BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ricciardi torna in via Noli, da questore “Voglio incontrare i capi ultr??” fotogallery

Gi?? a capo della squadra mobile pi?? di vent'anni fa: "Qualche lacrima mi ?? scappata". "Abito da tempo a Bergamo, spero di non deludere la mia citt??". "Dialogo con i tifosi".

Più informazioni su

"Voglio incontrare i capi ultrà": questa una delle prime battute del nuovo questore di Bergamo Vincenzo Ricciardi, al suo insediamento in via Noli. "Sono tifoso anche dell’Atalanta. Intendo incontrare i capi della tifoseria e capire le loro intenzioni, augurandomi che si voglia stare alle regole", ha aggiunto Ricciardi.
Per il nuovo questore si tratta di un ritorno nella questura di Bergamo: "E ammetto che stamattina salendo le scale qualche lacrimuccia mi è scappata. Dicono che sono un uomo duro, ma mi sono commosso". Era stato infatti dirigente della squadra mobile tra gli anni ’80 e ’90, protagonista delle principali operazioni contro Prima Linea e dell’arresto di Michele Viscardi. Ma nonostante un passato pieno di risultati Enzo Ricciardi è tornato umilmente in via Noli: "Non credo e non mi ritengo migliore di nessuno dei miei predecessori" (Guarda i video con le dichiarazioni del questore: primo filmato, secondo filmato)
Non pochi i ricordi del nuovo questore, a confronto questa mattina (2 novembre) con cronisti e fotografi bergamaschi che conosceva già da tempo. "Bergamo è la mia città, io la amo, Bergamo mi ha adottato. Mi ha dato belle soddisfazioni dal punto di vista professionale. Spero solo di non deluderla. I miei amici li ho qui".
Quindi una battuta sul futuro prossimo da numero uno della questura: "Negli anni 80 c’erano altri problemi. Ci sarà il massimo impegno da parte mia. L’obiettivo primario sarà quello di dare maggiore impulso all’attività di prevenzione, perchè credo sia l’attività più sentita dal cittadino. Il cittadino vuole stare tranquillo. Sono un uomo che parla poco, spero solo siano i fatti a parlare per me". Tra gli altri obiettivi una "maggior presenza sul territorio, nelle zone delicate della città", ma "anche in provincia, perchè sono il questore della Bergamasca, non di Bergamo e basta".
Non è mancato un passaggio sulla tifoseria dell’Atalanta: "Mio figlio è tifoso dell’Atalanta, e lo sono anche io. Io credo molto nel dialogo e nel buon senso. Da parte nostra massima disponibilità, ma i tifosi sappiano quali sono i limiti e le regole che devono rispettare. Spero al più presto di poterli incontrare. Ma dopo 30 anni sono ancora quelli?".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mr.pecis

    uomo in gamba , deciso e capace …
    Ricordo la gestione di un Atalanta – Dinamo Zagrabria di coppa uefa (ebbene si era lui ai vertici di via Noli) in modo esemlpare nonostante le oggettive difficoltà !!!
    Buon lavoro.

  2. Scritto da Anna

    Delusa a prima battuta dal desiderio espresso dal questore.
    A che fine tale incontro??? Senza parole….

  3. Scritto da marino

    Finalmente uno che vuole il dialogo sicuramente la strada migliore e voi che sotto avete sparlato siete cosi brava gente non avete mai commesso niente di male,non avete mai fatto male a nessuno? un mondo si santi e’ cosi difficile trovarli e qui guarda quanti ce ne sono!!!! il mio riferimento e a 360gradi non solo nello sport ma in tutto quello che ci circonda fatevi esami di coscenza poi parlate.

  4. Scritto da stefano

    per marino n. 9 il dialogo agli ultras e’ stato concesso diverse volte e diverse volte hanno deluso questa apertura,(tombino e scontri Alzano) ma ora non serve piu’, la Curva pare anestetizzata

  5. Scritto da bobone

    Perfetto, la priorità del nuovo questore è parlare con il Bocia. Si stava meglio quando si stava peggio

  6. Scritto da Limbo

    Pazzesco…questo come prima cosa dice che vuole incontrare i capi ultrà!!?? Ma basta! Basta dare a questa gente un’importanza che non hanno. Basta non se ne può più di questi ultrà del nuovo millennio. L’unica cosa è che o stanno alle regole altrimenti stangate e galera…altro che dialogo. Dobbiamo ignorarli, altro che dialogo. La brava gente rispetta le regole e al minimo sgarro paga…QUESTI NON PAGANO MAI!

  7. Scritto da franco

    Sig. Questore, lasci perdere, non dia loro l’importanza che non hanno

  8. Scritto da Un bergamasco

    l’unico dialogo possibile: rispettate le regole o vi bastono.

  9. Scritto da Geppo

    Egregio questore,
    forse Lei non conosce Bergamo, anche se dice di abitarci…..incontri la gente perbene che forse Le spiegherà che i suoi dipendenti si trovano alle ore 9,30 in forze in noti bar per leggere i giornali e bere il caffè e lì ci stanno per parecchio tempo invece di presidiare il territorio. Lei vuole incontrare gli ultrà, ma vada alle autolinee……..
    Ha iniziato deludendo un suo concittadino.

  10. Scritto da ennio

    per ottimizzare i tempi consiglio al Sig. Questore di fissare l’ incontro il sabato alle 15 quando vengono in questura a firmare il registro dei daspati

  11. Scritto da nemo

    Certo a leggere che tra le prime atività del nuovo questore ci sarà un incontro che i capi ultrà lascia quantomeno perplessi, come se la priorità fosse la tifoseria atalantina……allora perchè non incontrare una rappresentazna di prostitute, spacciatori, ladri …..
    Della serie “avere poche idee ma……confuse”

  12. Scritto da Frnk

    Fortunatamente a Bergamo non tutti la pensano come il sig. Geppo. Cordialita’

  13. Scritto da lele

    Sarà sufficiente contattare la segreteria dell’assessorato regionale per le Infrastrutture..