BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nuovo pgt, non amplieremo Dalmine”

L'assessore all'Urbanistica Fabio Facchinetti commenta le linee guida del Pgt approvate dal Consiglio comunale.

Più informazioni su

“Non amplieremo Dalmine”: lo dice l’assessore all’Urbanistica Fabio Facchinetti dopo l’approvazione in Consiglio comunale delle linee guida che porteranno al primo Piano di governo del territorio della città. Ecco il comunicato stampa:

Dalmine, 26 ottobre 2010 – Sono state approvate lo scorso 19 ottobre dal Consiglio comunale le Linee Guida del Piano del Governo del Territorio, il progetto che supererà l’attuale strumento urbanistico, ossia il Piano Regolatore Generale (PRG).
Un percorso intrapreso il 18 marzo 2010 con l’avvio ufficiale dei lavori annunciato nell’ambito del workshop “Politiche Urbanistiche per la rigenerazione di Dalmine”, e che ha l’ambizioso obiettivo di giungere alla trasformazione qualitativa della città e al miglioramento della vita di abitanti e di utenti. Prioritario è quindi il “valore di abitabilità” del territorio.
«In questi mesi – spiega Fabio Facchinetti, Assessore all’Urbanistica e Edilizia – abbiamo raccolto tutte le informazioni necessarie per predisporre delle Linee Guida che ci permetteranno di affrontare la progettazione e la pianificazione del territorio in termini “non astratti’”, assumendo ovviamente decisioni importanti per Dalmine, siano esse novità o riconferme. Questo grazie innanzitutto al coinvolgimento e alle proposte, critiche e costruttive, del tessuto socio-economico di Dalmine; ma anche attraverso il contributo di importanti interlocutori a livello provinciale e locale. Ovviamente le scelte che faremo dovranno tenere in considerazione della mancata attuazione di gran parte delle previsioni del PRG vigente che hanno di fatto "congelato" l’espansione della città per i prossimi 20anni».
Attraverso le Linee Guida, il nuovo strumento urbanistico cercherà dunque di non ampliare Dalmine ma di riordinarla, qualificarla e ammodernarla, per riconfermarne la vocazione di città di produzione e della ricerca, cercando comunque di tutelarne e valorizzarne le risorse e di preservare quella sua connotazione di "città giardino" fatta di case e non di lottizzazioni intensive, pensando prima di chiunque altro ai cittadini già residenti a Dalmine. «Il motto "e plurius unum, de tance ü" – conclude l’Assessore – esprime l’intento di un progetto pluridisciplinare quale è il PGT, ossia fondere ulteriormente le molte potenzialità dei sette quartieri di Dalmine, ognuno dei quali equiparabile ad uno dei tanti comuni della bergamasca, per migliorane la vivibilità».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da stefano

    Ma oltre a fare citazioni, fate qualcosa per dalmine?

  2. Scritto da marilena

    citazione latina, traduzione in bergamasco….non voleva perdere l’occasione per ricordarci che è della lega? Bastava il fazzolettino, e avanza..