BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zogno, la variante eppur si muove “I soldi ci sono, si parte”

L'assessore capetti rassicura il Consiglio provinciale. "La Regione deve ancora darci delle conferme, ma i soldi ci sono".

Più informazioni su

Il consiglio provinciale dà la sveglia al Pirellone, pretende risposte chiare e soprattutto la conferma de i finanziamenti promessi per la realizzazione della variante di Zogno. I consiglieri hanno approvato all’unanimità un ordine del giorno, primi firmatari Matteo Oriani del Pdl, Filippo Simonetti e Matteo Rossi del Pd, che invita il presidente e gli assessori a sollecitare la Regione a confermare i soldi stanziati nel 2008 e nel 2009. Soldi che in estate sembravano essere svaniti nel turbinio della manovra Tremonti che ha scosso gli enti locali.
Per chi non ne avesse sentito parlare dopo trent’anni di tira e molla, la variante dovrebbe (il condizionale è sempre d’obbligo) essere lunga 4 chilometri e 700 metri e prevede un tracciato che si snoderà tra la località Inzogno (a Sud del centro abitato) e la Madonna del Lavello di Ambria. “Il consiglio provinciale invita ad attuare tutte le iniziative necessarie perché la Regione Lombardia confermi il finanziamento dell’opera – si legge nell’ordine del giorno – che costituisce una infrastruttura indispensabile per lo sviluppo della Valbrembana. Si invita inoltre a promuovere iniziative presso i consiglieri regionali e i parlamentari bergamaschi perché vengano confermati i fondi per le opere già pianificate, progettate e appaltate”. L’assessore provinciale Giuliano Capetti rassicura i consiglieri e i cittadini della Valbrembana. “Nessun atto amministrativo ad oggi revoca il finanziamento – spiega -, quindi noi abbiamo sottoscritto il contratto. L’impresa che ha vinto (con un ribasso d’asta del 35,5% pari 17,8 milioni di euro) sta individuando i luoghi dove posizionare la logistica. La discussione con la Regione è aperta. Siamo in attesa della deliberazione e sappiamo che il Pirellone ha a disposizione 43 milioni di euro. Siamo ottimisti, la speranza è che la Regione continui agire come fatto finora, cioè appoggiare i progetti già approvati. Quello della variante di Zogno è l’unico in tutta la Lombardia. Le risorse ci sono, certo, dovrà essere sacrificata qualche altra opera nel territorio regionale”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da N.Rinaldi

    MA QUALI SOLDI?? La delibera della Regione del 7/8/09 alla quale Capetti & co. fanno sempre riferimento dice chiaramente al comma 6 che 24 milioni sono subordinati alla presenza delle relative coperture del bilancio regionale. La variante non è mai stata interamente finanziata.
    Leggete su http://www.zognodemocratica.com tutta la storia della variante dagli anni 80. Su questo i politici dovrebbero riflettere-

  2. Scritto da Cavenati

    ma quale Matteo Oriani primo firmatario? che film avete visto?

  3. Scritto da ciccino

    La variante non serve…a niente!!!
    Bisogna solamente attraversare il Canto Alto tra Ambria di Zogno e Monterosso-Rondò Bonaldi,questa è l’unica soluzione plausibile per alleviare la Valle brembana dal traffico.
    Saluti

  4. Scritto da ......

    Si ci crediamo……….se la Regione paga i lavori come attualmente fa la Provincia la variante la vedremo forse nel 2100.

  5. Scritto da senza limiti

    sapete la cosa più curiosa di tutte? che un consigliere provinciale della lega è intervenuto incolpando la precedente amministrazione di aver promesso l’opera già nel 2007 e di non averla invece fatta.
    e mentre parlava il leghista, dovevate vedere le facce dei suoi alleati gandolfi e capetti, che erano l’amministrazione precedente!
    incredibile, il centrodestra che lancia accusa al centrodestra, siamo al ridicolo.