BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Comune batte la Rea e incassa un milione

Dopo sette anni l'ente locale vince la causa sui diritti economici che la societ?? avrebbe dovuto versare per i rifiuti smaltiti. Soddisfatta la Bruschi. Il sindaco Terzi: questione meramente contabile.

Più informazioni su

p { margin-bottom: 0.21cm; }

E’ il Comune di Dalmine a uscire vincente dalla causa civile contro la Rea (società che gestisce l’inceneritore) intrapresa nel 2003 dall’allora Amministrazione di centrosinistra guidata dal sindaco Francesca Bruschi. La Rea dovrà versare nelle casse dell’ente locale almeno un milione di euro, dato che il giudice Mirko Conte, del tribunale di Bergamo, ha riconosciuto che la società, almeno fino al 2007, non aveva adeguatamente pagato al Comune le cosìddette royalties, ovvero i diritti economici sui rifiuti smaltiti. La sentenza è di un paio di giorni fa ed è ancora al vaglio dei funzionari e del sindaco Claudia Terzi (Lega Nord). “Il giudice ha emesso una sentenza che parla di un milione di euro da versare al Comune. Dobbiamo ben capire la quantificazione precisa e soprattutto a quale periodo di attività della Rea si riferisce quella cifra. Il milione di euro è certo”.
La causa intrapresa dall’allora Amministrazione Bruschi faceva riferimento alla convenzione del 1998 tra la Rea e il Comune, periodo di attivazione dell’inceneritore. In un passaggio un po’ ambiguo la convenzione diceva che la Rea avrebbe dovuto versare al Comune 16 lire per ogni chilo di rifiuti smaltito. Ma la stessa convenzione parlava anche di versamenti pari all’8% di quanto previsto dalla tariffa provinciale per ogni chilo di rifiuti. Numeri che furono causa di confronto, piuttosto acceso, tra Comune e Rea. Se l’ente locale pretendeva infatti la quota fissa di 16 lire la Rea versava al ribasso in base al variare della tariffa provinciale. Ha avuto la meglio il Comune.
“E’ stata riconosciuta la richiesta sulle royalties, ma non altro – aggiunge il sindaco Terzi -. L’Amministrazione di centrosinistra chiedeva versamenti anche per il periodo di prova dell’inceneritore e anche un altro tipo di risarcimento danni. Ma tali istanze non sono state accolte”. Chi invece esprime soddisfazione è l’ex sindaco di Dalmine Francesca Bruschi: “Stiamo parlando di un milione di euro che entrano nelle casse del Comune. Abbiamo cioè recuperato quanto dovuto al Comune e a tutti i cittadini. E ricordo bene che in passato ci veniva detto che stavamo buttando via i soldi per la causa. Non è stato così”. “Era una questione meramente contabile – conclude Claudia Terzi -. Son contenta dell’entrata che ci sarà nel bilancio magrissimo che abbiamo ereditato”.
Il Comune renderà noti i contenuti e i dettagli della sentenza in un comunicato stampa.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da aureliobelingheri

    Sig. Peter Anderson sono pienamente d ‘accordo sul fatto di non creare tanta polemica su questo episodio e cercare di usare con la dovuta correttezza i soldi arrivati da questa causa intrapresa contro la REA da parte dell’AMMINISTRAZIONE precedente ma vorrei ricordarle che l’ attuale AMMINISTRAZIONE in quanto a critiche non abbia scherzato adesso purtroppo e dura ammettere che la GIUNTA BRUSCHI aveva ragione, le risposte del SINDACO E L’ASSESSORE?Difficoltà con la REA o non capacità.Aurelio

  2. Scritto da Peter Anderson

    Non capisco il livore e gli atteggiamenti da stadio. E non capisco i processi alle intenzioni ed i ‘se’ ed i ‘ma’. Ogni amministrazione ha un dovere civico nei confronti della cittadinanza ed ha bisogno di persone adulte che la seguano e controllino il suo operato. Non queste polemiche da tifosi di calcio che creano semplicemente acrimonia e cattivo sangue. Di persone serie, dedicate e professionali ci sono da entrambe le parti. Che amministrino bene: appoggiamoli ed aiutiamoli.

  3. Scritto da marcello saponaro

    Brava Franca! Avevamo un gran Sindaco! :-)

  4. Scritto da ceccoprop

    … magra vittoria per compensare gli inciuci commessi dall’amministrazione di centro sx nella questione parcheggio !!!

  5. Scritto da angelo

    Manca poco che la lega vada a chiedere scusa alla Rea. Servili.

  6. Scritto da ugo

    Qualcuno mi sa spiegare perchè la Lega volle, fortissimamente volle, l’ inceneritore a Dalmine ?
    Tafazzismo, altruismo, scemunismo o altro ?

  7. Scritto da Ringo

    @ 6 – ma il suo che razza di commento è ?

  8. Scritto da grazfari

    complimenti alla Signora Bruschi che ha sempre creduto e si e’ impegnata per questa causa!!!!!

  9. Scritto da Locatelli S.

    Deludente il commento della Sindachessa Terzi…non sa più che pesci pigliare…tranne in Segreteria Provinciale Lega però

  10. Scritto da el zorro

    6. cecco rop, firmati se hai il coraggio, di che cavolo di inciuci stai parlando? Facile gettare il sasso e tirare via la mano. basta con la caccia alle streghe che la Lega governi se è capace. Con questi soldi speriamo la finiscano di pianfgersi addosso e trovino ptrtesti per non dare soldi alle associazioni
    Un milione ( in realta 1.300.000,00 euro) alla terzi risanano il bilancio che non sa tenere in piedi. sono contento per il comune di Dalmine che merita di più di una giunta incapace

  11. Scritto da diego frazzini -partito democratico

    Non stupisce che mastichi amaro chi considerava un errore e uno spreco di soldi ( molti meno del milione e 280 mila , senza contare la maggiorazione ad ogni rifiuto d’ora in poi) la causa avendo sottoscritto una convenzione che riteneva perfetta e che invece si rivela lacunosa e lesiva degli interessi del comune (qui sì che c’era un danno erariale; i danni alla salute dei cittadini sono un’altro capitolo).Bene per la comunità grazie a questo aiuto insperato da parte dela vecchia giunta

  12. Scritto da Peter Anderson

    Sono residente a Dalmine. Spero che questi soldi vengano usati per la comunità. Suggerirei di costruire la strada che collegherà Via Segantini alla super strada all’ingresso di Albegno – a mo’ di circonvallazione – per deviare il traffico di passaggio nella cittadina di Dalmine. E di asfaltare le strade con le buche.
    Per quanto riguarda la REA, fa un servizio pubblico e serve a smaltire anche i nostri rifiuti. Non si può sempre avere l’atteggiamento nimby (not in my backyard)!

  13. Scritto da Beppe

    GRAZIE BRUSCHI!!!!!!

    GRAZIE GRAZIE GRAZIE GRAZIE

  14. Scritto da Beppe

    Ma il Sindaco attuale, oltre a frignare per inesistenti BUCHI di bilancio……..che cavolo sta facendo???

    Progetti?? C’è qualcosa in cantiere, a parte feste, festicciole e mercatini vari?

  15. Scritto da marilena

    ma la sindaca terzi ha già cercato di sminuire il tutto parlando del magrissimo bilancio ereditato!

  16. Scritto da zapata

    Il sindaco Claudia Terzi sorride a denti stretti, quasi dispiaciuta perchè arrivano un milione di euro per merito della precedente amministrazione. Ogni ulteriore commento è superfluo.

  17. Scritto da marianese

    sette anni fa la lega di dalmine diceva che era sbagliato fare questa causa, e che era uno spreco di soldi.
    vediamo se adesso la lega di dalmine ha la faccia di tolla di dichiararsi contenta, oppure se sarà sincera e ammetterà di aver preso una buca clamorosa, sette anni fa

  18. Scritto da sabbioantica

    Che lo dichiari o meno, di sicuro saranno contenti i leghisti di questo inaspettato tesoretto.. noi cittadini vigileremo sul buon uso di questi soldi visto che ci costano a tutti noi un bel po di inquinamento. E ora voglio sentirli a darla dietro ai “comunisti” dopo questo regalone che gli hanno fatto…