BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

La Lamborghini della polizia in un videogame

Nell'ultimo capitolo della saga "Need for speed" si può guidare il bolide per inseguire i criminali in fuga.

Più informazioni su

Inseguimenti mozzafiato, tamponamenti al cardiopalma su spettacolari scenari, in una lotta senza esclusioni di colpi tra supercar, dalla Porsche alla Zonda, dalla mitica Alfa Romeo 8C alla Mercedes SLS. Questo è Need For Speed Hot Pursuit, il nuovo capitolo del videogioco d’auto più venduto di tutti i tempi con ben 100 milioni di copie. E per la prima volta, anche la Polizia Italiana diventa protagonista di un videogame: la Lamborghini Gallardo LP 560-4 Polizia, con tanto di livrea ufficiale bianca e blu delle forze dell’ordine Italiane, sarà infatti una delle auto con le quali dar filo da torcere ai criminali.
Need For Speed, con il nuovo capitolo Hot Pursuit, catapulta i giocatori nel mondo delle corse clandestine, con inseguimenti mozzafiato tra spericolati pirati della strada e poliziotti pronti a tutto. Incoronato come Best Racing Game all’E3 2010, Need For Speed vanta più di 60 vere supercar perfettamente riprodotte e in alcuni casi inedite o non ancora in commercio. Sviluppato per Electronic Arts da Criterion Games, gli autori dell’acclamata serie racing Burnout, Need For Speed Hot Pursuit è il 16° capitolo della serie di videogame di corse d’auto più acclamata di tutti i tempi.
Ma non è tutto: va aggiunta infatti una grafica incredibile e impeccabile, con una cura quasi maniacale per ogni singolo dettaglio, dalle auto alle ambientazioni. La possibilità di essere al volante di vetture esistenti e che tutti, almeno una volta nella propria vita, hanno sognato di guidare fa il resto. Dulcis in fundo, la Lamborghini Gallardo LP 560-4 Polizia della Polizia Italiana: la “Lambo-volante” donata dalla Casa di Sant’Agata Bolognese in occasione del 152° anniversario della fondazione della Polizia di Stato e allestita proprio con la livrea regolamentare della stradale, sarà l’unica auto ufficiale fra quelle delle forze dell’ordine presenti all’interno del videogioco.
Rispetto alle edizioni precedenti, il nuovo Need For Speed Hot Pursuit offre anche la possibilità di far carriera oltre che come pilota di corse clandestine, anche come poliziotto, per conquistare il titolo di “top cop”. Un’opzione fortemente voluta dai milioni di appassionati in tutto il mondo, che chiedevano a gran voce la possibilità di vestire la divisa per combattere, anche se virtualmente, il triste fenomeno dei pirati della strada.
Insomma, un frenetico guardie e ladri nel quale fino ad otto giocatori contemporaneamente metteranno alla prova la loro maestria al volante e la capacità di usare in maniera incisiva le proprie abilità, sfruttando in modo strategico e accorto l’ampio mondo di gioco liberamente esplorabile di Seacrest Country. I corridori clandestini avranno la possibilità di ingannare i poliziotti e nascondersi alla loro vista, ma anche quella di ricorrere a un possente turbo capace di distanziare chiunque. I poliziotti invece potranno ostacolare i criminali facendo apparire di fronte al malcapitato posti di blocco o spuntoni per squarciare gli pneumatici. Se l’inseguimento si protrarrà a lungo si potrà addirittura ricorrere all’intervento di un elicottero, che braccherà senza tregua il fuggitivo.
Need For Speed Hot Pursuit vanta un multiplayer integrato perfettamente nel gameplay: l’Autolog è infatti un innovativo sistema che permette di rimanere sempre in contatto con gli appassionati in tutto il mondo. Insomma, una sorta di social network integrato nel gioco, che permette di essere sempre aggiornati sui progressi dei propri amici e avversari, organizzare nuove sfide e scambiarsi immagini e foto. E il migliore verrà incoronato con il titolo di “Most Wanted” o “Top Cop”, naturalmente in base alla carriera che si intende intraprendere. Disponibile per Pc, Play Station 3, Wii e Xbox 360, Need For Speed Hot Pursuit arriverà in Italia il prossimo 19 novembre 2010.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.