BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cure anche ai clandestini, “benemerenza alla Oikos”

Ci sono anche il direttore della Caritas e il presidente dell'ordine dei medici tra coloro che chiedono il riconoscimento all'associazione che si occupa della salute per tutti.

Più informazioni su

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
line-height:115%;
font-size:11.0pt;”Calibri”,”sans-serif”;
mso-fareast-“Times New Roman”;}

C’è anche il direttore della Caritas diocesana don Claudio Visconti tra i firmatari della richiesta di benemerenza cittadina per Oikos onlus, l’associazione che agisce per garantire il “diritto alla salute a chiunque”, come si legge nello statuto. L’associazione lavora soprattutto per la gestione di un ambulatorio di medicina generale per i cittadini che non hanno diritto al Servizio sanitario nazionale, quindi in buona parte per gli immigrati extracomunitari senza permesso di soggiorno, messi in difficoltà dal cosiddetto reato di clandestinità. Nata nel 1994 come associazione di volontariato, dal 2003 Oikos opera nei locali messi a disposizione dagli Ospedali Riuniti di Bergamo. L’elenco dei firmatari per la richiesta di benemerenza non si esaurisce in don Claudio Visconti. Tra loro anche Emilio Pozzi, Presidente dell’Ordine dei Medici di Bergamo, Roberto Sacco, presidente della Lega italiana contro i Tumori, e i consiglieri comunali Claudio Crescini, Sergio Gandi, Elena Carnevali, Maria Carla Marchesi, Giacomo Angeloni (Pd), Pietro Vertova (Verdi), Roberto Bruni, Stefano Zenoni (Lista Bruni), Giuseppe Mazzoleni (Udc) Vittorio Grossi (Idv).Le richieste di benemerenze sono state depositate in Comune. Ora inizierà la procedura per le prime decisioni della Giunta.

Le altre proposte

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.