BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Lo Bianco nell’Olimpo della Nazionale

La giocatrice della Foppa con la partita contro il Kenya colleziona la presenza 475 con l'Italia. Meglio di Andrea Giani che si era fermato a 474.

Più informazioni su

C’è un solo motivo per infilare nella storia del nostro volley lo scontato 3-0 sul Kenya nella 3ª giornata del Mondiale giapponese. Ad Hamamatsu, la trentenne Eleonora Lo Bianco detta Leo ha collezionato la presenza n° 475 in Nazionale. Come lei, nessuno.Nemmeno Andrea Giani, totem del movimento maschile tre volte campione del mondo, fermatosi nel 2004 a quota 474. Record prestigioso, frutto di una carriera azzurra lunga 12 anni, premio meritato alla capitana regista dell’Italia più vincente del 21° secolo.
Primato, però, concretizzatosi in una delle rarissime occasioni in cui Leo non ha messo piede in campo. Perché per maturare una presenza nella pallavolo è sufficiente essere a referto. Perché ieri il ct Barbolini ha dato un turno di riposo alle titolarissime, in vista delle ben più toste sfide di martedì contro le ceche e di mercoledì contro il Brasile.
Festa vissuta in panchina, dunque. «Ma l’emozione è stata grande – commenta la fedelissima –. Con in più la sensazione particolare di aver superato Giani, il mio idolo ai tempi delle scuole medie,come può ancora confermare il mio diario». Ancora oggi, Leo annota pensieri, fra una partita el ’altra. Ha cominciato a giocare 10 anni, nella sua Omegna. Sognava di fare la scrittrice, è diventata una
campionessa. «Di più – dice Carlo Magri, presidente della Federvolley -: ha dato un contributo decisivo al boom della pallavolo femminile».Che con lei ha iniziato a vincere: un Mondiale, 2 Europei, una Coppa del mondo e altro.
Nonostante i capricci della schiena, non ha mai saltato un’estate azzurra. «Non so nemmeno io – dice papà Filippo – come abbia superato tutti gli ostacoli che s’è trovata davanti. Fin da subito, perché era troppo piccola e in squadra non la volevano. Invece, è ancora lì. Tenace e caparbia in mezzo alle gigantesse». Pronta a inseguire un’altra medaglia.

(da lastampa)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.