BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Scuola di Magistratura, Bergamo non paga pi?? un euro”

Ettore Pirovano in Consiglio provinciale ha scritto la parola ???fine??? agli assurdi costi di affitto sostenuti dagli enti bergamaschi

Più informazioni su

“La scuola di magistratura si fa. Comune e Provincia non pagheranno più un euro”. Parola del presidente della Provincia Ettore Pirovano, che in Consiglio provinciale ha scritto la parola “fine” agli assurdi costi di affitto sostenuti dagli enti bergamaschi nonostante la scuola non sia ancora aperta: 242 mila euro a testa in due anni oltre alle spese di gestione (50 mila euro). Ora la palla passa a Diocesi e ministero della Giustizia. La Curia dovrà presentare una richiesta di contratto valutata dall’Agenzia del Demanio. Poi verranno eseguiti lavori di riammodernamento della porzione del collegio Sant’Alessandro che ospiterà la scuola. Solo dopo il termine dei lavori la campanella potrà squillare.
La certezza è che Comune e Provincia non dovranno più versare un euro. “Il nostro canone di affitto è morto – spiega il presidente Ettore Pirovano – il nostro compito sarà solo di mediazione istituzionale tra le due parti. L’affitto verrà stipulato tra Curia e Ministero. La Diocesi dovrà adeguare la richiesta anche in base ai lavori che dovranno essere fatti per la posa dei pavimenti in legno e l’installazione dell’impianto di climatizzazione. Si parla di 600/700 mila euro. E’ stato chiesto di pagarli a Comune e Provincia, ma abbiamo gentilmente risposto di no. Ora aspettiamo che l’agenzia del Demanio faccia la sua valutazione sul contratto proposto, seguiranno poi i lavori e infine si potrà aprire”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pg

    Sicuro che con questa presa di posizione la scuola di magistratura non verrà spostata in altre province?
    Sicuro che con questi atteggiamenti l’economia bergamasca non continuerà a perdere competitività?
    Dopo tanti no quando verrà il momento di proporre qualcosa di positivo?
    CaroPirovano, la verità è che siamo senza il Presidente della Provincia.
    Forse siamo stati abituati troppo bene con Bettoni che ti ha lasciato tanti nastri da tagliare.

  2. Scritto da ureidacan

    La Scuola della Magistratura non parte per un motivo semplicissimo: non ci sono gli allievi. Infatti la Riforma Giudiziaria di Castelli prevede l’obbligo di un corso di sei mesi per i nuovi uditori giudiziari ( i giudici che hanno superato il concorso). Il primo concorso di magistrati rientrante in questa riforma si sta ancora svolgendo ( è stata espletata solo la prova scritta). L’obbligo di anticipare i fitti era stato imposto a Bergamo dai Ministri della Giustizia del tempo, Mastella e Scotti