BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Niente gite anche al Betty Ambiveri

L'assemblea dei docenti ha votato una mozione di protesta nei confronti delle politiche scolastiche: i prof non accompagneranno gli studenti in gita.

Più informazioni su

L’assemblea dei docenti  dell’Istituto Betty Ambiveri di Presezzo ha votato una mozione relativa alla forma di protesta nei confronti delle politiche scolastiche
Eccola
Le Rsu, in seguito ad una consultazione informale con i docenti dell’Istituto, viste altresì le proposte di mozione presentate da molti Istituti scolastici bergamaschi e nazionali, denunciano il disagio e il malessere che serpeggiano nella scuola ormai da diversi anni, soprattutto a causa dei seguenti problemi irrisolti:
– continui tagli di risorse e di personale;
– blocco dei contratti;
– trattenute per malattia;
– frequenti attacchi mediatici alla categoria;
aumento del numero di alunni per classe, che causa non solo la diminuzione delle cattedre, a svantaggio sia dei precari sia dei docenti con contratto a tempo indeterminato, ma compromette anche sensibilmente la qualità dell’insegnamento, con danni evidenti all’intero sistema Paese;
annullamento dell’indennità di missione per qualsiasi iniziativa culturale all’estero ( D.L. n° 78, art. 6 comma 12 del 31/05/2010).
Le Rsu, sulla base dei punti sopra elencati e della raccolta-firme,decidono di esprimere il dissenso nei confronti delle politiche adottate nel corso degli ultimi anni invitando i docenti a non aderire alle Visite d’Istruzione in Italia e all’estero.
La scelta di non accompagnare gli studenti nei Viaggi d’Istruzione non dovrà essere interpretata come una forma di protesta che penalizza gli studenti, bensì come una strategia volta a richiamare l’attenzione delle famiglie e dei cittadini in tema di diritti all’istruzione, sviluppo del Paese, tutela del lavoro.
Si decide, infine, di proporre la pubblicazione di questo documento sul sito dell’Istituto, nonché di comunicare la mozione anche agli organi di stampa, per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla attuale situazione di degrado della scuola statale, nella convinzione che la necessità di ridurre gli sprechi non possa e non debba essere confusa con l’incondizionato ridimensionamento delle risorse umane e finanziarie dell’istruzione pubblica.
Le R.S.U. d’Istituto

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Michele

    Non ci si deve lamentare dei tagli se poi i fondi vengono sprecati per certi esperti… di acqua calda. Oppure per appaltare i lavori di pulizia quando abbiamo i bidelli.

  2. Scritto da spillo

    Ho molto apprezzato tutto il contenuto della mozione, ma soprattutto la sottolineatura dell’aumento del numero di alunni per classe che danneggia fortemente la qualità dell’insegnamento e finisce per ripercuotersi sugli alunni più deboli. Molti di noi hanno scelto questo lavoro per passione verso i giovani. E’ come chiedere a un medico di curare molti più malati, e gli si tagliano i fondi e le medicine. Il tutto in un’Italia che ha un’evasione e un’economia sommersa pari a 10 finanziarie!

  3. Scritto da prof.acerbis

    1 e 2… ma quanti anni avete? Pensate come mio nonno… ah ah ah

  4. Scritto da luciano015

    Sono un altro che la pensa come il nonno del prof.acerbis

  5. Scritto da luciano015

    E che pensa di non sbagliare.

    D’altra parte avere come unica argomentazione che una cosa è sbagliata solo perchè pensata dal nonno del prof.acerbis, è concettualmente un errore.

  6. Scritto da Nonno serio

    Tuo nonno era una persona seria .. peccato che in famiglia sei nato tu ah ah ah

  7. Scritto da ???

    Prof.acerbis
    Ma chi è lei, un laureato del 68? Stile Di Pietro? Poveri ragazzi, con docenti che vogliono andare a spasso invece che insegnare.
    Suo nonno si che era una persona seria.

  8. Scritto da Studiate

    Bene, studiate sui libri invece che andare a spasso a far cagnara

  9. Scritto da giorgio

    e allora ????? meglio cosi