BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Patrocinio al convegno massone, Pirovano arrabbiato

Convegno su Garibaldi e i Mille organizzato dal Grande Oriente d'Italia, con patrocinio della Provincia concesso dall'assessorato alla Cultura.

Più informazioni su

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
line-height:115%;
font-size:11.0pt;”Calibri”,”sans-serif”;
mso-fareast-“Times New Roman”;}

La Provincia non avrebbe dovuto concedere il patrocinio all’evento che si terrà oggi, 6 novembre, dal titolo “Da Bergamo a Marsala con Garibaldi: il compimento dell’Unità d’Italia”. Lo sostiene il presidente della Provincia, che se la prende con il suo assessore alla Cultura Giovanni Milesi, perché l’organizzatore del convegno è il Goi, Grande Oriente d’Italia, vale a dire un ordine massonico. Non è quindi il merito del convegno a stizzire il presidente Pirovano, ma la realtà che lo organizza. “La scelta dell’assessore alla cultura mi ha un po’ sorpreso – dice il presidente -. Come si sa la massoneria non è proprio nostra sorella politicamente parlando. Ho evitato di occuparmi di contributi e patrocini agli eventi e ora c’è stato un errore”. L’assessore Milesi, anche lui leghista, dal canto suo parla di un “convegno dall’alto profilo culturale al quale è stato concesso il patrocinio anche dalla Regione e dal Comune. Restano le mie perplessità sul ruolo giocato dalla massoneria nel processo dell’Unità d’Italia”. Tra i partecipanti al convegno anche l’associazione Amici del Museo Storico di Bergamo, presieduta da Carlo Salvioni, che sottolinea: “Non si pensi alla P2 o ad altre situazioni nascoste e sospette. . Il Goi non è affatto un organizzazione segreta, opera alla luce del sole”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ???????

    Che sia scattata la resa dei conti tra i due ciclopi?

  2. Scritto da Alberto

    La mia paura è che l’assessore non sappia manco cosa sia il grande oriente d’italia. Doppia tristezza.

  3. Scritto da expadano

    Siamo al paradosso: Pirovano a Roma vota le leggi in favore del Piduista Berlusconi, e a Bergamo fa le pulci al suo assessorato per un banale patrocinio. Praticamente il bue che da del cornuto all’asino

  4. Scritto da ghibellino

    non siamo più ai tempi del papa re, rassegnatevi.

  5. Scritto da cancellare la memoria storica ?

    Convegno di altissimo livello; perchè non l’ha organizzato lui visto che 180 bergamaschi parteciparono alla spedizione ? O forse è scattata l’operazione “damnatio memoriae” ?

  6. Scritto da cuìn

    11, forse è proprio per quello: altissimo livello, quindi pirovano non può arrivarci. e se la prende.

  7. Scritto da de che del Sere

    A conferma di quanto scritto da Alex va detto che anche gli Inglesi ( dove i Massoni contavano) hanno favorito la spedizione dei Mille, per gli interessi che avevano in Sicilia e per l’avversione ai Borboni; la flotta inglese in zona sarebbe sicuramente intervenuta se la flotta borbonica avesse attaccato i piroscafi con i Mille. Il presidente di Caravaggio forse non lo sa!

  8. Scritto da giovanni forner

    Bene il convegno, ma oggi, chi ha più di una goccia di sangue garibaldino nelle vene, ed un po’ di spirito garibaldino nella mente, era in piazza, a difendere la libertà dai rinascenti neofascismi.
    Viva i combattenti delle Brigate internazionali Garibaldi in Spagna, viva i combattenti delle brigate partigiane Garibaldi. La libertà ha un prezzo e bisogna essere disposti a pagarlo, o imparare a vivere senza di essa.

  9. Scritto da "Non col vento"

    Dato che le amministarzioni locali non hanno celebrato con adeguati impegno e convinzione il 150° dell’impresa garibaldina dei Mille, evento in cui il ruolo di Bergamo certamente primeggia,ben venga la Massoneria ad occuparsene. E per una volta Pirovano, neoguelfi, neo borbonici e compagnaia bella tacciano!

  10. Scritto da cuìn

    chi si ricorda quando i leghisti si esibirono con cappuccio e numero di tessera di… berlusconi! ahah su leghisti, fuori dal governo di quel massone!

  11. Scritto da pianista

    Quindi secondo Pirovano i finanziamenti della provincia che sono effettuati con i soldi di tutti i cittadini, dovrebbero andare solo a quelli che la pensano come la lega?
    Roma ladrona ma la lega è magnona

  12. Scritto da alex

    Per chi non lo sapesse, l’invasione del Sud da parte dei Savoia avvenne grazie alla Massoneria.
    I Mille di Garibaldi, con i loro due piroscafi, furono uno strumento della Massoneria, e senza l’intervento di quest’ultima, nulla avrebbero potuto contro un esercito di 100.000 soldati e una flotta che era tra le più potenti di allora.
    Regards

  13. Scritto da alto un metro e 82

    Pirovano dove è? è sotto il cavllo di Garibaldi, allora almeno deve farsi sentire!

  14. Scritto da radical scic di destra

    se la lega è politicamente solidale con berlusconi, notoriamente appartenente alla P2, non vedo quale sia la difficoltà a dare il patrocinio della Provincia. C’è veramente da ridere, per non piangere, la lega ha votato tutte le leggi ad personam a Berlusconi, lo difende dagli scandali, difende le ruberie delle varie cricche che girano attorno a Berlusconi e poi Pirovano s’indigna perché il suo assessore Milesi concede il patrocinio!!! Pirovano è un radical scic della “casta” di destra