BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Striscioni e croci il 21 per ricordare le vittime delle strada

Mai abbassare la guardia. Lo ricorda Vanni Carminati dell'Associazione vittime della strada che annuncia le iniziative per la Giornata mondiale promossa dall'Onu.

Più informazioni su

Mai abbassare la guardia. Lo ricorda Vanni Carminati dell’associazione vittime della strada, associazione che, nata in Bergamasca nel 2007, continua a fare prevenzione nelle scuole, a promuovere, la sicurezza soprattutto con incontri rivolti ai ragazzini di 14 anni alle prese con il patentino e agli studenti delle superiori: "Portiamo filmati e testimonianze dirette per far capire cosa può succedere se non si sta attenti lungo le strade, se si abusa di alcol, droghe e velocità".
Vanni Carminati annuncia anche per il 21 novembre, giornata mondiale promossa dall’Onu per le vittime della strada, una serie di iniziative a Bergamo: "Dopo la messa mattutina col vescovo Beschi, davanti alla chiesa delle Grazie esporremo degli striscioni con le fotografie delle vittime di incidenti. Metteremo poi delle croci: ogni croce una foto, ogni foto una vittima". Seguirà un convegno sulla sicurezza stradale.
Le statistiche elaborate dall’Associazione dicono che dal 2007 a oggi la strada in Bergamasca ha ucciso soprattutto persone dai 30 ai 45 anni: "Certo però – commenta Vanni Carminarti – quando muore un  ragazzo si rimane più colpiti". Che sia la moto il mezzo più pericoloso è un dato visto che le automobili sono molte più delle due ruote: per di più l’anno scorso in 37 hanno perso la vita su uno scooter e 32 a bordo di un’auto. Carminati smentisce poi una convinzione generale, quella che sia il sabato notte il momento più pericoloso per chi viaggia: nel 2007 il maggior numero di vittime si è registrato di martedì; nel 2008 di giovedì; nel 2009 di venerdì.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.