BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Che tristezza queste citt?? accese da false luci natalizie”

Un lettore scrive: "Questa falsa allegria mi porta inoltre a pensare: perch?? dobbiamo vivere due mesi l???anno immersi nel Natale Perenne?"

Più informazioni su

Natale sempre più lungo e consumistico: un lettore di Bergamonews prova tristezza in questi giorni accesi da false e fredde luci.

Che tristezza! E’ quello che provo oggi, primo novembre, osservando le prime luci natalizie, fredde nella loro falsa luminosità, apparire ai miei occhi, per subito scomparire nella mente, ma gelarmi il cuore per la loro incongruità e stupida arroganza.
Com’è possibile, mi chiedo, questo enorme anticipo sui canonici tempi, anno dopo anno sempre più velocizzato e illogico e, come se non bastasse, nei giorni dedicati a ben altri e più profondi pensieri?!
Questa falsa allegria mi porta inoltre a pensare: perché dobbiamo vivere due mesi l’anno immersi nel Natale Perenne, quotidianamente e sempre più inquinati dal messaggio consumistico?
I commercianti obietteranno che le feste di fine anno servono a risanare i magri bilanci, e se ciò è pur vero, ripeto che qualche settimana di attesa, nulla cambierebbe alla sostanza dei legittimi incassi.
Io ritengo che un compromesso fra chi vuole un Natale consumistico, fra chi vuole vivere Cristianamente l’Avvento e fra chi, come il sottoscritto, lo voglia vivere in pace e serenità al momento giusto, sia possibile.
Io mi auguro, inoltre, che un po’ più di riflessione porti il pensiero a chi invece ha scelte molto più impegnative da fare (tipo se mangiare o mandare a scuola i figli), o lo rivolga ai tanti problemi che assillano la nostra società. E ci risvegli definitivamente dagli scintillanti proclami mediatici facendoci riscoprire lo spirito del Natale, riuscendo a riavvicinarci definitivamente alle nostre famiglie e, più in generale, al nostro prossimo.

Claudio Carminati
Valbrembo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Marco

    Daccordissimo con la lettera scritta da Claudio Carminati. L’importante è che dentro di te tieni dignità. orgoglio e quei valori che ci hanno insegnato i nostri padri. Sicuramente mi vien da ridere per l’ignoranza di certi commercianti che mettono fuori l’albero alla fine di ottobre per un Natale che non sento ancora. Sicuramente a dicembre lo sentirò di piu. Rimpiango gli anni 80 e 90 perchè era tutto un po piu semplice e umano,Ma purtroppo questi ultimi governi non hanno tempo per insegnare ..

  2. Scritto da cuìn

    43, no.

  3. Scritto da milly.67

    @43 Ricordati chi era Gesù,cosa faceva,come si vestiva, l’umiltà e la vera parola di Dio .
    Molti non sanno neanche perchè vanno in chiesa o meglio ci vanno per “sfoggiare” e pettegolare ma nella vita dovranno rendere conto dei loro comportamenti che contrastano con la vera fede.
    Questo Natale “moderno” aumenta la tristezza di chi è povero che è costretto a vedere questo schifo di consumismo da ricchi.
    Pensa a chi è più sfortunato di tè e rifletti sulla cavolata che hai scritto….

  4. Scritto da Chi vuol esser lieto sia

    @ 35 Fuzzimib
    Fiaba per demoralizzati.
    C’era una volta un fallito nella vita che non aveva capito che “chi è causa del suo mal, pianga se stesso” … Ma lui non capiva, e la colpa del suo mal era la bieca società che lo circondava.
    Così decise di diventare terrorista, ma non aveva coraggio, e si risolse a scaricar le proprie paturnie su internet.

  5. Scritto da bergamasco

    per la 43
    ma smettiamola di fare i morlaisti su qualsiasi cosa,sempre a lamentarsi su tutto,gesu non aveva conto in banca,niente cellulare,niente tv,niente macchina,niente casa ecc ecc solo un saio ..e quindi tu vuoi dirmi che sei nelle stesse condizioni??ma va la…lo so anche io che cè gente che altrove sta male,ma è colpa mia?io lavoro ogni giorno per cercare di avere una vita un po comoda,non mi devo sentire responsabile se da altre parti stanno male,non è colpa mia se sono nato qua.

  6. Scritto da a tutto consumo

    E’ tutto commercio, è l’epoca consumistica !e poi è sempre festa (e la cassa del negozio si riempie !)

  7. Scritto da a

    Sto leggendo “Fuga dal Natale” di John Grisham.
    E’ la storia moderna di due coniugi che decidono di trascorrere il Natale lontano da casa e soprattutto dall’aspetto più pagano (alberi-cene-regali etc…) di questa festa.
    Un mezzo in più per riflettere.

  8. Scritto da stefano b.

    è triste che l’individuo abbia bisogno di artefizi per essere sereno e felice, mentre non gli bastano gli affetti della famiglia, degli amici, la passione sportiva, la passione culturale –
    ha bisogno che qualcuno gli dica che per realizzarsi deve spendere, magari indebitandosi, per dimostrare le sue possibilità e far invidiare gli altri, per illudersi che poi starà meglio, mentre dopo si è ancora più tristi e malinconici –
    il 25/12 è bello perchè le giornate iniziano ad allungarsi e basta.

  9. Scritto da LUCIO 1990

    AVETE RAGIONE: DOVE NON C’E’ IL NATALE NON C’è NEPPURE IL CONSUMISMO: STO PENSANDO ALL’UNIONE SOVIETICA…….

  10. Scritto da babbo

    natale m’ha tiart dù bale…..tutti falsi perbenisti, mangiabambini e comunisti!

  11. Scritto da Chi vuol esser lieto sia

    @20 Fuzzimib
    Ne ho cinque di figli e sto aspettando il sesto perche sono grazia del Signore.
    Anch’io faccio sacrifici, ma non sono un beota e ho la cultura per affrontarli.
    Tu esi depresso, invece. Attento a non suicidarti, se così fosse sappi che non è colpa della società, ma delle tue incapacità culturali ad affrontare i propblemi.
    Ti consiglio qualche buon testo di filosofia antica, quando gli uomini si accontentavano del poco che avevano di materiale, ma tanto di spirituale. Auguri!

  12. Scritto da @ 22

    @22
    A te manca la cultura per capire quel che ho scritto. Sei troppo materialista: pensa allo spirito che ti fa bene

  13. Scritto da Fuzzimib

    @ Chi vuol esser lieto sia
    Mi piaccion le fiabe, raccontane altre…

  14. Scritto da @34

    Ancora una volta hai ragione, è probabile che dietro questa lettera ci siano i fondatori della cultura moderna, cioè gli ateniesi (sarà solo un caso che il pacco bomba dell’altro giorno per palazzo chigi veniva da Atene?).

  15. Scritto da carmelo

    A me non dispiace che arrivi Natale: le notti sono lunghe e in questo periodo c’è molto buio: un pò di luci mi fanno presagire giorni più luminosi e mi danno fiducia; poi è l’occasione di andare a trovare quelle persone che vedi di raro con un regalino piccolo piccolo per un grazie al bene che hai ricevuto. E’ vero, ce nè troppo di Natale come consumi … ma basta starci un pò alla larga che il suo arrivo fà bene.

  16. Scritto da il giudice

    Ma cose successo per @ 36 ?
    Problemi di conteggio, oppure qualche altro arcano mistero da delegare ai posteri.
    Sono d’accordo con la lettera, queste pseudo festività luminarie prolungate irritano moltissimo
    A Betlemme festeggiano il 25 Dicembre e basta, accidenti dimenticavo che solo in Palestina ci sono i veri fedeli, qua solo gli spendaccioni beoni che vanno alla messa di mezzanotte in pelliccia di visone sopra un tubino di Armani e poi tutti a gozzovigliare nelle seconde case montane.

  17. Scritto da passante

    D’accordo con la segnalazione, è uno schifo.

  18. Scritto da libertà

    Libertà è anche vivere le situazioni come meglio si crede. E’ vero che c’è sempre di più un anticipo nell’esporre i simboli del Natale, ma è anche vero che al consumismo ci si può sottrarre senza difficoltà. Guardare, magari ignorare, passare, e non curarsi dello sfavillio. Il Natale cristiano lo si vive dentro di sè, se si crede, non fuori. Per il resto, per chi vuol far festa, a cominciare da qui, che festa sia. Purché senza retorica, da entrambe le parti

  19. Scritto da corti-novis

    anche chi predica bene razzola male… l’eco di bergamo e la sua televisione fanno già pubblicità di natale per dei prodotti… per coerenza dovrebbero rinunciare… ma consumismo e profitto sono più forti dei buoni principi e valori anche di chi le ostacola con bellissime parole di dusgusto

  20. Scritto da S.V.

    Pe quanto mi riguarda questa esagerata anticipazione delle feste mi fa arrivare al giorno di Natale già stanca di lucine e festoni.
    E’ un po come annacquare un buon vino d’annata , sarebbe molto più emozionante vivere intensamente il periodo della festa nei giorni effetivi .

  21. Scritto da bernardino zappa

    Argomento assolutamente pertinente.
    Sono pienamente d’accordo.
    Che i consumi nella nostra civiltà siano “importanti” non può giustificare qualsiasi cosa. A partire dallo stravolgimento di una festa fondativa e povera come il Natale.

  22. Scritto da Bergamasco doc

    Sante parole, che sottoscrivo in pieno.

  23. Scritto da bergamasco

    a me il natale piace,come mi piacciono molto le luci che illuminano le fredde notti d’inverno rendendo personalmente una immagine allegra.non sono daccordo con chi dice che natale=consumismo,sfoggio del lusso ecc ecc.chiunque ne ha le possibilità economiche,può benissimo andare a messa in ferrari o pelliccia e sedersi accanto ad un “barbone”,non mi sembra giusto discriminare uno che ha e che sfoggia,perchè se tutti ne avessimo le possibilità,faremmo altrettanto

  24. Scritto da none'cosi

    e’ il modello si societa’ stile SB

    non che SB l’abbia inventato intendiamoci , ma lui e’ l’esponente di punta della sociata zeroproblemi, tutti belli e felici.

    putroppo non e’ cosi

  25. Scritto da El Merendeiro

    Sul fatto che sia presto sono d’accordo, ma non è una cosa che fa male, anzi, aiuta un po’ tutti…

  26. Scritto da greatguy

    condivido ogni parola della lettera publicata.

  27. Scritto da marco

    Sonop d’accordo al mille per cento. Cosa credono, che io vado a fare la spesa da loro perchè hanno le lucine? Non ha nessun senso un anticipo del genere e mette davvero tristezza.

  28. Scritto da barba

    Completamente d’accordo!
    Del resto quando vedo che il Comune organizza la mostra “Bergamo e l’aeronautica nella grande guerra” indicando erroneamente il 4 Novembre come anniversario della fine della Prima Guerra Mondiale non mi meraviglio più di niente.
    La superficialità e l’ignoranza che regnano sovrane ci porteranno a festeggiare il Natale nelle pause tra una serie e l’altra del grande fratello

  29. Scritto da Andrea

    bhe se vogliamo incupirci per tutta la vita…. magari le luci il primo novembre sono fuori luogo ma a me piaciono e mi fanno “compagnia”.
    vero ci sono tanti problemi….. ma forse evadere ogni tanto…non fa male…..
    se poi vogliamo addossare sempre le colpe a chi ci comanda…bhe qualcuno li avra’ votati…pero’ se chiedi in giro nessuno sa niente….

  30. Scritto da milly.67

    Per chi lavora nei centri commerciali il Natale NON ESISTE …
    Dal 1 Novembre fino a metà Gennaio APERTI TUTTE LE DOMENICHE E FESTE VARIE e a Dicembre neanche un giorno di riposo tranne il giorno di Natale e S.Stefano.
    Diciamo che è uno sclero e non una festa come dovrebbe essere.
    Tanto gli incassi li fai l’ultima settimana prima del giorno di Natale, se poi tanti aspettano i saldi di Gennaio….ma ormai questa è la “tendenza” e non mi spiego il silenzio assenso della chiesa . FAMIGLIA ????

  31. Scritto da satanasso

    Per 4: Incredibile, anche qui è colpa di Berlusconi!!!!

  32. Scritto da Paola

    Io sono contraria alla lettera.
    Festeggio il Natale senza regali, in famiglia, attribuendo il corretto valore cristiano alla festa. Però mi piace prepararmi alla festa con l’atmosfera gioiosa date dalle lucine e mi piace che appaiano anche da subito visto l’oscurità e la tristezza del cambio dell’ora.
    Anche i Cristiani si preparano al Natale con l’Avvento. Ognuno poi scelga di dare il significato che preferisce alla festa.

  33. Scritto da buona notte

    E’ v ero, Paola 12, i primi cristiani preparavno l’avvento con lucine e brillantini, per entrare nell’atmosfera del Natale.
    Ma va la’…. non argomentare, lascia perdere, che è meglio.

  34. Scritto da Lara S.

    Bé… che al giorno d’oggi il Natale abbia perso il suo vero valore e significato, è certo, come è altrettanto vero che c’é molto consumismo dietro, però nonostante tutto penso che il periodo natalizio con luci e cecorazioni sia il più bello dell’anno, con tutti i problemi che si hanno, la vita sempre più cara, far fatica ad arrivare alla fine del mese, c’è bisogno di colore, allegria per poter sognare e accontonare per un po i problemi di tutto l’anno!

  35. Scritto da Marco Rozzoni Mosca

    daccordissimo con la lettera.
    sono anni che a dicembre non compro più nulla che non sia strettamente necessario a novembre / dicembre, credetemi nulla! in risposta a questa esagerazione. Anche a me da la stessa sensazione di falsa allegria che diventa tristezza quando si intreccia con la realtà per troppo tempo. Sarò drastico ma diventa una cosa fastidiosamente ossessiva. Come è ossessiva e controproducente l’dea che tutti i mali vengono da SB. Atteggiamento comodo immaturo, dannoso, pensare che via lui, risolto tutto? sognate… sognate…

  36. Scritto da Piero T.

    Personalmente condivido. Il Natale in origine era una celebrazione del Solstizio d’Inverno ( 21 Dicembre ), poi assimilato dal Cristianesimo.
    Comunque un giorno importante, che niente ha a che fare con i finti luccichìi di fredde insegne messe lì solo per vendere.
    Capisco perfettamente chi ci deve lavorare, magari mettendo quei patetici berretti con le lucine intermittenti…il cuore è altrove…

  37. Scritto da John Locke

    Si dice mani calde cuore freddo…….tante luci, tanti lustrini, poca anima….

  38. Scritto da Ray 59

    Sono perfettamente d’accordo con il lettore,gli addobbi dovrebbero comparire all’inizio di dicembre ma,ormai non esiste più il senso del Natale,siamo arrivati al consumismo puro perdendo tutti i veri valori della ricorrenza.Personalmente dopo la scomparsa di persone care preferirei proprio dimenticarla questa ricorrenza perchè mi trasmette solo molta tristezza!

  39. Scritto da Chi vuol esser lieto sia

    Ma questo blog è proprio un muro del pianto. Non va mai bene niente.
    Meno male che il mondo non è tutto così. se no ci dovremmo suicidare tutti.
    Ma grazie al cielo la maggior parte della gente, quella che vota Berlusconi, non la pensa così. Con fiducia ed allegria affronta la vita, come fa il buon Silvio. Perciò viva la vita, viva le luminarie, viva il consumismo e: chi vuol esser lieto sia, nel doman non vi è certezza !

  40. Scritto da Fuzzimib

    Ha ragione il 19. Meglio essere un beato beota che accetta tutto quel che viene, piuttosto che una persona critica e assennata. Peccato per lui che questa società di plastica si stia sfaldando, superata da mondi in piena crescita e sviluppo. Caro “Chi vuol esser lieto sia”, sicuramente non hai figli e il tuo diman (no doman…) ha solo tristi apparenze. Auguroni, anche per il natale, visto che siamo in tema.

  41. Scritto da Senterù

    @12
    In effetti passare dal 2 Novembre con i crisantemi al 3 con le luminarie natalizie da proprio il corretto valore cristiano sia alla festa dei defunti che al Natale.
    Che pena…

  42. Scritto da @ 19

    E’ proprio vero quel che scrivi, e secondo me c’è la mafia dietro questa lettera. O forse gli ufo…

  43. Scritto da Bigol de Lai

    A me ol nadal al me pias e anche la cansu’ che la fa’..gingon bel gingon bel gingon gingon bel..ol nadal le’ riat lalalalalaaaaaaa.
    a oter ve pias ?

  44. Scritto da ORSO45

    Un po’ di cinitico pragmatismo.
    Sono specchietti per le allodole…… che poi si fanno impallinare vuoi dai prezzi aumentati, vuoi dal costo delle luminarie pagate dalle stesse vittime.
    Lo spirito del Natale non sta nel comsumismo sfrenato ma nella serenità dei cuori e mell’innocenza dei bimbi che credono alla sua magia.
    C’è grande bisogno di riflettere su dove stiamo andando e non certo per colpa di politici capopopoli ma per pigrizia intellettuale che omette i valori morali ed umani.

  45. Scritto da block!!!

    Lo sai perché due mesi prima?
    Per Sua Maestà il commercio
    A questi non frega nient’altro.

    Il problema è che è carnevale tutto l’anno.
    Sempre per lo stesso motivo: ingrassare gente come la Marcegallia coi soldi dei 1200 euro mese

  46. Scritto da Cirano

    Cosa si pretende quando da dx e sx si continua a dire che bisogna implementare i consumi perchè si deve far ripartire l’economia col circolo “virtuoso” più si consuma più si lavora?Siamo o nn siamo nella civiltà del centro commerciale? Si e quindi prendiamoci la paccotiglia natalizia a ottobre..del resto basta guardarsi x strada: se davvero ci fosse una crisi seria nn ci sarebbe in giro quel n° spropositato di auto che c’è(e che auto..) ah X 19 ti sei dimenticato un “viva” a buon intenditor…

  47. Scritto da bilo

    sono d’accordo con la signora è una vera tristezza………bisogna riportare il natale nella giusta dimensione