BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Il Novara? E’ un’anomalia in questa serie B” video

Questo il giudizio sulla capolista mentre venerd?? c'?? l'anticipo contro la triestina con il dubbio Doni: "Anche se Cristiano non ce la fa manteniamo il rombo".

Più informazioni su

Venerdì è in programma l’anticipo della tredicesima giornata di serie B tra Triestina e Atalanta con i nerazzurri che devono dare continuità alla bella vittoria casalinga di sabato scorso contro il Padova. Una Triestina che si trova appena fuori la zona playout in fondo alla classifica. “E’ la squadra classica di serie B che sta vivendo un momento di difficoltà; per questo avrà il dente avvelenato e sarà carica di motivazione, inoltre mi sono riviste le partite precedenti e devo ammettere che hanno avuto anche una bella dose di sfortuna – l’analisi dell’avversario da parte di Stefano Colantuono -. Se avremo un atteggiamento come quello della ripresa di Piacenza saranno guai ma sono sicuro che i ragazzi hanno capito quindi penso che l’Atalanta possa fare la sua partita senza troppi problemi”. Avversari in difficoltà come è in difficoltà la difesa e l’infermeria bergamasca causa infortuni (senza contare il forfait di Peluso, squalificato): “Manfredini lavora con noi ma dovremmo riuscire a portarlo in panchina, Bellini dovremmo recuperarlo anche se ha lavorato a parte tutta settimana. Doni? Non so, è l’unico vero dubbio della vigilia”. Ed in caso il capitano non ce la facesse? “Il sistema di gioco non cambia, rimaniamo con il rombo, e questa è l’unica cosa certa. Se Bonaventura o Barreto? Vedremo, ho ancora a disposizione un allenamento e valuterò dopo quello”.
Quindi Colantuono torna ancora sul match di venerdì sera.“E’ un test che servirà per capire se siamo capaci di dare continuità ai risultati. Detto questo, siamo in linea con il campionato di B, basta guardare le nostre avversarie. Il Novara? A mio parere è un’anomalia ed in questo periodo riescono a concretizzare qualsiasi cosa creano”. Avversarie dirette che stanno un po’ zoppicando come il Siena di Conte. “Sono contento che il Sassuolo abbia vinto e non mi sorprende perché come ho sempre detto è una squadra tosta che prima o poi tornerà – spiega l’allenatore -. Inoltre il match di lunedì sera ha dimostrato che nulla è sicuro qui in serie B, che nessuno molla fino alla fine e che bisogna sempre tenere alta la concentrazione.
Per finire il solito capitolo Pettinari e Ardemagni. “Ci sono momenti in cui uno è al top, altri in cui è in down – le parole del tecnico – e capita a campioni di serie A come Ronaldinho, Del Piero o Amauri di stare in panchina. Nelle squadre blasonate funziona così, c’è molta concorrenza ma dico loro di stare tranquilli. Sono ragazzi esemplari nel comportamento in allenamento e fuori, ho un ottimo rapporto con loro e mi auguro, anzi ne sono sicuro, che l’occasione giusta arriverà presto”.
 

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gigi

    Colantuono conosci bene la B !. ogni anno una delle squadre neopromosse dalla Lega Pro parte a razzo, a volte fanno addirittra il salto diretto (come il Cesena l’anno scorso)