BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cagni: “L’Atalanta? Chiss??, mi manca la panchina”

Al tecnico bresciano non dispiacerebbe guidare la squadra nerazzurra: "A Bergamo se vogliamo dirla tutta c'era anche il mio preparatore atletico oltre a Taibi"

Più informazioni su

“Come tutti gli allenatori voglio fare il mio lavoro, ossia allenare”. Gigi Cagni ammette che nel caso di una chiamata da parte di Percassi sarebbe pronto a prendere in mano il timone della squadra nerazzurra: “E’ logico che non mi piace stare fermo –prosegue il tecnico bresciano- però io non sono come gli altri che sperano nelle disgrazie altrui per poter lavorare. In questo momento desidero solo tornare a sedere su una panchina”. L’ex allenatore di Parma ed Empoli è stato avvistato in tribuna al Comunale nel corso della sfida di Coppa Italia contro il Livorno, e non è la prima volta che capita quest’anno: “Ero lì solo per vedere una partita, come faccio sempre quando sono fermo. Sto girando diversi stadi, ma semplicemente per osservare le squadre e i giocatori. Come è normale che ogni allenatore faccia”. La cosa che ha colpito tutti, però, è il fatto che fosse in compagnia del suo nuovo collaboratore, l’ex portiere atalantino Massimo Taibi: “Se volete saperla tutta –ammette Cagni- c’era anche il mio preparatore atletico insieme a noi. Ma questo non vuol dire nulla. Ci ritroviamo spesso insieme per guardare le partite e parlare di calcio”. Una squadra, quella nerazzurra, che in questa prima parte di stagione non ha convinto pienamente: "L’organico dell’Atalanta di quest’anno è di primissimo livello. Però è normale che una neo retrocessa all’inizio possa avere qualche difficoltà". Cagni era stato anche tra i possibili nomi che Percassi aveva in mente quest’estate per guidare la sua nuova Atalanta: “E’ vero, sono voci che ho sentito anche io. Ma sono rimaste tali. Non c’è mai stato alcun contatto concreto. Percassi non lo conosco di persona, ma siamo stati avversari in campo quando giocavamo io nel Brescia e lui nell’Atalanta”. Allora non è detto che a breve possa varcare i cancelli di Zingonia: “Questo lo dici tu –conclude sorridendo- io adesso per scaramanzia preferisco toccare ferro ”.  

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da pino

    il nuovo che avanza…

  2. Scritto da Cola tanti saluti

    Alla svelta altrimenti è troppo tardi

  3. Scritto da aladin

    Cagni sarebbe ottimo.
    Una nota: giustamente dite Taibi ex portiere dell’Atalanta. Lui però si vergogna del suo passato bergamasco. Ospite fisso a Sportitalia, viene descritto nella sovrimpressione come “ex portiere di Manchester United e Milan”. Che omuncolo…