BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Pirovano: “Per la variante di Zogno pronti a sforare il patto di stabilit??”

Il presidente della Provincia ettore Pirovano annuncia di essere pronto a sforare il patto di stabilit?? per realizzare la variante di Zogno.

Più informazioni su

“Per la variante di Zogno siamo pronti a non rispettare il patto di stabilità. E’ un’opera promessa ai cittadini e noi intendiamo mantenerla”. Quella del presidente Ettore Pirovano non è solo una boutade. La vicenda della strada che permetterà di raggiungere la Valbrembana evitando gli ingorghi di Zogno è infatti il classico cane che si morde la coda. Sono 61 i milioni di euro deliberati nel 2009. Su quaranta di questi però c’è ancora incertezza, soprattutto dopo i tagli operati dal ministro Tremonti ai trasferimenti locali. In qualche modo però i soldi vanno reperiti. Se infatti la Provincia, malauguratamente, decidesse di abbandonare l’idea dell’opera, si andrebbe incontro a una causa certa con l’azienda Itinera che ha già firmato il contratto. In questo caso le spese legali sarebbero ingenti e il risultato nullo. Oltre al danno, si rischierebbe pure la beffa. “Sì, è il classico cane che si morde la coda, ma io vorrei morderla a qualcun altro – commenta il presidente Pirovano –, il possibile sforamento del patto di stabilità è stato fatto con l’intenzione di spronare la Regione a concederci quanto promesso. D’altronde la variante di Zogno è l’unica opera in tutta la Lombardia che ha il contratto firmato. E dal Pirellone erano stati chiari: avrebbero finanziato solo le opere in stato di avanzamento. Non penso che tornino sui loro passi”.
A questo proposito venerdì pomeriggio si è tenuta un vertice di maggioranza a cui hanno partecipato consiglieri regionali e alcuni parlamentari di Lega Nord e Popolo della Libertà. “Una riunione informativa, sono tutti disponibili a fare la loro parte – spiega Pirovano -. Nei prossimi giorni avrò un incontro al Pirellone e vedremo se ci daranno risposte chiare”. Martedì pomeriggio si è tenuto un altro incontro di maggioranza, stavolta tra il presidente e una rappresentanza dei consiglieri provinciali, per valutare il da farsi anche alla luce della possibilità di sforare il patto.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da meno ciance

    Passato il pesce del primo aprile, ecco la zucca di halloween, tante ciance dal ducetto ma fatti…..nisba. Cè da augurarsi che la regione metta in campo il finanziamento altrimenti la provincia leghista farà la fine di San Giovanni Bianco eccome……….fallira!!!!!!!

  2. Scritto da pm

    @6: è scelta politica, e spendono soldi che già hanno, ma che sarebbero vincolati a non spendere. Qui vorrei proprio vedere come fa a sforare con soldi che non ha…
    Parole, parole, parole… l’unica specialità in cui eccellono i politici padani.

  3. Scritto da anonimo

    Zogno e’ leghista…………………tutto chiaro ?
    Continuate a votare LEGA , cosi magari quando anche la CMS andra a Levate faranno una bella centrale nucleare, e cosi risanerete i bilanci.

  4. Scritto da provariante

    e se poi la variante si facesse davvero??? tutte le vostre parole servirebbero solo per muovere l’aria. Parlare è facile, lo dimostrano tutti gli intreventi che vengono postati dopo ogni articolo.
    Di solito chi critica senza fare proposte valide è perchè l’è bù de lapa ma mia de sapa…..

  5. Scritto da andrea marco

    Non esiste nemmeno uno straccio di un segretario comunale e di un revisore dei conti che approverebbe di sforare il patto di stabilità e nel caso lo facesse la delibera sarebbe impugnabile….. facciamo le persone serie e ringrazia il tuo partito per il mancato finanziamento che a Roma fa magna magna

  6. Scritto da Pintogroup

    Pirovano non ce la fa a dire cose che abbiano senso e se leggete il commento nr. 1 di Andrea Marco capite perchè.
    Ogni tanto ci prova ma non ce la fa proprio, ma alla Lega sono abituati a lanciare slogan e proclami, con tutti gli anni poi di governo con il loro Padrone di Arcore ormai sono esperti.
    Pirovano devi pregare che il finanziamento della variante non salti, se così fosse voi della Lega preparatevi a vedere finalmente il popolo vallare fare la rivoluzione!!

  7. Scritto da andrea marco

    per @10 : lo spero che si faccia, ma credo sia più facile diventi Papa una suora……la cosa più negative sono le continue sparate a vuoto del Presidente, capace solo di far abboccare chi non usa il cervello per ragionare ma segue chi fa più demagogia…. qui non si vuole criticare nessuno si stanno facendo solo delle vere constatazioni e fino ad ora le promesse non sono state mantenute, anzi Pirovano ha fatto solo delle sparate goliardiche

  8. Scritto da ex elettore

    A Napoli i patti di stabilità non esistono….adesso il sig B firmerà ancora per mandare qualche milioncino per ripulire le strade di quei zozzoni….Pensate quanti milioni di euro in 2 anni solo Napoli ha ricevuto per le immondizie, per non parlare di Catania Palermo.
    I leghisti è 16 anni che parlano, ma in Lombardia e in Provincia di Bg se si sono fatte 4 rotonde e 4 stradine il merito è del “terrone” Di Pietro, Pirovano e c hanno solo tagliato il nastro……
    16 anni di nulla….la lega

  9. Scritto da Andrea

    Mha…. parole di un certo effetto…ma quanto reali??? siamo in campagna elettorale…. a proposito in che politica vuole rimanere l’attuale presidente della Provincia?

  10. Scritto da van Piro

    Ma se lo fa quanto ci costa DOPO ?

  11. Scritto da Gio

    Solo per la cronaca… lo sforamento del patto è scelta politica, a volte un irrinunciabile scelta per i comuni, non certo la posizione di un segretario o direttore.