BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Laboratorio aperto all’istituto Mario Negri

Incontri per studenti mercoledì a Ranica al Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare e venerdì 15 nella nuova sede di Bergamo al Kilometro Rosso

Nell’ambito di BergamoScienza, l’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri organizza due mattine di “laboratorio aperto” dedicate alle scuole: mercoledì 13 ottobre a Ranica al Centro di Ricerche Cliniche per le Malattie Rare Aldo e Cele Daccò e venerdì 15 ottobre, per la prima volta nella nuova sede di Bergamo dell’Istituto, attiva da luglio, al Parco Scientifico Tecnologico Kilometro Rosso, dove l’Istituto si è trasferito, potenziando le proprie attività di ricerca.
I laboratori della nuova sede, intestata ad Anna Maria Astori – la benefattrice che con una importante donazione ha reso possibile l’avvio dei lavori di costruzione – sono dotati di strutture e apparecchiature all’avanguardia necessarie per operare in un contesto di ricerca scientifica internazionale.
Le visite ai laboratori saranno guidate dai ricercatori e gli studenti potranno provare a condurre piccoli esperimenti. Il percorso si svolgerà a tappe. Nei laboratori verrà mostrato come si ottengono e si crescono tipi diversi di cellule che saranno poi osservate al microscopio per esaminarne le caratteristiche. Si focalizzerà l’attenzione sulle cellule staminali e sul loro impiego in campo sperimentale e clinico. Sarà possibile isolare il DNA da campioni biologici e analizzare le eventuali alterazioni responsabili di malattie.
A Ranica, inoltre, si visiterà il Centro di Coordinamento per le malattie rare e si potranno osservare le immagini di ricostruzioni tridimensionali di organi e tessuti.
La formazione dei giovani è una delle missioni dell’Istituto, che da anni contribuisce alla diffusione della cultura scientifica in campo biomedico. Aprire le porte dei laboratori è un’occasione importante anche per i ricercatori che racconteranno la scienza in prima persona, come esperienza vissuta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.