'associazione "An Nur"; l'edificio di via santa Rita da cascia non diventerà un luogo di culto ma resterà abitazione privata.

Più informazioni su

Il Tar dice di sì, ma il Comune di Rogno conferma il suo no: la casa in via santa Rita da Cascia, comprata dall’associazione “An Nur” di Costa Volpino, non diventerà un luogo di culto.
L’amministrazione comunale è irremovibile: quell’edificio, che l’associazione vorrebbe anche destinare a centro di erogazione di servizi di assistenza e consulenza agli immigrati, deve restare privato, come già era stato deciso dalla precedente amministrazione.  
Una posizione chiara e netta quella del Comune nonostante la sentenza del Tar di Brescia che un mese fa aveva accolto il ricorso dell’associazione che chiedeva il cambio di destinazione d’uso dell’edificio, che attualmente è accatastato come edificio rurale vicino a una zona industriale.
Al centro culturale “An Nur” di Costa Volpino fanno riferimento circa 1200 immigrati islamici che vivono sul Sebino e in valle Camonica e per loro è l’unico luogo d’incontro e di preghiera. L’edificio di Costa Volpino però non basta più , è troppo piccolo. Per questo nel 2007 l’associazione aveva comprato la casa nel centro di Rogno per utilizzarlo come sede dell’associazione e luogo di preghiera. L’associazione però non si perde d’animo: nonostante il no del Comune “An Nur" presenterà la richiesta per allargare i locali del piano terra della casa.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Evangelista Matteo

    Andate a rileggere il Vangelo Matteo 25-31 e vergognatevi!!

  2. Scritto da julia

    dovrebbero dire no tutti i sindaci che per l’mmigrazione non hanno più soldi per chi è semplicemente ”italiano”. interessarsi del sociale, della viabilità e sicurezza, della cultura italiana e non aver paura di dire NO.ognuno a casa sua è libero di esprimere la sua religione e io da italiana la esprimo in ITALIA
    julia

  3. Scritto da L'amico di dio

    L’emergenza e’ occuparsi delle famiglie dei disoccupati, anche stranieri. I centri islamici sono un bisogno di quelli che hanno la pancia piena oppure interessi oltre…

  4. Scritto da me

    gà manca andòma al centro islamico ..ma per piacere
    al cùmù al ga resù… via via al loro paese

  5. Scritto da pippo

    ma bravi perchè non li mettete in cantina o in sala camera e bagno,e dopo gli preparate anche da mangiare,al loro paese non pretendono questi servizi ma qui da quei italiani coccomeri ben maturi,con poco cervello,tra 5anni comandano loro,ei nostri figli la nostra storia,non passa lo straniero, rimasta solo la canzone vergogna ITALIANI GIUPI

  6. Scritto da luciano015

    Che pena questi amministratori che hanno paura delle loro paure.

  7. Scritto da marilena

    rogno rognoso!

  8. Scritto da MARìlena che lena

    portateveli tutti a casa vostra comunisti del menga.
    ciao