BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Dea, seconda assenza ingiustificata consecutiva fotogallery

Dopo Piacenza un'altra prestazione da dimenticare e come in terra emiliana non esistono scusanti nonostante si giocasse in Coppa Italia.

Più informazioni su

E per fortuna che la rosa era ampia e la Coppa Italia era una manifestazione da onorare fino in fondo. Non solo, per fortuna che la squadra doveva reagire al ko di Piacenza dove nella ripresa giocatori molli e senza idee erano stati a guardare gli attaccanti degli emiliani fare tre gol e portarsi a casa i tre punti. Per fortuna perché non osiamo immaginare, senza le dichiarazioni decise del pre-gara contro il Livorno di Colantuono, come poteva finire. Senza contare che il risultato finale, 1-0 per gli amaranto, non rispecchia fino in fondo l’andamento della partita che in generale non ha regalato grandissime emozioni ma che ha regalato agli uomini di Pillon tre legni colpiti ed un paio di occasioni nitide create da Barusso su punizione, prima della rete del ko di Cellerino nei minuti finali. L’Atalanta? Una semioccasione di Pettinari a parte, non è pervenuta.
Ora le scusanti per questa assenza potrebbero essere lo scarso charme di una manifestazione che è diventata, almeno nei primi turni, una semplice vetrina per chi gioca un po’ meno di mettersi in mostra, e la squadra infarcita di seconde linee (l’ unico titolare era Peluso ma hanno trovato spazio anche giocatori importanti per i nerazzurri come Basha, Capelli, Bonaventura, Pettinari e, per una manciata di minuti, Ruopolo).
Scusanti che non reggono, per prima cosa, proprio per quanto ha detto martedì pomeriggio in conferenza stampa il proprio allenatore.
Ma facciamo finta che Colantuono si sia travestito da Pinocchio e martedì abbia detto balle.
Dunque, poco charme? Vero, verissimo, ma non per l’Atalanta considerato che è l’unico trofeo nazionale di rilievo in bacheca per la Dea e considerato soprattutto la figuraccia dell’anno scorso, quell’eliminazione subita dal Lumezzane che ha sancito, di fatto, la fine del regno di Conte sulla panchina dei bergamaschi, e aveva mostrato, forse per la prima volta, lo specchio della serie B sul tramonto. Era necessario dare un segnale sia per dimenticare l’onta dell’anno scorso sia, lo ripetiamo, per dare all’ambiente il segnale che la barca aveva ripreso la giusta rotta dopo la sconfitta di Piacenza. Un segnale mai arrivato come l’orgoglio che contraddistingue da sempre chi indossa la maglia nerazzurra.
Seconde linee? Non nella rosa stellare dell’Atalanta perché, solo per citare i casi clamorosi, Defendi (per la prima volta sceso in campo quest’anno), Basha e Pettinari, nella scorsa stagione trascinavano con prestazioni al bacio nel campionato cadetto le rispettive squadre (Lecce, Frosinone e Cittadella); se poi aggiungiamo il fatto che la seconda linea per eccellenza, il giovane Possenti, è stato il migliore dei bergamaschi, la dice lunga sulla qualità delle cosiddette “riserve”; senza dimenticare che il Livorno non si è presentato a Bergamo con una selezione di All Stars…
Insomma, l’assenza dell’alunna Dea, non è giustificata. Ed è la seconda consecutiva dopo quella di sabato scorso. Alla terza potrebbe scattare la visita dal Preside e la conseguente sospensione.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mitiar1

    ma infatti 2 pippuzzo: io direi che è cambiato proprio tutto tranne….. i giocatori :)
    abbiamo fatto tanto per tenere gli artefici della retrocessione, premiandoli con aumenti contrattuali, mortificando i nuovi acquisti mettendoli in secondo piano rispetto a dei vecchietti senza fiato e senza palle… e ci chiediamo cosa manca a questa atalanta???
    Colantuono sicuramente è una pessima guida, ma ha anche poco da guidare.
    magari un giorno si svegliano….. ma è da due anni che me lo ripeto..

  2. Scritto da atalo

    vero , alcuni giocatori della dea si sentono semidei , altri invece dei , e sento di alcuni che se la spassano alla grande …….

  3. Scritto da pippuzzo

    Dunque, negli ultimi due anni la dirigenza è cambiata, passando dallo stile Ruggeri alla mentalità apparentemente vincente di Percassi. Sono cambiati 4 allenatori (5, se consideriamo anche Bonacina), e di conseguenza i moduli e il modo di giocare. I risultati invece no, squadra molle prima, molle adesso. Forse bisogna smetterla di trattare i giocatori come divi e strigliarli quando necessario? Qua va cambiata la squadra, altroché! Spero di non essere costretto io a cambiare la squadra da tifare!

  4. Scritto da grazie

    alunna Dea?