BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Quei “miserabili” furti al cimitero

E' arrabbiata Gabriella Vitali, una lettrice di Bergamo, con chi ruba al cimitero di Bergamo, non solo i fiori ma anche le coccarde dedicate ai caduti.

Più informazioni su

E’ arrabbiata Gabriella Vitali, una lettrice di Bgnews, con chi ruba al cimitero di Bergamo, non solo i fiori ma anche le coccarde dedicate ai caduti.

Voglio convincermi che non esista altro significato carico di valenze ancor più disdicevoli e vigliacche, se non la mera leggerezza, pur colpevole e inammissibile, o una penosa forma di cleptomania, dietro i ripetuti furti, che ormai troppo spesso si stanno perpetrando al Cimitero di Bergamo e vedono nel mirino – non solo fiori – le coccarde tricolori, poste a testimonianza del nostro affetto verso i Caduti in divisa.
Voglio illudermi che sia così e non avventurarmi ad esplorare altre piste e altre ipotesi ancor più inaccettabili e irritanti, se mai venissero svelate.
Ma già quella dell’irresponsabile stupidità di chi compie, senza riflettere, un gesto deplorevole, come rubare oggetti “votivi”, donati dal rispetto, dalla gratitudine, dalla venerazione verso uomini e donne che hanno fatto del loro giuramento e delle loro vita un olocausto e un sacrificio, nell’interesse della Legge e della Comunità, è sufficiente perché mi senta di esprimere ad alta voce lo sdegno, in queste brevi note che possono giungere ovunque, tramite i moderni vettori informatici.
Si vergognino e la smettano di perpetrare i loro biasimevoli furti, quei miserabili ladruncoli di bassa lega, che non riescono neppure a darsi conto di quanto sia da disprezzare il loro vizio e quanto sia ancor più meschina la loro inesistente statura morale e la loro dignità civile.

Gabriella Vitali

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da nipote

    condivido la lettera sdegnata della Sig. Gabriella Vitali !

  2. Scritto da verita'

    @MARILENA-ah quelli che qui scrivono e non la pensano come lei di rifondazione,sarei sempre io,ma mi faccia il piacere certo la fantasia non le manca,per quanto riguarda il coraggio di firmarsi anch’io posso mettere un nome qualunque,le va bene Antonio,Fulvio,Mario,ecc.decida lei,e per quanto riguarda la firma si mette nome e cognome o non lo sa’.

  3. Scritto da Maurizio

    Marilena , la classe non è acqua !

  4. Scritto da C.G.

    Purtroppo il fenomeno dei furti al cimitero non è circoscritto a Bergamo, ma è diffuso anche in provincia. Non ne capisco il senso: chi rende omaggio ad un defunto dovrebbe possedere un minimo di fede, o quantomeno di rispetto verso i defunti , altrimenti perchè recarsi al cimitero ????? Quindi se uno è credente perchè macchiarsi di un tale infame peccato???? ……….a meno chè uno interpreti la vita come un susseguirsi di azioni dovute (perbeniste) , solo simboliche , senza nessun valore.

  5. Scritto da verita'

    @maurizio-marilena-due di rifondazione che si lodano a vicenda.Che squallore.

  6. Scritto da passante

    E’ miserabile e vergognoso il furto dei fiori o altro al cimitero da parte di sconosciuti ma è più grave quando viene fatto per ripicca tra i parenti.Io l’ho sperimentato e ho ascoltato il custode rinunciando a portare fiori sulla tomba.Il rispetto di fronte ai morti non è meglio di quello che portiamo ai vivi.

  7. Scritto da marilena

    per 9. che squallore la sua insinuazione! Uno come lei che cambia continuamente pseudonimo non ha neanche il coraggio di firmarsi, più sleale di così…

  8. Scritto da marilena

    ha ragione maurizio quando parla di vergogna che non esiste più: non ha messo in discussione la disonestà di questi figuri che rubani fiori, ha semplicemente detto che non hanno più vergogna

  9. Scritto da Maurizio

    Gli esempi non contano ? Bella questa !

  10. Scritto da briscola

    ma povero maurizio! a lui hanno rubato il comprendonio.gli hanno lasciato solo un disco rotto da far suonare in ogni occasione….D’altra parte si è sempre detto :”piove,governo ladro”. Parlando invece di cose serie,sa, gentile signora Vitali,che cosa ha risposto un custode a me che lamentavo i ripetuti furti di fiori dalla tomba del mio Papà?”.. provi a non metter fiori belli”…

  11. Scritto da .azzone

    Ecco bravo…Berlusconi va a p…. e allora posso rubare fiori al cimitero…

    Sei laureato vero?

  12. Scritto da Maurizio

    Ma signora,con gli ultimi esempi di vita retta ed irreprensibile di chi è o crede di essere il n° 1 chi vuole che si vergogni ormai ?

  13. Scritto da W L'ITALIA

    Cara Signora,condivido pienamente quanto da lei scritto,e in specialmodo perche’ avviene in un cimitero,ormai non c’e’ piu rispetto neanche per i morti.Biasimo invece lo scritto di Maurizio che anche in questo caso tira fuori la politica,quando non c’entra per nulla.