BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ripulita scritta contro gli “zingari ladri parassiti”

Il blog "Bergamo contro l'omofobia" segnala la cancellazione. "Nello stesso punto in cui qualcuno scrisse di gas contro i gay".

Più informazioni su

Pubblichiamo un post del blog "Bergamocontrolomofobia.wordpress.com"

Un paio di anni fa ci siamo recati insieme a Marcello Saponaro e Carla Turolla in Città alta a cancellare una scritta fatta con bombolette spray che recitava “Gas ai gay e trans”. Il caso è finito su un quotidiano locale scatenando migliaia di commenti, sia negativi che positivi (vai all’articolo di Bergamonews di maggio 2009)
Questo autunno, nello stesso identico punto e con molte probabilità nella stessa calligrafia è comparsa un’altra scritta poco elegante, che recita “Zingari e rom ladri & parassiti”. La codardia di individui che sanno esprimersi solo a forza di frasi denigratorie contro comunità già di per sé emarginate da chiunque è disarmante, quindi ci siamo presi l’impegno di ripulire nuovamente il muro, questa volta senza comunicati o lettere ai giornali per evitare che la questione venisse nuovamente strumentalizzata da lettori poco intelligenti, nella consapevolezza che tra minoranze è più utile aiutarsi che incentivare l’odio e il pregiudizio.
Il consiglio che diamo a queste persone è quello di evitare generalizzazioni così semplicistiche e cariche d’odio, esprimendo, se è proprio necessario, le loro idee antiquate e medievali con mezzi un po’ più colti e magari giustificando le proprie idee obsolete con ragioni storiche e antropologiche. Forse è troppo difficile trovarne per potersi poi crogiolare in un tale odio razzista nei confronti di un gruppo di etnie e di un popolo per anni bistrattati e con più similitudini che differenze con noi e la nostra storia.

Magari, la prossima volta, compratevi una bomboletta in più per riportare sul muro le splendide liriche del Romancero gitano di Garcia Lorca, un genio poetico che paragona gli andalusi ai gitani, indagandone i miti e i misteri ed esaltando la bellezza della cultura di questi ultimi anzichè denigrarli a priori facendo di tutta un’erba un fascio.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Pierluigi Fabbris

    Sicuramente le minoranze vanno difese, ma devo integrarsi. Non si può continuare coi campi. Devono sapere che anche per loro la legge va applicata nel bene e nel male e non solo nel bene. Devono lavorare e vivere del loro lavoro non di elemosina o altro

  2. Scritto da nero burning rom

    purtroppo questo è il risultato di quello che loro mostrano ai nostri occhi!!!

  3. Scritto da marilena

    grazie per quello che fate, non sapevo del vostro blog, ora cercherò di seguirlo. Sono con voi e dico”viva le minoranze”!

  4. Scritto da Ago66

    La questione degli zingari è sicuramente stata strumentalizzata da sempre, tacciando in modo semplicistico di “razzismo” coloro i quali (credo il 90% della popolazione) non possono tollerare il loro stile di vita che comporta necessariamente la creazione di campi in cui il degrado e l’illegalità, per non parlare dello sfruttamento minorile, sono inevitabilmente quasi sempre la norma. Non si tratta di Rom o altre etnie ,si tratta del nomadismo che va a mio avviso respinto senza compromessi.

  5. Scritto da W le minoranze

    Perchè, gli zingari non sono ladri e parassiti?
    E che sono, lavoratori al servizio della comunità? Ma fatemi il piacere.
    Marilena, spero di svaligino la casa come è successo a me, queste povere minoranze.