BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Poliambulatorio, assordante silenzio della Lega”

Sul trasferimento dell'ambulatorio di Ponte San Pietro intervengono i consiglieri del Partito democratico: “Sbagliata la posizione dell’Azienda Ospedaliera".

“Continuiamo a ritenere profondamente sbagliata la posizione del direttore dell’Azienda Ospedaliera di Treviglio in merito al futuro del Poliambulatorio di Ponte S.Pietro. In particolare la riteniamo ancor più grave dopo che ancora una volta il Sindaco Reduzzi ha ribadito la propria disponibilità circa la valorizzazione dell’attuale immobile e l’esistenza di concrete proposte alternative, sia dopo la possibilità evidenziata del Policlinico di Ponte di ospitare temporaneamente la struttura all’interno dei propri spazi.”
Il Pd ribadisce tutte le proprie iniziative istituzionali tese a scongiurare l’ipotesi del trasferimento. Il consigliere regionale Maurizio Martina nei prossimi giorni porterà la questione sul tavolo dell’assessore regionale alla sanità e nel prossimo Consiglio Provinciale verrà discusso l’ordine del giorno presentato dal consigliere Matteo Rossi che invita l’A.O. ad interagire coi sindaci dell’Isola e della Val S. Martino per trovare soluzioni alternative a Brembate Sopra.
“Ben venga in questo senso una battaglia trasversale agli schieramenti politici. Se il Pdl ha capito che il problema non è l’Amministrazione di Ponte ma la Lega – dichiarano i rappresentanti del Pd – a noi non può che far piacere. Siamo pronti a collaborare con tutti per il bene dei cittadini dell’Isola e della Val S.Martino.”
“Ma la cosa più grave – sottolineano Martina e Rossi – è l’assordante silenzio della Lega in tutta questa vicenda. Non una parola dal Presidente Pirovano (tirato comunque in causa dal Sindaco Locatelli per aver promesso, non sappiamo a che titolo e con quali risorse, il prolungamento della linea Atb), e neppure dall’assessore Belloli, che pure è residente nell’Isola bergamasca, così come dagli altri consiglieri regionali. Ci giungono notizie di sindaci leghisti che inizialmente disponibili a votare il documento degli altri Sindaci dell’Isola, in maggioranza contrari allo spostamento a Brembate Sopra, abbiano poi ceduto al pressing del loro partito e si siano defilati. Una cosa ancor più grave se consideriamo che si sta parlando di un servizio fondamentale per più di centomila persone. Mai come in questo caso quello della Lega è un silenzio complice del quale risponderanno di fronte ai cittadini”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aureliobelingheri

    LA LEGA non ha tempo per queste cose perché è impegnata in modo assiduo alle cose di ROMA alla pubblicità progresso, cioè: IL SOLE DELLE ALPI ,ALBERTO DA GIUSSANO, COLORE VERDE IN TUTTA LA PROVINCIA è SIMBOLOGIE VARIE PER UNA CONTINUA E PROGRESSIVA CAMPAGNA ELETTORALE con tante promesse e pochi fatti a parte qualche personaggio politico come il SIG. MINISTRO MARONI E POCHI ALTRI mi sembra che la LEGA questo ESEMPIO di aria nuova nelle politica amministrativa e incoerente e approssimativa.Aurelio

  2. Scritto da EX LEGHISTA SCHIFATO

    Forse sta pensando!……
    Pensando di dpingerlo verde!….

  3. Scritto da Padano Incazzato e disuccupato

    Alla LEGA servono i voti per fare il teatrino a Roma con il Silvio.
    Dei problemi della gente e dei territori se se FREGA.
    Il Bj BOSSI detto il Trota pensa alla sua PUPA…..dovrebbe andare a lavorare.

  4. Scritto da anacleto

    Adesso va di moda l’espressione “silenzio assordante”. Che massa di besòcc. Da Berlinguer in poi un declino culturale che non ha fine.