BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’addio dell’Ance al vicepresidente Colleoni

Si ?? spento nella notte Giuseppe Colleoni, attuale vicepresidente nazionale dell???Associazione dei Costruttori. Il ricordo di Paolo Ferretti.

Più informazioni su

Si è spento nella notte tra lunedì e martedì Giuseppe Colleoni, attuale vicepresidente nazionale dell’Associazione dei Costruttori e tesoriere della territoriale orobica Ance.
Colleoni, nato a Bottanuco nel ’32 e titolare dell’impresa Costruzioni Edili Colleoni geom. Giuseppe Sas, è stato un protagonista dell’imprenditoria bergamasca e dell’associazionismo del settore edile già dagli anni 60. Infatti appena trentenne entrò come sindaco nell’allora Collegio dei Costruttori Edili di Bergamo, ricoprendo negli anni molteplici incarichi fino alla Presidenza del 1984 che mantenne fino al 1993.
La passione per l’associazionismo che lo ha sempre contraddistinto, lo ha portato a ricoprire anche diversi incarichi a livello lombardo e nazionale: è stato infatti vicepresidente di Ance Lombardia dal
1992 al 1998 e Presidente dal 2001 al 2007
, mentre a livello nazionale ricopriva la carica di vicepresidente dal 2006. Nell’ambito del primo mandato nazionale aveva contribuito in modo decisivo
allo storico rinnovo nel 2008 del Ccnl del settore edile, che tra le altre novità dava un impulso significativo alla sicurezza dei lavoratori. Come ebbe a dire in quell’occasione “il nostro motto deve essere: prevenire è meglio che punire”.
Sotto la sua presidenza l’allora Aceb, attraverso le proprie imprese, promosse la realizzazione del primo parcheggio sotterraneo della città in piazza della Libertà, iniziata nel 1988 e conclusa tre anni dopo. Sempre in quegli anni venne inaugurata anche la sede della Scuola Edile a Seriate, fiore all’occhiello dell’edilizia bergamasca.
"Oggi perdiamo una grande persona che ha fatto la storia dell’Associazione: fervido sostenitore
dell’associazionismo, ci ha trasferito con il suo esempio quanto importante possa essere il “fare
squadra”, tratto non scontato per noi bergamaschi che qualche volta pensiamo di poter fare da soli –
dichiara Paolo Ferretti, Presidente di Ance Bergamo – Giuseppe Colleoni ci ha trasmesso il senso del lavoro e può essere considerato un esempio di imprenditore instancabile in un’epoca in cui in troppi hanno pensato di poter guadagnare senza lavorare con le conseguenze che stiamo vivendo. Ha sempre tenuto alla professionalità dell’imprenditore edile e delle maestranze del settore; il suo impegno con i sindacati lo dimostra. Sempre schietto, ha sempre creduto nel valore della lealtà e della parola data, e questo sarà parte della enorme eredità che ci lascia".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Paolo

    Ciao Beppe. Hai lasciato un grande vuoto tra tutti noi.
    Un grande vuoto che percepiamo ogni istante, perchè sei stato un Vero Grande Uomo; e le maiuscole sono d’obbligo.
    Il Tuo insegnamento è un capitale ed una immensa risorsa per tutti noi che abbiamo avuto il piacere di averti accanto sia umanamente che professionalmente.
    Grazie di cuore.

    Paolo e Cristiana.

  2. Scritto da Gianni Locatelli

    Ho avuto modo di frequentarlo in molte occasioni, non solo formali.
    Lo ricorderò con affetto ed ammirazione: un Grande Personaggio.
    Condoglianze alla Famiglia e all’ ANCE ed una sincera preghiera.
    Gianni Locatelli
    già Direttore APINDUSTRIA Bergamo

  3. Scritto da Marco Brembilla

    Addio ad una persona veramente speciale, innamorato del suo lavoro, magari con lo stampo d’altri tempi (potrei dire bei tempi)quando la parola contava più di tante carte. Un vero signore, mancherà all’ANCE Bergamo ma anche all’intera comunità bergamasca.

  4. Scritto da Valter Grossi

    Lo ricordo come una persona schietta, laboriosa e per bene, come un interlocutore ruvuido e tenace, ma al tempo stesso positivo e trasparente.
    Ha speso in tanti anni molte energie al servizio della categoria e del sitema economico bergamasco, credo che i colleghi e l’intera comunità gli debbano molto.