BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Per la sicurezza in citt?? puntiamo sui semafori intelligenti”

Il titolare della Mobilit?? annuncia le novit?? nella revisione del Piano urbano del traffico: "Un capitolo sar?? dedicato alla sicurezza e accenderemo a gennaio le telecamere per Citt?? alta".

Più informazioni su

"La città di Bergamo da tempo punta sulla sicurezza stradale e non intende smettere". L’assessore alla Mobilità Gianfranco Ceci illustra  gli interventi in programma per continuare su questa scia e prevenire incidenti: "Bisogna dire che già le passate amministrazioni si sono mosse in questa direzione e noi proseguiamo convinti, a cominciare dal continuo rifacimento della segnaletica orizzontale e verticale in modo da rendere ben visibili le modalità di comportamento lungo le strade, ma anche attraverso le zone 30 e le Ztl e con la messa in sicurezza dei passi carrabili".
Il vicensindaco Ceci annuncia poi le novità che verranno inserite nella revisione del Piano urbano del traffico: "Inseriremo un capitolo apposito sulla sicurezza. E poi posizioneremo i semafori intelligenti, quelli che diventano rossi se la velocità è elevata".  Altro tema che può prevenire incidenti è legato agli accessi in Città alta: il controllo degli accessi, spiega l’assessore "sarà finalmente garantito da gennaio quando potremo accendere le telecamere già posizionate".
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da jack

    Signor Cimmino non volevo essere scortese con la mia risposta,sono pienamente d’accordo con lei che ormai in questo paese rispettare le regole e soprattutto in questo caso il codice stradale da parte degli utenti tutti è una giungla.le dico francamente che ho molti dubbi che molti nostri concittadini conoscano almeno la base della segnaletica stradale,e le posso dire di aver interpellato in modo ironico molti vigili di bergamo e di avere avuto risposte paurose,altro che telecamere.

  2. Scritto da Marco Cimmino

    Peccato che in Trentino, cinque o sei anni fa, abbiano messo i semafori intelligenti e, poi, si siano accorti che sono “stupidi”…e li hanno eliminati. Mai perdere una buona occasione di imparare dagli errori altrui. Con questi semafori, tanta gente accelera per passare col giallo, anzichè rallentare per non farli scattare: provare per credere. A meno che si ritenga che a Trento sono più scemi di noi…ma vista l’anda non credo. Anzichè fallire con le cose eccezionali, proviamo con le normali..

  3. Scritto da neroblu

    Concordo a pieno con Marco. Non riesco poi a capire a cosa possano servire le telecamere a città alta… Garantire il parcheggio ai residenti non mi sembra si possa definire “prevenzione”.. Migliorare la qualità dell’asfalto, rendere maggiore la visibilità presso le rotonde spesso impedita da piante troppo cresciute, quella è prevenzione.

  4. Scritto da stefano rossi

    iniziamo a far rispettare prima le piu’ elementari norme tipo parcheggio selvaggio divieti di svolta ect ect nessuno e dico nessuno li fa rispettare!!!!!!!

  5. Scritto da eugenio c

    E’ troppo chiedere un PASSAGGIO A LIVELLO INTELLIGENTE? Quello in via Recastello(BOCCALEONE). Le sbarre si abbassano TROPPI MINUTI PRIMA del passaggio del treno e creano colonne di auto(accese) con conseguente inquinamento e inutile spreco di benzina. Basta il buonsenso. Provate a passare di li. Grazie.

  6. Scritto da jack

    Signor Cimmino mi dispiace contraddirla ma il semaforo “intelligente”non funziona come lei dice,perchè il giallo non scatta mai,perchè se tu ad una certa distanza superi una data velocità diventa rosso e sei obbligato cosi’ prevede il codice della strada.Queste sono quisquilie,la verità è che la polizia urbana deve essere più presente sul territorio,e multare gli indisciplinati che sono tanti

  7. Scritto da Umberto Dolci

    Prima di tutto servirebbe che noi utenti della strada fossimo rispettosi delle norme contenute nel CDS: anche per la parte che riguarda l’affidabilità dei veicoli che conduciamo. Le Amministrazioni locali (Comuni e Provincia) dovrebbero fare la loro parte. Chi pensa alla segnaletica stradale a volte indecifrabile e spesso confusionaria? E alle strade dissestate? Urgono iniziative immediate, non altre telecamere che, comunque, servirebbero solo a sanzionare dopo che c’è stata la trasgressione.

  8. Scritto da Marco Cimmino

    Caro Jack, può essere che i semafori intelligenti bergamaschi siano di una razza altamente superlativa e siano privi del giallo (cosa un tantino inusitata per un semaforo, scemo o sveglio che sia): io le posso assicurare che quelli trentini avevano un bell’arancione invitante e che quasi tutti scattavano per bruciarlo. Qualcuno, anzi, lo faceva apposta per lasciare il rosso a chi seguiva. Mi creda, ho casa in Rendena e quella strada la conosco bene: era piena di arancioni. E di fessi…

  9. Scritto da Marco Cimmino

    Quanto alle quisquilie, sono del tutto d’accordo con lei, con Dolci e con altri: la sicurezza non passa dalle quisquilie, come, appunto, questa barzelletta dei semafori intelligenti. Passa da un’educazione dei cittadini al rispetto delle regole, associata ad una repressione di chi pensa di poterle infrangere. Cose semplicissime, apparentemente, ma diabolicamente complesse in un paese come il nostro, dove ognuno pensa di essere più bravo o più furbo degli altri. Solidarietà a Boccaleone, infine.