BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Doni si conferma la guida, difesa bocciata

Il capitano dà qualità e segna anche il gol del momentaneo raddoppio. La retroguardia colpevole della rimonta incredibile del Piacenza.

Più informazioni su

CONSIGLI 6: un paio di parate semplici nel primo tempo ma ciò che sorprende positivamente è la sicurezza nelle uscite. Incolpevole nei tre gol subìti.
RAIMONDI 6: spinge molto in attacco ma contemporaneamente riesce a contenere le sfuriate dei piacentini sulla sua fascia (37’st BONAVENTURA sv).
TROEST 5: il roccioso centrale atalantino ha la colpa di causare la punizione con un fallo inutile che dà il via all’azione del gol del Piacenza che riapre la partita.
PELUSO 5: rientra al centro della difesa dopo l’infortunio ma non è al meglio e i nerazzurri imbarcano acqua soprattutto nella ripresa quando il Piacenza regala agli spettatori del Garilli tre gol in mezz’ora.
BELLINI 5: impreciso quando arriva in zona cross, lascia spesso dietro praterie per gli attaccanti piacentini.
BARRETO 6: troppe sbavature nei tocchi di prima ad inizio partita. Si rifà entrando nell’azione del secondo gol: è dai suoi piedi che parte il tiro a giro che mette in difficoltà Cassano.
CARMONA 6: testa alta, corsa e passaggi analitici. Prova convincente e di qualità per il regista nel primo tempo poi il tracollo, con tutta la squadra, nella ripresa.
PADOIN 6: si vede poco perché a lui tocca il lavoro sporco, fondamentale per garantire un equilibrio tattico ad una squadra schierata a trazione anteriore. Ritorna sui sui livelli dopo alcune prove opache.
DONI 7: si conferma in forma, dalla trequarti spesso prova il driibbling che riesce sempre. Bene anche dietro quando torna a dare una mano sulle palle inattive favorevoli per il Piacenza. La ciliegina sulla torta è il gol con un preciso pallonetto di testa che beffa Cassano Per Colantuono non basta e il trequartista è richiamato in panchina alla mezz’ora del secondo tempo (29’st ARDEMAGNI sv).
RUOPOLO 6.5: molto movimento, impreziosisce la sua prova con un assist “alla Doni” per Tiribocchi (dal 20’st PETTINARI 5.5: non riesce mai a sfondare sulla sinistra).
TIRIBOCCHI 6.5: spaventa il Piacenza con un destro al volo dopo pochi minuti che sibila sopra la traversa del Piacenza. Al secondo tentativo fa centro, bravo ad infilare come un coltello nel burro la retroguardia biancorossa e ad insaccare con un tocco preciso la porta avversaria.

COLANTUONO 4.5: tira su la coperta troppo presto con l’ingresso di Pettinari per Ruopolo, lasciando da parte il vincente rombo per ritornare al 4-4-2 che si dimostra zoppicante. Coperta evidentemente troppo corta considerato che il gol della rimonta del Piacenza arriva dopo pochi secondi. Alla mezz’ora decide di far entrare Ardemagni che si conferma un giocatore in crisi per Doni, il migliore in campo per i bergamaschi e l’unico di dare una certa qualità alla manovra. A Piacenza era necessario centrare la vittoria ma arriva una sconfitta durissima soprattutto per come matura, cioè subendo una rimonta quando la squadra era sopra di due gol.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da io

    tutti bravi a commentare, dopo…. lasciamoli lavorare e vediamo alla fine

  2. Scritto da bergamasco

    e che si deve commentatre ancora???il 4,5 a colantuono?può darsi che tra poco la ruota comincierà a girare dalla parte giusta,ma fino ad ora è sempre inchiodata,e cosa piu sorprendente non si nota nessuna contestazione alla società…mah,ci mancherebbe,sono stati i supporter ad aver voluto l’attuale dirigenza,se si contesta significa una sconfitta per loro..
    ho trovato!!,diamo la colpa ai ruggeri come negli anni passati…
    cambiamo allenatore subito,quello è stato un voltagabbana un tempo..

  3. Scritto da calma e gesso

    il problema non è Colantuono, ma difensori individualmente non all’altezza di una squadra che punta alla promozione. Secondo me ,con il rientro di Manfredini, Talamonti e un rinforzo(vero) eventuale,l’Atalanta dovrebbe trovare la continuità di risultati fin’ora mancata.

  4. Scritto da 1907/b

    doni tanto fumo e niente arrosto

  5. Scritto da 1907/b

    condivido 2 quando dice che è una squadra da Promozione ( intesa come categoria ) ……………ancora + giù dell’eccelenza e appena sopra la prima categoria

  6. Scritto da guido da bg

    Pagelle patetiche e buoniste.
    Assurdo il sei politico a Raimondi e a Carmona.
    Ancor peggio dire che Consigli migliora nelle uscite, infatti il pareggio del Piacenza arriva da un colpo di testa nell’area piccola.
    Se il portiere non esce in questa occasione?

  7. Scritto da arnaldo

    disastro COLANTUONO . adesso è troppo facile dirlo . gia in estate io avevo detto che è vecchio (come allenatore), squadra senza identità , e che gioca sempre in orizzontale . lasciamo perdere quando si rientra nella ripresa ….. ma scusate chi ha dato le pagelle ?? che coraggio! sembra che la colpa sia solo di TROEST .TIRIBOCCHI 6,5 ? la sufficenza non si da solo per il goal . poi goal imparabili ?? ma dai non scherziamo eh.