BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Compie un anno “Taviè”, la sartoria per donne rom

Otto donne partecipano al laboratorio voluto da Caritas Ambrosiana e dalla Cooperativa Intrecci al fine di emancipare, dando un lavoro a queste donne

Più informazioni su

Compie un anno la sartoria Taivè aperta da Caritas Ambrosiana nel cuore di Milano per offrire un’esperienza di formazione lavorativa e di emancipazione a donne rom.

Il laboratorio, denominato “Taivè” (che significa filo in lingua romanì), è frutto di un articolato percorso promosso dalla Caritas Ambrosiana e dalla Cooperativa Intrecci ed è stato reso possibile dal contributo nel corso del tempo di diverse istituzioni: prima il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che ha finanziato la prima annualità (2009- 2010) nell’ambito del “Progetto Valore Lavoro” affidato alla Regione Lombardia e coordinato dalla Fondazione Ismu; poi la Caritas Italiana che, valutando positivamente i risultati della fase di start up, ha scelto di far proseguire l’esperienza.

 Attualmente Taivè, collocato in via Bezzecca 4, impiega otto donne rom provenienti dai campi regolari di via Novara e via Triboniano. Ogni donna è impiegata per almeno tre ore al giorno per cinque giorni alla settimana ed è seguita da due maestre di cucito che si alternano nei vari turni.
Insieme alla formazione lavorativa, le donne inserite nel progetto Taivè, seguono anche un corso di lingua italiana. Perfezionano inoltre le loro competenze tecniche partecipando ad un corso di formazione gestito dalla Fondazione San Carlo.
Tutte le donne sono assunte con contratto di lavoro a tempo determinato dalla cooperativa
Intrecci.
Non essendo un negozio ma un laboratorio di formazione, la sartoria Taivè non esercita un’attività commerciale. Ma per favorire la crescita delle lavoratrici si è deciso di aprire questo spazio al pubblico. Complessivamente il laboratorio è operativo dal martedì al venerdì dalle 10 alle 18.
Il laboratorio vuole essere il primo passo verso la costituzione di una cooperativa di lavoro. 

Un gruppo di volontarie affianca le donne

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.