BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Caos studenti, la Cgil: “Fate pace” Dsas: “Noi non aderiamo al progetto”

La Cgil cerca di smorzare la tensione dopo l'accesa riunione che ha sancito la separazione tra collettivi studenteschi. Dsas, il gruppo che ha deciso di abbandonare l'incontro, "assolve" il sindacato, ma conferma tutte le accuse rivolte al Movimento studentesco.

Più informazioni su

La Cgil cerca di smorzare la tensione dopo l’accesa riunione che ha sancito la separazione tra collettivi studenteschi. Dsas (Dagli studenti agli studenti), il gruppo che ha deciso di abbandonare l’incontro, "assolve" il sindacato, ma conferma tutte le accuse rivolte al Movimento studentesco.

Di seguito, vi invio la nota di Francesca Seghezzi della segreteria provinciale CGIL di Bergamo in merito alle tensioni fra collettivi studenteschi a Bergamo e al ruolo di Toolbox, lo spazio CGIL under 35 di via Borgo Santa Caterina.

“Siamo nati per ascoltare e ospitare nei nostri spazi tutte le realtà giovanili della città e della nostra provincia, quelle che si riconoscono nei principi fondativi della CGIL, cioè l’antifascismo, la democrazia, l’antirazzismo, l’antisessismo. Nella vicenda delle tensioni interne fra i collettivi degli studenti, Toolbox ha voluto dare ospitalità ai diversi soggetti, fornendo loro un luogo fisico in cui confrontarsi. Lo abbiamo fatto e continueremo a farlo perché crediamo che una rete fra collettivi studenteschi non possa che rendere più efficaci le loro azioni. Uno dei motivi più contingenti per cui appoggiamo questa rete è la protesta contro la Riforma Gelmini che il sindacato ha sempre considerato una cattiva riforma. Per questo ci auguriamo che i collettivi degli studenti riescano a tornare a lavorare insieme. Toolbox, resta inteso, continua ad essere a disposizione come luogo di confronto”.

Toolbox, cioè cassetta degli attrezzi, è la prima esperienza del genere in Italia e per il sindacato nazionale è un progetto pilota. Ha aperto ufficialmente a Bergamo il 16 marzo scorso, alla presenza della segretaria nazionale Susanna Camusso, in Borgo Santa Caterina n. 60 (orari: dal martedì al giovedì dalle 15 alle 20. Il venerdì e il sabato fino alle 23). È lo spazio CGIL under 35 che ha per obiettivi quelli di portare all’interno della contrattazione sociale territoriale le istanze rilevate fra la popolazione giovanile, di fornire servizi di orientamento al mondo del lavoro, della formazione e della previdenza, dedicati agli under 35; di sensibilizzare ragazzi e ragazze sulle materie previdenziali; di intercettare ed ascoltare le seconde generazioni di immigrati, per tradurne i bisogni in proposte culturali di integrazione. Toolbox sta cercando di farlo fornendo gli “attrezzi” (ecco perché Toolbox, cassetta degli attrezzi) necessari oggi: la formazione, l’orientamento, la tutela sindacale, ma anche la possibilità di trovare luoghi di aggregazione, politica, sindacale, culturale e del tempo libero.

Ecco il comunicato di Dsas:

Dopo le polemiche scaturite dall’articolo di Roberto Pinotti pubblicato sul suo blog e subito dopo sul sito di BERGAMO NEWS, con il presente comunicato DSAS prende le distanze in merito alla frase che coinvolge la CGIL Bergamo nell’oggetto della discussione la quale ha solo messo a disposizioni i locali per la riunione. Tuttavia, fatta eccezione per il malinteso commesso dal Sing. Pinotti esplicato poc’anzi, DSAS conferma tutta la ricostruzione dei fatti, non censurando minimamente i toni satirici usati nell’articolo. Attraverso questo comunicato, DSAS ribadisce la sua scelta di non adesione al progetto che stava aiutando a costruire insieme a tutti i collettivi delle scuole di Bergamo perché privo di un base comune (Base comune di sinistra smentita comunque durante la riunione del 31-10-10 con tutti gli altri collettivi delle scuole). DSAS si è sempre dichiarata antirazzista, antiomofoba, antisessista, antixenofoba, Apartitica e DEMOCRATICA. Non può quindi prendere parte ad un progetto aperto solo a studenti di un’ideologia di sinistra. Se si dovrà fare ulteriore chiarezza DSAS è disponibile al dialogo e al confronto.

Sicuri di aver chiarito la posizione di DSAS e della CGIL Bergamo erroneamente coinvolta,
DSAS porge cordiali saluti a tutti

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gianluca

    1-Dsas è un collettivo, che non ha mai dichiarato di essere APOLITICO, ma APARTITICO.
    A dimostrazione di ciò DSAS ha cercato una collaborazione per la stampa di ”INTERVALLO” in una sede di un SINDACATO e non in sede di PARTITI POLITICI.
    2-La scelta di DSAS di stare dalla parte della DEMOCRAZIA,LEGALITA’,LIBERTA’ DI INFORMAZIONE aldilà di ogni partito politico è stata dimostrata nei FATTI con DIVERSE INIZIATIVE, ad esempio organizzando il NOBAVAGLIODAYBG a luglio, dando voce a CHIUNQUE voless

  2. Scritto da Oberti Marco

    @Pier – un collettivo con direttore e vicedirettore? wow! ero rimasto ai portavoce! siete avanti voi di dsas!

  3. Scritto da antonio curci

    @ pier
    leggevo tra i commenti che stampate il giornalino in UIL.
    caspita, farete arrabbiare i lavoratori visto anche cosa succede alla fiat per colpa della UIL.

    spero siano solo scioccherie sul vostro conto.
    forza ragazzi!
    forza la redazione di DSS
    antonio curci

  4. Scritto da madoname

    “DSAS si è sempre dichiarata antirazzista, antiomofoba, antisessista, antixenofoba”
    questo NON è essere apartitici!
    se siete quanto avete scritto come fareste a scendere in piazza con gente dichiaratamente razzista, omofoba, sessista e xenofoba????
    STATECI DENTRO!

  5. Scritto da ehm

    nel comunicato di DSAS manca antifascista. Dimenticanza o scelta?

  6. Scritto da Coerenza

    una domanda…
    secondo voi dichiararsi apertamente antirazzisti, antiomofobi, antisessisti e anti xenofobi non è darsi una base politica??
    antirazzismo ecc sono da individuare storicamente in un area politica cmq di sinistra.la lega ha più volte mostrato la sua faccia razzista, lo stesso per i partiti della cricca di destra.
    implicitamente vuol dire che siete contro la lega, sbaglio?
    oddio il democratico dsas si è schierato contro un partito!!!

    Coerenza

  7. Scritto da 'sti gggiovani

    e tra l’altro fate pure un pò pena……
    se avete così tanto in bocca la parola “democrazia”a 15-16-17-18 anni, a 30 cosa fate?!giocate a bocce??
    maremma…..

  8. Scritto da roberto fugazzi

    In questi giorni,è stato firmato al MINISTERO DEL LAVORO,il contratto sull’APPRENDISTATO “professionalizzante”,che riduce DIRITTI e REDDITO per TUTTI i giovani fino a 29 anni che entrano nel mondo del lavoro! Invece di dividersi su “basi ideologiche” sarebbe più costruttivo,affrontare,oltre alla RIFORMA GELMINI,quello che CONFINDUSTRIA E CGIL CISL e UIL stanno concordando sulla PELLE DEI GIOVANI,senza neanche consultarli e ipotecando il loro futuro nel mondo del lavoro! Propongo una discussione!

  9. Scritto da una mamma

    ricapitoliamo:
    prima si dice che non sono di sinistra (dsas)
    poi si scopre che stampano in CGIL (sempre dsas)
    poi escono dai collettivi perche loro non sono di sinistra (ancora dsas)
    poi la cgil non c’entra nulla (ma come? io tesserato cisl quasi ci speravo)
    poi pero dsas è antirazzista, antixenofobo, apolitico, antisessista (provare ad essere PRO qualcosa?)

    quanta confusione ragazzi!
    come cresceranno i nostri figli se la legge gelmini taglia l’istruzione???peggio di questi sicuramente…

  10. Scritto da esel

    Dsas si dichiara “antirazzista, antiomofoba, antisessista, antixenofoba, Apartitica e DEMOCRATICA” (dal precedente comunicato – par di capire però che si senta a disagio di fronte all’ “antifascismo”…). Dsas parte da nobili dichiarazioni, ma – par di capire – rifiuta di tracciare uno straccio di discrime verso chi fa riferimento ad aggregati che antirazzisti, antiomofobi etc. non lo sono né vogliono esserlo… Fatemi capire, ragazzi del Dsas, per favore!

  11. Scritto da nefatli89

    xk schierarsi con un partito è così importante!
    spiegatemi cosa vuol dire essere di sinistra???
    io sn un comunista!nn un comunista per sentito dire…
    spiegatemi cosa c’entra in questa situazione essere di sinistra!
    essere antifascisti!???
    anche uno di destra può essere antifascista!o vi dimenticate dell’esistenza della costituzione!
    un giornale può essere indipendente…
    ex. FATTO QUOTIDIANO…
    è di destra o sinistra???
    travaglio di destra o sinistra???
    aspetto le vostre risposte

  12. Scritto da antionio crippa

    sono confuso…
    ma Dsas dice di essere apolitico ma in verita ha delle basi della sinistra storica, pero con i ragazzi di sinistra non ci parla…

    quanta confusione.
    rimandati a settembre.

  13. Scritto da studente

    ahahahahha,
    ahahahahha,
    ma come prima attaccate la cgil e poi la difendete?

  14. Scritto da starci dentro grazie

    senza parole, coerenza ragazzi! ora che farete stamperete in uil, il sindacato giallo?
    cosa ci si puo aspettare da un collettivo(o giornalino?) giallo?

  15. Scritto da leggere

    X DSAS: ma almeno dite che siete di centro!
    sareste meno ridicoli e più sinceri…

  16. Scritto da Pier

    Chi vuole parlare dei problemi delle scuole DEVE dichiararsi di Sinistra.
    Vi sembra giusto?
    Art.4: DSAS opera e agisce secondo il suddetto Statuto che è stilato secondo principi inscindibili quali Democraticità, A-Partiticità e tutti i valori atti a contrastare comportamenti irrispettosi, razzisti, xenofobi, omofobi, sessisti, e tutte le discriminazioni religiose e culturali. Ogni membro di DSAS, per farne parte, deve aderire a questi principi fondamentali.

  17. Scritto da carlo guerini

    dice bene nefatli, perche dovete prendere le distanze? prendere posizione?
    diceva Montanelli ai suoi giornalisti, non mi interessa come la pensi ma non voglio leggerlo scritto negli articoli.

    una domanda DSAS: quando ora scriverete di manifestazioni studentesche, visto che avete scelto di starne fuori, sarete imparziali?

  18. Scritto da simone coffetti

    confusione! da che parte state DSAS? e poi perche un giornale dovrebbe fare parte di un gruppo di collettivi?
    e come se REpubblica partecipi ad una manifestazione del popolo viola!

    sempre facile non prendere posizione!
    speriamo abbiate da imparare…

  19. Scritto da Pier

    @ehm
    “nel comunicato di DSAS manca antifascista. Dimenticanza o scelta?”
    Rispondo a nome di Dsas: siamo cittadini Italiani, la Costituzione della Repubblica Italiana è già Anti-fascista, leggila.

  20. Scritto da @ pier

    ma perche un giornale fa parte dei collettivi? rischiate di essere autarchici, cioe scrivete di voi, fate le azioni politiche, e ne scrivete bene…

    è una domanda seria

  21. Scritto da Pier

    @simone coffetti
    Dsas è dalla parte degli studenti. (Dagli studenti Agli Studenti) di qualunque colore essi siano e per tutelarli e dare voce ai problemi che hanno nelle scuole.
    Dsas è un COLLETTIVO.Tra le altre cose pubblica un giornalino :”Intervallo” è il giornale che viene Redatto da questo collettivo.

  22. Scritto da pippo

    se manca la cartaigienica perche un giornale deve fare qualcosa? un giornale scrive che manca punto e stop, mi sembra di aver capito che a fronte della vostra multi identita qualcuno vi ha chiesto di prendere le distanze da PDL e LEGA…ma voi nulla, non vi volete dissociare da certi partiti. sara che forse gli chiederete in cambio qualche escort?
    (ironia)