BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Mogli a ripetizione di cucina dalle suocere

A suonare l?allarme sono gli uomini tra i 25 e i 35 anni che bocciano le abilita? culinarie delle giovani mogli.

Più informazioni su

E’ tra i fiori all’occhiello dell’italianita’ ed e’ candidata a divenire patrimonio dell’intera umanita’ dopo il parere favorevole dell’Unesco. Eppure, dopo il suo boom a livello mondiale durante gli anni ’90, oggi la dieta mediterranea, tipica del Belpaese, e’ a rischio estinzione. A suonare l’allarme sono gli uomini tra i 25 e i 35 anni che bocciano le abilita’ culinarie delle giovani mogli. Sebbene quasi la totalita’ ritenga di avere un buon rapporto di coppia (81%) e affermi di dare moltissima importanza alla tavola (45%), solo due su 10 ammettono di avere al proprio fianco una dolce meta’ che si sbizzarrisce ogni giorno ai fornelli (21%). Sempre piu’ spesso, infatti, si e’ costretti a mangiare fuori (44%), ad ordinare a casa il cibo da “take away” come rosticcerie o pizzerie (57%) o a saziarsi solamente con cibi freddi tipo salumi e formaggi (62%). La soluzione? Rimandare la moglie a scuola di fornelli dalla suocera (71%) o, in alternativa, iscriverla ad un corso ad hoc (43%). Il 32%, infine, e’ addirittura disposto a mettersi al suo fianco in cucina pur di far scattare la scintilla tra le stoviglie, i cibi e la propria amata. E se non portera’ alla rottura matrimoniale, la scomparsa della dieta mediterranea dalla tavola delle giovani coppie preoccupa per il troppo dispendio economico (51%), per i possibili danni alla salute (57%) e per l’incapacita’ futura di insegnare ai figli i dettami di una corretta alimentazione (66%).
Questo e’ quanto emerge da uno studio promossa dalla rivista Vie del Gusto, diretta da Domenico Marasco e in edicola nei prossimi giorni, e condotta su 600 uomini sposati di eta’ compresa tra i 25 e i 35 anni, a cui e’ stato chiesto un parere sulle abilita’ culinarie delle proprie giovani mogli.
Piatti freddi, pizze e take away caratterizzano l’alimentazione delle giovani coppie. Ma per 7 mariti su 10 il sogno e’ la dieta mediterranea, le pietanze della mamma e le ricette tipiche del Belpaese a rischio estinzione.
Un rapporto di coppia passa anche dalla tavola, il momento principale della convivialita’ tra mariti e mogli. E se quasi la totalita’ dei giovani italiani valuta la propria vita coniugale positivamente (il 41% sufficiente, il 22% buona e il 18% addirittura ottima), ben il 45% reputa, infatti, fondamentale il ruolo dell’alimentazione e della cucina nel rapporto. E’ appena il 9% a non considerarla affatto. Ma le giovani mogli che si dilettano in cucina sono sempre meno, almeno secondo i loro partner: per il 33% cio’ accade raramente, mentre il 25% ammette che i fornelli sono il regno della amata solamente nei weekend.
Ma cosa mangiano abitualmente le giovani coppie di sposini? Il 62% e’ costretta a ripiegare su alimenti non cucinati, ovvero formaggi, salumi e affettati, i cosiddetti “pasti freddi”. Il 57%, invece, preferisce il take away delle rosticcerie, pizzerie e dei ristorantini etnici oppure consuma i propri pasti direttamente fuori casa (44%). Solo il 23% dichiara di poter contare su una dieta variegata: l’alternativa sono i cibi pronti e lo scatolame (46%). Il sogno dei giovani mariti italiani? L’intramontabile dieta mediterranea (69%) bilanciata e varia, le ricette saporite e gustose della tradizione italiana (64%), le pietanze che cucinava la mamma (56%) o, piu’ in generale, cibi piu’ leggeri e genuini (48%).
Il corteggiamento per la gola e’ un ormai un lontano ricordo di fidanzati. Oggi, infatti, l’unica soluzione e’ quella di mandare le giovani mogli a ripetizione di cucina dalle suocere. A rischio sono la salute, il portafogli e il rapporto di coppia.
a nel rapporto di coppia e’ sempre stato cosi’?
Per un giovane marito su due e’ nel passaggio dal fidanzamento al matrimonio che si sono verificati i maggiori cambiamenti (51%). Solo il 27% dichiara, infatti, che tutto e’ come prima. Tra le cause principali ecco che, secondo il 42% degli intervistati, E se per il 26% e’ il tempo ad essere sempre piu’ risicato, c’e’ chi ritiene che i motivi risiedano nella noiosa routine quotidiana (17%) o nello stress lavorativo (13%). Tra chi, invece, non ha notato cambiamenti dal fidanzamento al matrimonio, appena 3 su 10 investono con la corona di “regina della cucina” la giovane amata (28%) mentre il 19% afferma che la partner non si e’ mai dedicata ai fornelli nella sua vita.
Disperati e stanchi della solita minestra in scatola o dell’ennesima pizza take away, i giovani mariti hanno un asso nella manica per salvare la tavola. Il 71% degli intervistati, infatti, reputa la soluzione piu’ attuabile quella di mandare la moglie a ripetizione di cucina dalla suocera. Le alternative? Iscriverla ad un corso di cucina (43%) o, addirittura, cimentarsi al suo fianco pur di far scattare la scintilla tra lei e i fornelli (32%). Tra i pericoli che possono verificarsi, infatti, non ci sono solamente i danni alla salute (57%) o quelli economici al portafoglio (51%), ma anche il non saper poi insegnare ai propri figli una corretta educazione alimentare (66%). Sempre che i litigi e gli scontri tra i partner non rovinino definitivamente il rapporto di coppia, come sottolinea il 49% dei giovani mariti italiani.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.