BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sciopero delle gite, aderisce anche il Galilei

Alla lunga lista di scuole superiori bergamasche che hanno aderito allo sciopero delle gite lanciato da tanti altri istituti italiani si aggiunge anche il liceo scientifico Galilei di Caravaggio.

Più informazioni su

Alla lunga lista di scuole superiori bergamasche che hanno aderito allo sciopero delle gite lanciato da tanti altri istituti italiani si aggiunge anche il liceo scientifico Galilei di Caravaggio. Ecco il documento dei docenti.

“Riteniamo assolutamente necessario rivendicare la propria professionalità, la dignità e l’utilità sociale dell’insegnamento nella scuola pubblica nel suo complesso e, a tal proposito decidiamo per il corrente anno scolastico, le seguenti forme di protesta:

– il blocco di tutte le uscite didattiche, visite di istruzione in Italia e all’estero, ivi compresi gli scambi culturali e gli stage (tranne quelli già in fase di svolgimento);
– il blocco di tutti i colloqui pomeridiani con i genitori;
– valutazione della possibilità di sostituire i testi scolastici attualmente in uso con materiale alternativo (dispense, testi copyleft,…).

Queste scelte non dovranno essere interpretate come una forma di protesta che penalizza gli studenti e le famiglie, bensì come una strategia volta a richiamare l’attenzione delle famiglie e dei cittadini sui temi del diritto all’istruzione, dello sviluppo del Paese e della tutela del lavoro.

Benché dolorosamente consapevoli che le suddette scelte privano gli studenti di valide occasioni formative, i docenti del liceo “Galilei” ritengono che questa sia l’unica possibilità per richiamare l’attenzione della società civile sui problemi della Scuola italiana.
I docenti, infine, ritengono importante che questa comunicazione sia diffusa attraverso gli organi di stampa, il sito della scuola e sia trasmessa ai genitori e agli studenti nel corso dei prossimi consigli di classe aperti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da xd

    Io non ricordo bene la mia vita alle superiori, non ricordo il mio primo giorno o la mia prima nota o il mio primo voto … ma sicuramente ricordo le poche gite fatte…. la gita è esperienza di vita (almeno ai miei tempi) non sprecatela…

  2. Scritto da giuseppe

    Tanti soldi in meno spesi dalle famiglie.
    E poi chi se ne frega se i docenti scioperano!
    Tanto sciopero o no, tra estate, natale, pasqua, carnevale e ponti vari su 12 mesi ne lavorano solo 8 e sono retribuiti per 13.
    E veramente scandaloso che loro stiano in vacanza e i cittadini contribuiscano a pagargliele!

  3. Scritto da prof.acerbis

    ma gentile “Testi scolastici” ci sono tanti testi di c. in giro che… i nsomma i docenti NON ci giuadagnano nulla ad adottare un testo oppure l’altro… almeno, non mi risulta che le case editrici paghino sottobanco viaggi alle Maldive come invece facevano un tempo le case farmaceutiche con i medici che prescrivevano il farmaco piu’ costoso… Ben vengano le dispense scritte da noi con gli studenti… ma le case editrici non si seccheranno? ah ah ah

  4. Scritto da Che bello

    Che bello, che bello, basta gite, tutti a studiare, come una volta, senza questa monata delle gite.

  5. Scritto da Testi scolastici

    Unica cosa condivisibile è la possibilità di sostituire i costosi testi scolastici (che chissà perchè vengono scelti dai docenti) con dispense e internet gratis per tutti.
    Basta con il business dell’editoria scolastica che ogni anno stampa novità, con il beneplacito dei docenti.

  6. Scritto da comodo

    …se quersta è l’unica, allora si rivolga a chi specula, e non ai docenti, visto che il resto è carta straccia