BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Infortuni, incontro urgente col prefetto”

Troppi infortuni, Cgil, Cisl eUil chiedono un in contro urgente al prefetto per rendere operativo il tavolo provinciale sulla legalità e sicurezza sul lavoro.

Troppi infortuni, Cgil, Cisl eUil chiedono un  in contro urgente al prefetto per rendere operativo il tavolo provinciale sulla legalità e sicurezza sul lavoro

Una caduta dall’alto, di nuovo, come troppo spesso accade, è all’originedi un nuovo grave infortunio sul lavoro nella provincia bergamasca: è successo questa mattina nell’azienda di Trasporti Peroni di Bonate Sopra, dove un operaio di una ditta esterna, la MTB di Milano (in subappalto per conto della ditta Idromeccanica Rottoli di Bonate Sopra), stava svolgendo un sopralluogo sul tetto di eternit.
Dalla ricostruzione che, telefonando ai colleghi in azienda, ne ha fatto il Rappresentante sindacale dei lavoratori alla Sicurezza (RLS), sembra che il lavoratore, ora ricoverato agli Ospedali Riuniti, sia caduto da un’altezza di sei metri, sprovvisto degli idonei dispositivi di sicurezza.
“Dopo questo ulteriore grave infortunio diventa ancora più urgente incontrare il Prefetto, fare il punto della situazione con tutti i soggetti coinvolti e rendere operativo il tavolo provinciale sulla legalità e sicurezza sul lavoro” hanno detto poco fa Luciana Fratus della Cgil, Pierangelo Mariani della Cisl e Amerigo Cortinovis della Uil di Bergamo.
Questa mattina, infatti, prima dell’infortunio, i sindacati avevano inviato ufficialmente la richiesta di incontro in Prefettura
. La decisione di chiedere al Prefetto un incontro arrivava dopo un’impressionante serie di infortuni, provocati da cadute dall’alto: lunedì scorso un artigiano edile si era gravemente ferito mentre lavorava in un appartamento a Gazzaniga, cadendo da una scala. A Torre Pallavicina l’8 ottobre era, invece, morto sul colpo cadendo da sei metri di altezza, un sessantasettenne di Villongo. Ancora prima, il 2 ottobre un cinquantacinquenne era precipitato da un’altezza di tre metri mentre stava eseguendo lavori di pulizia in una ditta chimica in disuso a Ciserano. Il 28 settembre, un antennista era caduto dal tetto di una casa dove stava sostituendo, insieme al fratello, un’antenna nel comune di Albano sant’Alessandro.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da E,poi...?!

    E poi…?!

  2. Scritto da Elio

    Fate il vostro mestiere. Non fate perdere il tempo ad altri.