BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Su il sipario, c’è “Palcoscenico”

Sabato 13 novembre al teatro san Filippo Neri inizierà la rassegna di prosa: ospiti, tra gli altri, Travaglio, Bertolino, Gene Gnocchi, Riondino, Lella Costa e Migone.

Si apre il sipario su “Palcoscenico”. Da novembre, torna la rassegna di prosa al teatro san Filippo Neri: 9 titoli che porteranno in scena nomi noti al pubblico teatrale e televisivo da Marco Travaglio a Enrico Bertolino, da Gene Gnocchi e David Riondino, da Lella Costa a Paolo Migone a Giovanna Mori e Jacob Olesen, con uno spazio particolare ad una compagnia bergamasca, “La pulce” ed a un’attrice Silvia Briozzo, bolognese ma bergamasca d’adizione visto che è stata le fondatrici di Erbamil.
La stagione prenderà il via sabato 13 novembre con “Promemoriadi e con Marco Travaglio che con la regia di Ruggero Cara ripercorre la recente storia d’Italia. Sabato 4 dicembre sarà in scena Enrico Bertolino in “Passata è la tempesta?” un’analisi della società di oggi per la regia di Massimo Navone, mentre sabato 15 gennaio Enzo Valeri Peruta, della compagnia bergamasca La Pulce sarà impegnato in “Vita-nuova” , la storia di un uomo che diventa padre che vede alla regia Silvia Briozzo.
 Gene Gnocchi sarà invece il protagonista di “Cose che mi sono capitate a mia insaputa” in calendario sabato 5 febbraio, una divertente storia in bilico tra fatti realmente accaduti e le colpe del destino.
Il quinto appuntamento della rassegna è con David Riondino e il suo nuovo recital “Fermata provvisoria” che saranno in scena sabato 19 febbraio.
Sabato 5 marzo, invece, arriva Lella Costa con “Arie”, piccole romanze recitate. Sabato 19 marzo sarà invece in scena Paolo Migone con “Dei numeri due, sono il numero uno”, una divertente storia propria dall’artista che torna dopo tanto tempo sul palcoscenico del San Filippo Neri.
Giovanna Mori e Jacob Olesen saranno i protagonisti di “Oibò sono morto”, spettacolo liberamente tratto da due romanzi scandinavi di Jan Friedegard e Arto Paasilinna, autori di fede protestante, che è in cartellone sabato 2 aprile, e racconta la storia della morte, o meglio dell’Aldilà.
Ultimo appuntamento della stagione, sabato 16 aprile, è con “Virginia” che vede protagonisti Enzo Valeri Peruta e Silvia Briozzo che affronteranno il tema dell’affettività tra genitori e figli.
Tutti gli spettacoli avranno inizio alle 20.45.
La biglietteria sarà aperta il giorno dello spettacolo dalle 20 (dalle 17.30 per gli spettacoli del 13 novembre, 4 dicembre, 5 febbraio e 5 marzo).
Ingresso: 20 euro (per spettacoli del 13 novembre, 4 dicembre, 5 febbraio e 5 marzo),
15 euro (per spettacoli del 19 febbraio e 19 marzo); 12 euro (per spettacoli del 15 gennaio, 16 aprile, 2 aprile).
Ridotto 10 euro per tutti gli spettacoli. I
Ingresso gratuito ai minori di 13 anni accompagnati da un adulto per gli spettacoli del15 gennaio, 2 aprile e 16 aprile.
Per prenotazioni:Teatro San Filippo Neri, tel: 035-470.020.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da D.B.

    @il giudice:
    ahahahah Travaglio bolscevico… sicuramente non l’ha mai ascoltato per più di 5 minuti… l’ho seguito svariate volte ed è tutto, meno che bolscevico! poi che contraddittorio serve quando si elencano fatti documentati da sentenze?! Per inciso: non è necessario essere di sinistra per criticare B. e i fatti recenti lo dimostrano, dove il centro destra, quello vero, ha evidenziato tutti i problemi dell’attuale maggioranza. Gente come Travaglio fa aprire gli occhi alla gente!
    saluti

  2. Scritto da il giudice

    Travaglio, al solito predicherà la buona novella senza possibilità di contraddittorio, tipicamente bolscevico.

  3. Scritto da interessi forti...?

    Bellissime serate,Ospiti piu che ok:ma perchè non utilizzare per alcuni di questi Spettacoli anche la Nuova Sala difronte al Comune di Nembro,piu che adatta per alcuni Spettacoli tipo quello di Marco Travaglio un Monologo,cosi anche essa sarebbe utilizzata decentemente,non si vuole infastidire qualcuno…?