BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Torri firma il compitino: 1-0 sul Portogruaro fotogallery

Senza entusiasmare la Celeste si aggiudica tre punti fondamentali e lascia la zona calda della classifica. Quinto gol per il bomber seriano.

Più informazioni su

ALBINOLEFFE-PORTOGRUARO 1-0
Reti: 35’ pt Torri
ALBINOLEFFE: Tomasig, Luoni, Sala, Bergamelli, Zenoni, Previtali, Geroni (25’ st Piccinni),  Regonesi, Bombardini, Torri (25’ st Cisse), Momentè. All. Mondonico
PORTOGRUARO: Rosi, Lanzoni, Pisani, Madaschi, D’Elia (1’ st Cunico), Espinal, Schiavon, Amodio, Tarana, Altinier, Gerardi (21’ Batista). All. Viviani. 
Arbitro: Cervelliera di Taranto

AlbinoLeffe-Portogruaro rispetta a pieno le aspettative della vigilia. Partita scialba, tra due squadre che badano molto più alla concretezza (per così dire) piuttosto che all’estetica. Alla fine la più cinica tra le due squadre è la Celeste, che grazie soprattutto a un discreto primo tempo si porta a casa tre punti fondamentali per la sua classifica.
Bombardini ce la fa, e Mondonico rispolvera il vecchio 3-4-1-2 con Geroni al posto dello squalificato Hetemaj in mezzo e in difesa i due giovanotti Bergamelli e Luoni guidati da Sala. Partono bene i seriani, e dopo pochi minuti proprio Bombardini lascia partire un missile terra-aria dalla distanza che finisce di poco alto. Stesso esito per la girata aerea di Momentè sul preciso cross dello stesso fantasista. Il Portogruaro col passare dei minuti prende coraggio, ma non riesce a creare occasioni da rete. Va ancora vicina al gol invece la Celeste al 20’ con Bergamelli, che da pochi passi non  azzecca l’incornata di testa. Ancora Bombardini prova la conclusione alla mezzora, ma Rossi para senza problemi. Ci pensa Torri al 35’ a portare in vantaggio l’AlbinoLeffe, con un preciso piattone da centro area dopo l’intelligente sponda di Geroni sul traversone dalla destra di Zenoni.
Nella ripresa, come spesso capita, l’AlbinoLeffe cala vistosamente e rintana a difesa della propria porta. E dell’esiguo vantaggio. Anche troppo, tanto che in pratica rinuncia ad attaccare e si affida solo a qualche sporadica ripartenza in contropiede. Fortunatamente per i seriani il Portogruaro risulta davvero poca roba, e non riesce quasi mai a impensierire seriamente Tomasig. La sfida scivola via senza grossi sussulti, e tra la noia generale, fino al triplice fischio finale. La Celeste si prende così tre grosse boccate d’ossigeno, che le consentono di salire a quota 12 punti e di abbandonare la zona calda della classifica.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.