BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Blitz CasaPound: silenzio Caritas, c’è chi pensa a una fiaccolata

Nessun commento sul blitz notturno; su Facebook alcuni ragazzi propongono una fiaccolata a sostegno della Caritas.

Più informazioni su

Sacchi ironici di banconote e uno striscione accusatorio ("l’immigrazione riempie solo le vostre tasche") davanti alla sede Caritas di Bergamo e non solo. Il blitz notturno di CasaPound contro il rapporto Migrantes 2010 non suscita commenti da parte della Caritas diocesana: il presidente monsignor Maurizio Gervasoni dichiara di non saper nulla dei sacchi e ironizza: "Sono pieni di banconote vere?", ma poi spiega che è meglio non dare enfasi a queste cose. E il consigliere comunale del Pd di Bergamo Giacomo Angeloni ribadisce: "Non credo che  la Caritas si possa mettere in polemica con CasaPound".  
Mentre il direttore don Claudio Visconti è impegnato a dir messa (numerose le celebrazione nel giorno dei morti) c’è chi però tramite Facebook chiede se non  sia il caso di organizzare una fiaccolata a sostegno dell’associazione.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da W V.E.R.D.I.

    Sappiamo tutti che la politica della sinistra non è quella del “volemose bene, semo tutti uguali” ma del facciamoli entrare e loro per riconoscenza votano per noi.Chi dice di non volere immigrati viene subissato di insulti ed additato come razzista ma come sono da definire tutte quelle persone,politici in primis che fanno i finti buonisti invece fanno soldi su sta gente che non sò nemmeno fino a che punto fanno una vita migliore qua?

  2. Scritto da @9

    @9. “Sappiamo tutti”??? Tutti chi, scusi?
    Le stesse cose, lo stesso “buonismo interessato”, lo vedo a destra, sotto vesti diverse.
    Vuol far credere che sono INTERESSATi a sin e DISINTERESSATI a dx???!!
    Pensi Lei, ciò che crede, ma non lo estenda a mari e monti.
    Grazie.

  3. Scritto da ol forester

    Proposta per Casa Pound:

    poiché Pound non c’entra niente con la caccia allo straniero, per aggiunta anche la modalità di questi giovani di destra non credo possa essere definita Razzista in assoluto. La mia proposta e’ un incontro tra immigrati e la casa pound per verificare cosa e come si possa dare un gesto di pace alla cittandinanza, nell’attesa di eventuale cambiamenti politici prospettati da questo movimento d’opinione!

  4. Scritto da Alberto Brandolin - Responsabile CasaPound Italia Bergamo

    @ol forester: più che volentieri. Incontro pubblico con una delegazione di immigrati su sfruttamento e temi relativi – ivi compresa la “questione Caritas” -.
    E poi vedremo cos’hanno ancora da dire, questi signori, che muovono cifre da capogiro sovvenzionati dallo stato, dall’ 8×1000 e dalle donazioni dei privati.

  5. Scritto da ol forester

    @casapound, Per chi vuole la pace e la fedeltà al principio, non mostri la spada al convegno di amicizia. Quindi, pur essendo disponibile a incontrarvi perché non lavorare con voi, tutavia lasciamo la Caritas da parte. Perché alla base vi é una politica dell’immigrazione ma anche sociale incompiuta allaquale quest’organizzazione supplisce. Credo che sui valore universali e umani anche la destra abbia la sua dignita. Cosi come la Lega non credo sia razzista a prescindere! Pace e bene!

  6. Scritto da un bel silenzio

    fanno bene. Cosa può commentare?

  7. Scritto da franco m.

    assolutamente favorevole ad una fiaccolata di solidarietà alla Caritas, troppo spesso vittima di demagogia spicciola e becera

  8. Scritto da Beppe C.

    Secondo me no. Così gli si fa pubblicità gratuita. In fondo sono quattro gatti (chiedo scusa ufficialmente ai gatti).

  9. Scritto da il giudice

    La caritas, il vescovado e tutti gli enti più o meno pii se ne infischiano delle fiaccolate a loro sostegno, essi vogliono solo il vil denaro, ognuno la interpreti come meglio vuole.

  10. Scritto da francesco

    alla caritas tutti gli anni arrivano 200milioni di euro per gestire immigrazione e povertà in italia, vuol dire che l’immigrazione non finirà mai, anzi in italia i poveri stiamo diventando noi, solo la tanto amata ”caritas” si interessa di interessi più importanti.
    aprite gli occhi e fregatevene di chi vi ha sempre preso in giro a cominciare dalla chiesa. aiuta anche me che sono italiano .

  11. Scritto da Alberto Brandolin - Responsabile CasaPound Italia Bergamo

    @6: Il problema non sono certo le persone che vengono qui in cerca di una vita migliore. Il problema è chi le muove e con quale scopo. La Caritas LUCRA su queste persone, senza nemmeno dare spiegazioni (anzi facendo battutacce da cinici avarastri riguardo le banconote usate per riempire i sacchi). Molto meglio tacere e lasciare il dubbio che facciano (anche) qualcosa di buono, piuttosto che parlare e togliere ogni dubbio, no? Se poi trovano addirittura solidarietà a prescindere, tanto meglio no?

  12. Scritto da W V.E.R.D.I.

    Che gli immigrati diano fastidio si sà ed è comprovato.Non nascondiamoci dietro buonismi e frasi di circostanza. Hanno fatto entrare cani e porci con la speranza di tirar su voti da quei poveracci.Il risultato?Lega ai massimi storici, destra al governo ed un sacco di problemi che ci creano.Vista la crisi non covverrebbe destinare tutte le risorse verso gli italiani?Nooo assolutamente.se no non arrivano più voti,droga,prostituzione,etc etc

  13. Scritto da Mareverde

    Caro w v.e.r.d.i., potresti puntualizzare meglio il tuo commento? Non si capisce se i fantomatici voti vengano dai migranti o da chi ne è spaventato. Nel primo caso stiamo parlando di una fresconata (a mio giudizio dovrebbe anzi valere il principio “no taxation without rappresentation”), nel secondo caso l’ipotesi è piuttosto intrigante.