BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Internet Explorer 9, il miglior browser di sempre

Dal punto di vista dell’utilizzatore, poi, Internet Explorer 9 si avvicina sempre di più a una console minima con pochissimi fronzoli e tanti pixel.

Più informazioni su

I servizi seppelliscono le applicazioni, lo streaming il download+uso offline, il gaming online quello stand alone. È questa l’impressione che rimane alla fine della presentazione ufficiale di Internet Explorer 9 Beta, il nuovo browser di Microsoft (scaricabile dal sito labellezzadelweb.it) che, di fatto, non solo colma il gap con la concorrenza, ma si può affermare detti i nuovi parametri dell’uso del Pc.
Le novità del servizio di navigazione, anacronistico quasi chiamarla applicazione, della casa di Redmond si riassumono nelle consuete “prestazioni, sicurezza, user experience, standard”, parole che da sole non rendono giustizia a un tool semplice ma capace di gestire complessità.
Lorenza Poletto, responsabile Windows Client consumer di Microsoft, ha illustrato con estrema sintesi le caratteristiche di un browser che, se ha un difetto, ha quello di dover essere necessariamente accompagnato da Windows 7 per poter sviluppare tutta la sua potenza. E così con un browser gratuito, Microsoft può agevolare il market share del suo ultimo sistema operativo, non male.
I benchmark indipendenti (Sunspider Javascript per esempio) dicono che Internet Explorer 9 è più veloce dei concorrenti nel caricamento delle pagine grazie al nuovo motore Chakra, che sfrutta appieno l’accelerazione grafica della Gpu del Pc per fornire una buona resa nella visualizzazione dei video in alta definizione e dei giochi. Inoltre, Microsoft manda un segnale preciso agli sviluppatori abbracciando gli standard più diffusi, Html5 tra tutti, garantendo minor sforzo in fase di testing di compatibilità.
Ancora, maggiore sicurezza, grazie al controllo diretto dei download oltre che delle pagine, con in più l’aiuto di un sistema di reputation che garantisce l’affidabilità in base al fatto che un certo file sia stato già scaricato senza problemi da altri utenti.
Ma la sensazione di essere di fronte a un nuovo modo di utilizzare il Pc la si ha quando vengono presentati i servizi dei 15 partner che hanno voluto accompagnare Microsoft nel lancio. Ogni scheda può essere minimizzata direttamente nella barra di Windows 7 esattamente come oggi si fa con le applicazioni. E una scheda può essere aperta su un certo servizio, per esempio la radio in streaming realizzata da Rtl o una specifica pagina personalizzata, fornendo di fatto un applicativo pronto all’uso che, nell’esempio citato, è un player radio a tutti gli effetti governabile dalla barra di Windows senza necessariamente riaprire la scheda.
Questo significa che le applicazioni che sono fruibili anche attraverso una modalità di servizio web, pensiamo per esempio a Office Live, sono immediatamente utilizzabili semplicemente con una connessione a banda larga, un Pc con un sistema operativo minimale e, appunto, un browser di questo tipo.
Dal punto di vista dell’utilizzatore, poi, Internet Explorer 9 si avvicina sempre di più a una console minima con pochissimi fronzoli e tanti pixel. È, di fatto, l’esaltazione del comando full screen. Ancora, apprezzatissima la funzionalità che, a seguito di un crash di una scheda, non richiede il riavvio di tutto il browser.
In definitiva, ci sembra che Microsoft abbia fatto un ottimo lavoro e che, soprattutto, abbia, proprio lei la paladina dell’applicazione saldamente installata sul Pc, intrapreso il percorso giusto che, a onore del vero, avevano già segnato alcuni, Google in primis. Aggiungiamo anche che Internet Explorer 9 ha fatto tesoro degli errori degli altri e ora si presenta come il miglior browser in circolazione, risorse del Pc permettendo.

(da lastampa.it)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.