BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parco eolico al passo San Marco Stop definitivo dal Consiglio dei Ministri

Dopo l???incontro che si ?? tenuto settimana scorsa per cercare di limare le posizioni contrastanti tra le istituzioni competenti, da Roma fanno sapere che lo stop ?? da considerare definitivo.

Parco eolico al passo San Marco, arriva lo stop definitivo dal consiglio del Ministri. Dopo l’incontro che si è tenuto settimana scorsa per cercare di limare le posizioni contrastanti tra le istituzioni competenti, da Roma fanno sapere che lo stop è da considerare definitivo.
Si conclude dunque così battaglia tra il Comune di Albaredo, favorevole all’impianto, e le Province di Sondrio e Bergamo, da sempre contrarie al progetto. Soddisfatto il presidente della Provincia Ettore Pirovano. "Finalmente – commenta – "ha prevalso il buon senso ed è stato scongiurato una volta per tutte il rischio che il Passo San Marco venga deturpato irrimediabilmente da pale eoliche alte oltre 80 metri".Contento anche l’assessore all’Ambiente Pietro Romanò. “Vediamo questa vicenda concludersi, era ora – spiega – perché sinceramente stava andando avanti per le lunghe senza motivo. Quella presa dal consiglio dei Ministri è la decisione giusta”.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Le rido una mano

    @43 Malpensante
    Per fare investimenti ci vuole denaro, e il denaro, chi te lo presta (banche), vuole un utile.
    Anche se l’azienda che gestisce l’acqua è interamente pubblica, per investire deve accendere un mutuo, quindi farsi prestare denaro che restituirà negli anni pagando un tasso (utile per le banche che te lo prestano).
    E’ come un comune che fa un’opera accendendo un mutuo. E’ pubblico ma versa un guadagno a chi gli presta il denaro.
    Vedo che lei non ha capito questo semplice concetto.

  2. Scritto da un'altro qualunque

    @44
    Le bollette tedesche non vengono calcolate in funzione degli stipendi ma in funzione degli investimenti.
    L’acqua li è più cara perchè fanno maggiori investimenti e quindi gli impianti sono più efficienti.
    In Italia, con la ridicola tariffa che paghiamo, saremo sempre un colabrodo

  3. Scritto da uno qualunque

    @35
    Sono perfettamente d’accordo con lei.Non biasimo un privato (per definizione deve guadagnare) che entra in un servizio pubblico,biasimo il pubblico che permette la speculazione
    @37
    Le bollette tedesche sono proporzionate ai loro stipendi (3 e\mq, non 6), tutti i servizi costano di più.Ma sono più efficienti (come sottolineava),basso impatto ambientale e gestione comunale. Per me meglio più soldi al comune (visto mai che li riusi per me) per un servizio efficiente che al privato che specula.

  4. Scritto da andrea

    @40 Leggere testi scientifici, sarebbe proprio una bella idea!
    Scoprirebbe che il nucleare in Italia servirebbe a molto poco a meno di disseminare l’Italia di centrali nucleari.
    Il problema energetico è complicato ma bisogna dare atto che le energie “pulite” hanno fatto dei salti qualitativi inimmaginabili negli ultimi anni.
    Il futuro prossima dovrà essere un mix di cose.eolico,solare,risparmio energetico, metano e ci può essere anche il nucleare ma solo marginalmente non come soluzione.

  5. Scritto da andrea

    @39
    La distribuzione, la depurazione dell’acqua, gli investimenti per la captazione o per i bacini hanno dei costi che giustamente debbono essere pagati da chi la usa.
    Il fatto che un privato lo possa fare meglio ed a minor costo per il momento non trova riscontro proprio da nessuna parte.
    Se poi lei non vuole vedere alcuna impresa pubblica per motivi ideologici è un suo problema, nulla ha a che vedere con la realtà.
    Le imprese pubbliche deve essere governate meglio con meno politica. Vero LEGA?

  6. Scritto da Malpensante

    @40- Vedo che ha qualche difficoltà nel distinguere tra utili e costi, se crede le do una mano . Coprire i costi nececessari per un servizio efficiente è una cosa , farci degli utili in regime di monopolio locale è un’altra . Capito ? (senza tante “o”)

  7. Scritto da Beppe

    Non capisco queste contrapposizioni sul modo per ottenere energia…….

    Laddove c’è il vento si sfrutta il vento, laddove c’è molto sole si sfrutta il sole, laddove c’è acqua si sfrutta l’acqua…… In pianura si possono installare le centrali nucleari.
    Non mettere le pale presso il passo S. Marco è una cavolata senza senso.
    Tra l’altro le pale sono facilmente smontabili.

  8. Scritto da Mi parrebbe semplice

    @27 – Beppe , è solo una questione ambientale di impatto visivo , se puoi evitarla è molto meglio, alla fine è solo buonsenso . Es . perchè finanziare il fotovoltaico nei campi quando abbiamo un’enormità di superfici sui tetti dei capannoni ?
    Perchè a passo san marco è non in un punto più defilato ? Certo la strada è comoda e larga ma proprio per quello è una meta turisticamente molto frequentata.

  9. Scritto da Ranger

    @26 – veramente fonti autorevoli ! la data è del 2005 e si sbeffeggiava Prodi, adesso finanziano anche loro e lo fa tutta europa oltre che gli stati uniti(energie alternative) . Tutti scemi, ovviamente.

  10. Scritto da Beppe

    @27 Passo S.Marco, dove non c’è nulla a parte il passo, è un punto turistico molto frequentato!?……tra l’altro nella fase invernale il passo è chiuso…..

    Ma per favore….troviamo altre scuse!

  11. Scritto da Consigli

    @29 ranger
    Perchè, sono scemi solo quelli che costruiscono centrali nucleari?
    Ma la vuoi capire che le tue palette e i tuoi pannelli non soddisfano le necessità energetiche della nazione?
    La vuoi capire che non abbiamo bisogno di energia solo per la varci le mani, fare il bagno o riscaldare la casa, ma tanta, tanta energia per la produzione industriale, i trasporti, ecc.
    Basta fare quattro conti della serva, se si ha naturalmente almeno la cultura di una serva!

  12. Scritto da uno qualunque

    @25
    per Sua informazione, Latina e’ stata una delle prime città ad avere l’acqua privatizzata ed i prezzi al consumo sono cresciuti notevolmente. Il privato (giustamente) entra in impresa per un guadagno.
    Sul rinnovabile in Germania, e’ facilmente documentabile (il sole 24 ore,corriere..)che a partire dal 2000 i vari governi tedeschi hanno messo in atto programmi di riduzione del nucleare e implementazione delle rinnovabili. Seppur con ritardi sui programmi, hanno impegni molto ambiziosi.

  13. Scritto da Beppe

    @31 Infatti in Germania e USA sono stupidi e chissà come mai, hanno intere zone dedicate al solare e alle….palette…

    Ripeto: bisogna sfruttare in ogni modo la possibilità di ottenere energia: nuclare, solare, eolico, idroelettrico.

  14. Scritto da Malpensante

    @32- Pensi che invece io ho sposato lo sbalorditivo, rivoluzionario principio che sull’acqua e sull’aria non ci deve guadagnare nessuno !!

  15. Scritto da Ranger

    Nel mio 34 mi è scappato il tastino sbagliato, “cultura” con la “o” , chiedo venia. lì proprio non ci azzeccava…..

  16. Scritto da Latina

    @32
    In Germania l’acuq costa 6 euro al mc ed hanno impianti efficentissimi poichè con quel costo coprono tutti gli investimenti.
    A Latina quanto pagano l’acuq al mc, lei che sa tutto di Latina?

  17. Scritto da W il nucleare

    @33
    Bravo Bebbe, quindi anche il nucleare, se non palette e pannelli non sono sufficienti.

  18. Scritto da Benpensante

    @35
    Malpensante, non hai ancora capito che l’acqua è gratis, quello che paghi sono i costi dell’impianti per portartela in casa pulita e portartela via sporca.
    Qualcuno dovrà pur pagare questi impianti: il buon Dio pensa all’acqua, ed è gratis, ma gli impianti ci deve pensare l’uomo.
    Capitooooooooooooooooooo! o no! Svegliaaaaaaaaaaaaaa!!!!!

  19. Scritto da Leggere ed informarsi

    @34 Ranger
    Per capire che l’eolico e il pannello solare non soddisfano la necessità di energia non serve leggere Libero: basta leggere qualche buon testo tecnico/scientifico e le statistiche nazionali di consumo di energia. Sempre che si abbia voglia di leggere questi argomenti un poco noiosi.

  20. Scritto da un'altro quealunque

    @21
    non ho capito cosa chiedere agli abitanti di latina sul tema dell’acqua. Che poi in Germania si stia gradualmente abbandonando il nucleare: QUESTA E’ UNA COLOSSALE BUFALA.

  21. Scritto da Consigli

    @22 Ranger
    Io invece le consiglio:
    http://www.ilgiornale.it/a.pic1?ID=39395
    http://2909.splinder.com/post/6725717
    http://pinocchio.blogspirit.com/archive/2005/12/27/energie-alternative-o-energie-complementari.html
    E potrei andare avanti con l’elenco fino a domattina

  22. Scritto da pieneibale di fasistu

    Io avrei preferito molte più pale, fotovoltaico, solare e termovalorizzatori che centrali nucleari, come a Friburgo dove hanno eliminato la centrale che avevano e adesso grazie a questi investimenti stanno producendo più energia di quella che gli serve e la vendono, tenendo presente che Friburgo non è una città con tanto sole eppure funziona e secondo me è la strada giusta, anche perchè vedremo (se le fanno) dove le faranno.

  23. Scritto da Davidao

    Mah… io non le trovo brutte le pale eoliche, anzi. piuttosto sul Passo San Marco farei un po’ di pulizia di tralicci e traliccini e antenne varie che quelle si che son brutte. Le pale in fondo sono dei mulini…

    Piuttosto, trovo molto più brutte quelle miriadi di seconde case che stano massacrando il nostro territorio e non si fermano mai.

  24. Scritto da POL

    Ma quale Buonsenso caro Pirovano al posto di andare avanti si torna indietro VIVA LE ENERGIE ALTERNATIVE meno male che cè chi la pensa diversamente da lei !!!

  25. Scritto da SEL

    E il presidente della Provincia cosà risponderà al Ministro o al presidente della Regione se venisse chiesto un sito per una centrale nucleare o per una discarica di stoccaggio scorie radioattive? Se è coerente dovrebbe dirsi disponibile così come qualunque sindaco leghista o pidiellino o qualunque cittadino elettore di destra. Meglio questa scelta che i mulini eolici!!! Lega incapace di guardare oltre il proprio (corto)naso,incapace di governare i cambiamenti,incapace di dare futuro,INCAPACE!!

  26. Scritto da uno qualunque

    Ma…..domanda: il fotovoltaico fa tanto schifo? Perché nel nord Europa c’è?
    Si vuole salvaguardare il paesaggio? Ottimo! investire quei soldi per tappezzare di pannelli le case? Investirli per abbassare il consumo di energia dei palazzi pubblici e privati? Investirli su energie alternative? Il nucleare e’ semplicemente antieconomico. Sara’ pronto tra anni, l’uranio costa e c’è il problema delle scorie.
    E se si “ama” il paesaggio, seconde case e nuove strade non sono in leggera controtendenza?

  27. Scritto da uno qualunque

    @20
    in Germania,si sta gradualmente abbandonando il nucleare a favore delle rinnovabili.In Austria, tra Vienna e Bratislava c’è un grande parco fotovoltaico e quasi tutte le case sono dotate di pannelli solari.Cosi pure in Danimarca. ecc, ecc.. Quanto all’economicità, la tecnologia per il nucleare la compreremo dalla Francia,i tecnici pure. L’uranio non lo regalano,gli stoccaggi delle scorie costano,i trasporti speciali pure.E per l’acqua provi a chiedere agli abitanti di latina come la pensano

  28. Scritto da BEVETE, BEVETE!

    ENERGIE ALTERNATIVE: LA BUFALA DEL MOMENTO.
    BEVETE, BEVETE: TRA UN PO QUANDO VI AVRANNO SPREMUTI, NE INVENTERANNO UN’ALTRA PER SPREMERVI.

  29. Scritto da W IL NUCLEARE

    Una bella centrale atomica in Bergamasca, e avremo energia pulita gratis per tutti: SPERIAMO SI DECIDANO PRESTO

  30. Scritto da Erpek

    E’ come dire mettiamo una centrale a biomasse in piazza del duomo , se dici di no diventi un ecologista. Fim mia gregnà. Ogni cosa al suo posto. Per altro, ci sono km quadrati di tetti di capannoni che sarebbero adattisssimi al fotovoltaico , che cavolo di bisogno c’è di incentivarne l’utilizzo nella ormai poca campagna che abbiamo ?

  31. Scritto da un'altro qualunque

    @16
    Ma nel nord Europa ci sono pure le centrali nucleari a sopperire l’insufficienza delle energie alternative che non soddisferanno mai la richiesta necessaria.
    Ma….domanda: la centrale nucleare fa tanto schifo? E poi da dove viene la bufala che è antieconomico? Possibile che il popolino beve tutto quello che quattro demagoghi da strapazzo urlano per strumentalizzare menti deboli?
    E’ un pò la storia della privatizazzione dell’acqua: non si privatizza l’acqua ma gli impianti che te la danno

  32. Scritto da Ranger

    @20- le consiglio la trasmissione di Iacona sul tema (presadiretta) . Con dati e interviste a responsabili , tecnici e protagonisti nel resto d’europa.
    http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-ffa965e8-58f1-43a9-b9d5-9555b5cb5f9e.html

  33. Scritto da giorgio57

    Sarei stupito del contrario, un governo che è a favore del nucleare, che avrebbe tolto gli incentivi del 55% sul risparmio energetico, che come slogan aveva quello del “io consumo”, perchè mai avrebbe dovuto dire si al parco eolico ? Mi stupisce invece che siano i comuni, le comuità montane e le provincie che dicono di no. A questo punto “mi piacerebbe” che finisse come a Montello dove al posto della Rumi non hanno voluto l’interscambio merci e si sono cuccati lo stoccaggio dell’umido…

  34. Scritto da uno qualunque

    una piccola correzione.
    Nei dintorni di Vienna, oltre ad esserci i pannelli solari sulla maggior parte delle case, vi sono grandi parchi EOLICI, e non fotovoltaici come ho scritto.
    Il bus che da Bratislava porta a Vienna ci passa in mezzo.

  35. Scritto da gina

    Le orobie non si toccano, certo le lasciamo lì come sono a svuotarsi

  36. Scritto da Beppe

    Stop all’eolico…..Al via da subito un bella colata di cemento di apparteamenti residenziali…………

    I destri non si smentiscono mai

  37. Scritto da Pino

    Le Orobie non si toccano. Bravi!

  38. Scritto da Cementificatori

    Le orobie si toccano solo con il cemento……..

  39. Scritto da carmelo

    Un centralina nucleare è l’alternativa giusta. Una ad Arcore e una a Mezzoldo

  40. Scritto da s

    Beppe spiegami perchè i destri sono per il cemento e i sinistri per le oasi e i paradisi (fiscali?) naturali
    Sei vecchio, le ideologie sono finite nel 1989!

  41. Scritto da Livio

    Secondo Piravano e’ “prevalso il buon senso”.
    ma come si puo’ dire no alle energie altenative e si alle centrali nucleari ???
    Si all’ energia eolica e solare e no al nucleare !!!
    Mandiamo a casa questo governo o finiremo male………………..

  42. Scritto da oraziococlite

    Per 7 -5-13, siete proprio patetici.Pur di dare contro ai non sinistro/verdi fingete anche di avere a cuore le pale.Bello il paesaggio con quei giganti vero? Bello vederseli sempre li davanti.Il cemento basta vedere come sono conciate le Orobie sicuramente le doppie case ,non sono cresciute dia un giorno all’altro .Oppure pensate che anche li’ Berlusconi e la Lega abbiano fatto il miracolo?Basta sinistri state zitti o almeno se non potete siate neutrali ,se potete.

  43. Scritto da s

    Ma state zitti che i vostri amici compagni a avevano fatto saltare la centrale di Chernobyl !

  44. Scritto da Beppe

    @8 vedo che rosichi molto…..ti abbiamo punto nell’orgoglio??

    E’ vecchio pensare che Destra = cemento?? No! E’ solo un dato di fatto…….

    Le pale stanno male….certo, meglio comunque una bella centrale termoelettrica o di una mastodontica diga.

    Le case non sono cresciute da un giorno all’altro?? Certo che no…….forse negli ultimi 25 anni…….e chi ha governato nelle valli in questi ultimi 25 anni??? I soliti KUMUNISTI??? Mi faccia il piacere…..

  45. Scritto da Giusi

    Sicuramente i sinistri non hanno fatto i danni che hanno combinato i destri.
    Avete la memoria corta, i miei genitori se li ricordano bene quando manganellavano e “GRATIS” ti riempivano di RICINO.
    Li avete dimenticati i campi di concentramento?
    Mio padre ci ha passato 2 anni e mezzo grazie ai destri.
    Ma vi meritate tutto questo, la pubblicità sui sinistri di chi ha costruito Milano 2 e 3 coi soldi della mafia ha funzionato.
    Facile, oramai si ascoltano gli slogan, faticosa leggere e informars