BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Noi, costretti al bunga bunga sui treni pendolari”

Ecco il testo di una lettera aperta inviata al presidente della Regione e all'assessore ai Trasporti.

Ecco il testo di una lettera aperta inviata al presidente della Regione e all’assessore ai Trasporti.

Caro presidente Formigoni, Caro assessore Cattaneo, 
Abbiamo appreso in questi giorni dai giornali che il BUNGA-BUNGA ormai impazza in ogni dove…… 
Tuttavia potendo scegliere, ci piacerebbe come utenti dei servizi regionali di trasporto… poter fare volentieri a meno…, delle “belle ammucchiate” a cui siamo giornalmente costretti sui treni regionali,  mattina e sera, vedere il continuo degrado del servizio, nonostante si continuino a vantare successi e investimenti, ci ha veramente disgustato…
Cronaca di un giorno e di un treno ordinario…, TRENO REGIONALE 10637  in partenza alle 18,15 da Milano Centrale destinazione Brescia 19,17 (Arrivato ieri alle 19,27)

Milano 3 novembre 2010
Il treno Regionale (pagato dalla Regione Lombardia), come ogni sera ha 4 carrozze su 9 chiuse,
L’unica carrozza di prima classe è al buio (la luce non funziona), il treno è strapieno, ho un abbonamento di prima classe e mi siedo nell’unica carrozza di prima anche se al buio… pazienza dormirò…, mi dico…
No…, non è possibile…, un solerte capotreno…, regolamento alla mano, entrando come una furia nella carrozza.., minaccia di non far partire il treno “per motivi di sicurezza” (la luce non funziona…), se prima non ci trasferiamo in un’altra carrozza…
Gli chiedo quale…, visto che ne sono rimaste a questo punto solo 4 su 9 e che la gente è già accalcata in piedi sulle piattaforme…, senza contare che tra qualche minto altre centinaia di persone dovranno salire a Lambrate…
Niente da fare…, provo a ragionare civilmente, chiedo spiegazioni sulle altre carrozze chiuse, nessuna risposta…,  poi mi trovo davanti il solito muro del regolamento agitato come una clava insieme alla non troppo velata minaccia di far intervenire la polizia ferroviaria… (Ormai sui treni Italiani funziona così…, tu paghi ma non hai alcun diritto, e se provi a lamentarti ti prendi anche una denuncia…).
Stranamente lo stesso regolamento sulla sicurezza…, prevede invece che si possa viaggiare come animali, stipati in carrozze con porte di ingresso e uscita che non funzionano, carrozze allagate, sedili talmente sudici da non poterne distinguere più il colore originario, dotazioni antincendio inesistenti e addirittura con semiassi mal funzionanti…Già…, i semiassi…, la sera precedente… stesso treno stesse condizioni di viaggio, siamo rimasti fermi a Rovato per 15 minuti dopo l’annuncio : “Causa surriscaldamento di un semiasse…”… , una cosa normale… 
Per concludere… scendo dal treno 10637 e vado a prendere l’interregionale 2109 in partenza dalla Centrale alle 18,25 previsto in arrivo a Brescia alle 19,33…, arriveremo invece alle 20,05 con 32 minuti di ritardo…
Caro Formigoni…
a questo siamo ridotti dopo tanti anni di promesse mancate…
veniamo trattati come bestie in casa nostra… minacciati se solo osiamo alziamo la testa e cerchiamo di far valere le nostre ragioni di utenti…, cittadini e prima di tutto persone… 
Già…, dimenticavo… questo è ormai il “paese” del BUNGA-BUNGA… e la “regione” dei miliardi di euro che verranno spesi per l’EXPO’…
E non importa se nel frattempo la qualità dei servizi per i cittadini ed anche la loro dignità… viene calpestata e umiliata ogni giorno… 
Una buona giornata

Paolo Rivi
ASSOCIAZIONE PENDOLARI
IN ORARIO SEZ. BRESCIA

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Narno Pinotti

    @15: prego, trovi i dati, come ho fatto io. Mi aspetto che, rispetto all’Italia, un impiegato/operaio guadagni in Germania sia 2,6 volte di più, in Olanda 2,4 volte, in Svizzera 3,4, in Inghilterra 6,2. E dimostri pure che la produzione e manutenzione dei treni e l’esercizio delle linee costano in proporzione.
    @9: se Lei fosse un politico che ogni anno promette 10 e mantiene 1, e ogni 5 anni fosse rieletto con il 62% dei voti da quelli a cui ha fatto le Sue promesse, Lei come si comporterebbe?

  2. Scritto da okkio * okkio = sessantaquakkio

    Cittadini di tutta la linea, usiamo la class action contro le ferrovie, richiedendo danni morali e materiali. Regolamento alla mano!!
    P.S.: la storia del regolamento vale anche per loro.
    Impugnate i diritti dela Costituzione.
    Fare un class action
    I comitatini non servono a niente. Si dialoga solo se si può concludere qualcosa di buono. Altrimenti si passa a metodi diversamente convincenti. Regolamento alla mano!

  3. Scritto da passante

    Questo racconto solitamente lo sentiremmo al Sud e la lega lo cavalcherebbe a suo vantaggio,ed invece lo troviamo nel” profondo Nord” dove sembra che tutto sia effeciente.Si preoccupano di obbligarci le catene a bordo sulle strade provinciali con la scusa della sicurezza e non si accorgono della mancata sicurezza e della promiscuità che provocano certi viaggi sui mezzi” cosidetti” pubblici

  4. Scritto da pendolare

    e il sig. Rivi viaggia in prima classe!

    figuriamoci chi viaggia in seconda! da gennaio aumento dei biglietti e abbonamenti del 20-30% e contestuale taglio del 10% dei treni.

    E MENO MALE CHE NON AVREBBERO MESSO LE MANI NELLE TASCHE DEGLI ITALIANI!!!!!

  5. Scritto da Alberto Brandolin

    Lettera di protesta sacrosanta e fotografia reale, cruda, impietosa della situazione dei treni tra Milano, Bergamo e Brescia.

  6. Scritto da stefano rossi

    Ma cosa pretendiamo???? D’altronde andiamo a lavorare su treni vecchi sporchi malconci senza parlare di sicurezza……ci sarebbe la denuncia penale!!!!!!!! e chi lavora si sa si deve accontentare perche nessuno dei nostri politicanti ne di dx ne di sx e’ capace di risolvere una cosa cosiì banale bisognerebbe non pagare il biglietto tuttri pero’ d’altronde il servizio non c’e’ e allora perche’ mai pagarlo??? Poi ti dicono di lasciare la macchina a casa HA HA HA!!!!!

  7. Scritto da Narno Pinotti

    1) Da quando la Lombardia paga i treni locali (1998) governa solo il centrodestra con Formigoni, rieletto nel 2010 con il 62%.
    2) Ovunque ci siano treni puliti, frequenti, puntuali i biglietti sono 3-4 volte più cari che in Italia.
    3) @5: le gomme da neve in inverno dovrebbero essere d’obbligo in tutta Italia. Speriamo le assicurazioni neghino copertura e risarcimenti a chi non le monta.
    4) E comunque, se proprio si deve scrivere, si scriva almeno in un italiano decente.

  8. Scritto da Osco

    dovremmo farci portare dalle auto dei carabinieri …….
    veloci , puntuali , zeppe di escort ………….

  9. Scritto da pendolare

    Caro Narno, sai che in italia esiste un treno, proveniente dal brennero, che va a firenze e non è del gruppo FS? è un treno PULITO e PUNTUALE nonostante viaggi su rete FS.
    E costa COME i nostri.
    In svizzera i treni costano di più? Sì, ma si parla di cifre attorno al 7-8% (fai un salto sul sito delle ferrovie svizzere!)
    Caro Narno, domani ci sarà un incontro in Regione tra Cattaneo e i vari presidenti di prov. e comuni, perchè non vai a sentire quante promesse faranno??

  10. Scritto da pendolare

    2)
    Caro Narno, quante volte Formigoni e Cattaneo hanno minacciato di bloccare freccia rossa ??
    e quante volte l’hanno fatto? ZERO
    Cattaneo è un fenomeno a farsi intervistare a bordo treno per attirare l’attenzione mediatica dicendo che i treni fanno schifo, ma cosa fa lui per evitarlo? NIENTE
    Narno, viaggia in treno e apri gli occhi!
    ieri, per la cronaca, c’è stato un principio d’incendio ai freni di un treno fermo a Verdello. Lo sapevi? Sicurezza? naaaa
    togli il paraocchi và!!!

  11. Scritto da marcoA

    @6 mancava il commento controcorrente e irrealista come in ogni articolo pubblicato su questo giornale…meno male è arrivato Narno Pinotti!

  12. Scritto da San Tommaso

    @6 sig Pinotti lei dice “Ovunque ci siano treni puliti, frequenti, puntuali i biglietti sono 3-4 volte più cari che in Italia”
    Un metrò da fuori della cintura di milano andata e ritorno costa 5 euro.con validità oraria 1ora + 1 ora. A Berlino, ticket valido tutto il giorno, costa 5,80.
    Veda lei

  13. Scritto da Frich

    Portate pazienza ancora per poco poi a guidare l’Italia tornerà il PD con Fini e Vi daranno treni con tante carrozze, puliti e puntuali al costo di pochi euro.

  14. Scritto da REDS 65

    Sig. Paolo Rivi, scommetto che non le hanno dato nemmeno una “RUBY” qualsiasi x fare BUNGA BUNGA…

  15. Scritto da 1pendolare

    Se proprio deve essere fatto il solito paragone sul costo dei biglietti ferroviari italiani con quelli di altri paesi cerchiamo di contestualizzarlo ai salari degli altri paesi. Sicuri che in Italia costino meno ?