BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Oggi contava solamente vincere” fotogallery

Il capitano parla della partia vinta contro l'Ascoli: "Nella ripresa abbiamo per?? riaperto una partita che avevamo saldamente in mano".

Più informazioni su

“Oggi contava solo vincere e lo abbiamo fatto. Certo potevamo fare meglio ma prendersi i tre punti era fondamentale”. Così Cristiano Doni al termine della partita vinta – grazie ad una sua doppietta – contro l’Ascoli per 2-1. “Dobbiamo migliorarci, questo è vero – prosegue – soprattutto negli ultimi 30 metri, dobbiamo essere più bravi a leggere la giocata. In questa partita forse è entrata anche un po’ di stanchezza a causa delle tre partite giocate in 7 giorni ma ripeto, contava vincere”. L’analisi del capitano prosegue anche per quanto riguarda la ripresa, che come al solito si è rivelata meno brillante. “Abbiamo riaperto una partita che non dovevamo riaprire – precisa – e chiedo scusa perché l’azione del gol degli avversari è nato da un errore mio, mi sono fatto rubare palla come un ragazzino dei dilettanti. Nessun dubbio, la responsabilità è mia”. Un Cristiano Doni che dopo una stagione in cui molti lo consideravano un ex-giocatore si sta togliendo belle soddisfazione e soprattutto sta scoprendo che la squadra ricomincia ad essere dipendente dalle sue magie. “Non voglio tornare sulla passata stagione, è andata come è andata, ed è naturale che quest’estate non mi sentissi così forte. Ma grazie all’affetto dei tifosi, con loro sarò sempre in debito, ho deciso di continuare e di mettermi a disposizione della squadra e dello spogliatoio”. Gioca Doni, altri rimangono fuori per garantire i necessari equilibri tattici. “Mi dispiace per i più giovani che scalpitano sentendo la pressione e sono in un momento di difficoltà. Se giocano e fanno bene, io sono solo contento per loro, non riesco a provare invidia – le parole di Doni – In questo momento sto giocando, è un mese che mi alleno senza problemi, ed i risultati penso si stiano vedendo ma non dimentico gli altri ragazzi; dobbiamo stare vicino a loro, soprattutto il pubblico che, ad esempio, oggi ho sentito fischiare sul 2-0 per un nostro prolungato possesso palla”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da il giudice

    Parole sante, il bel gioco con sonora sconfitta lasciamolo al portodanzese.