BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Coprifuoco? La morte di una via” video

Massimo Cortesi, presidente dell'Arci che ha sede in via Quarenghi, legge l'annunciato coprifuoco come una non soluzione per una realtà che forse non è così pericolosa come si vuol far credere.

Più informazioni su

Massimo Cortesi, presidente dell’Arci Bergamo che ha sede in via Quarenghi, legge l’annunciato coprifuoco come una non soluzione per una realtà che forse non è così pericolosa come si vuol far credere

Sospensione della vendita di alcolici, coprifuoco dalle ore 20,00, appartamenti da non dare a possibili nuovi residenti e dunque meglio renderli pubblici uffici che alle 17,00 divengono luoghi silenti. Pare siano questi gli interventi prossimi della Giunta del comune di Bergamo, almeno così scrivono i giornali. Ma è davvero così pericolosa via Quarenghi? La gente ci chiama interessata ad una nostra proposta culturale ma quando diciamo che si svolge in via Quarenghi ne rifugge e i nostri intenti di rassicurarla sono inutili, anche se in via Quarenghi non ci sono mai stati.
Ma è davvero così pericolosa la via? I cattivi comportamenti, che vanno sanzionati, sono di tutti gli esercenti? Ma quali sono i fatti di violenza? C’è uno straccio di relazione che ne documenti i fatti e li confronti con il resto della città? C’è disagio nella via, ci sono situazioni che vanno sanate, c’è bisogno di una politica di coesione sociale, questo è indubbio. Ma la soluzione qual è? Quella di uccidere una via e blindandola (come? in che modo? ) dalle ore 20,00 rendendola un deserto oppure di occuparla rendendola viva?
Non parlo certo di fare la movida, io non vedo questa opzione come una azione di coesione sociale e di partecipazione, ma parlo di altre possibili azioni di coesione che già sono state presentate da tempo e da molte realtà. Non parlo di creare caos, già molte alcuni dei residenti non mi amano per le mie diverse posizioni, ma penso a tante piccole azioni di cittadinanza e di coprogettazione e cooperazione nel cercare di creare un piccolo sistema economico più attento al benessere delle persone (negozi di vicinato).
Inoltre io penso che le azioni che curano il dolore ma non curano la malattia servono a poco. Ad esempio siamo così sicuri che il problema dell’ubriachezza sia causata solo dalla somministrazione dei bar? Si sa ormai da tempo che ci ha questo problema acquista più facilmente alcolici presso supermercati per via del prezzo di costo. Eliminare la somministrazione di alcolici vuol dire anche limitarla ai ristoranti? Ma i bar delle vie limitrofe devono vietare la somministrazione di bevande alcoliche a chi poi frequenta la via Quarenghi? E i negozi? Gli USA ci avevano provato a eliminare la piaga dell’alcolismo col proibizionismo ma sappiamo bene come è andata, qui invece abbiamo un proibizionismo "a zone" con sicuri ricorsi dei commercianti per un comportamento diseguale.
Poi cosa vuol dire coprifuoco? Parola davvero strana. Foriera di brutti ricordi. L’assessore alla sicurezza c’è stato qualche mese nella via e poi si è trasferito in altri lidi, cosa ci racconta della sua permanenza nella via?
Di sicuro verrò di nuovo attaccato, uno dei residenti mi dirà che parlo così perchè vivo in un paesello, non fa nulla se poi magari nella mia zona sono avvenuti più fatti di sangue che in via Quarenghi, oppure che la presenza di immigrati è altissima (mentre prima i miei concittadini erano loro migranti), oppure che la droga è un problema anche del mio verde paesello come e ancor di più lo è traffico.
Vedremo il futuro cosa ci riserverà
Massimo Cortesi

Più informazioni su

Video correlati

1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da orestolo

    Ma chi è quel tipo che ha avuto questa bella idea ?

  2. Scritto da Davidao

    Io ho la netta sensazione che sta cosa si trasformerà in un boomerang. Tenere le vie col coprifuoco da’ una sensazione di maggiore insicurezza che non una vita un po’ movimentata. Io da via quarenghi ci passo 4 volte al giorno in bici e francamente non mi sono mai sentito in pericolo, anzi. Certo c’è disordine, ma questo è un altro paio di maniche.

  3. Scritto da Cortesi

    x7: ne io ne 5 pensavamo alla movida. La movida di per se non mi intusiasma, anzi. Io sono solo perchè la via sia viva fino a orari normali con attività normali e non di frastuono. Io propongo quello che propone Salvini (Lega Nord ) A Milano come potete leggere su Bergamonews, , anzi io sono ancora più restrittivo sugli orari.

  4. Scritto da pietro

    abito in via Quarenghi, la peggiore via di Bergamo, osservo che i commenti fatti da chi non ci vive sono solo chiacchere utopistiche, per sentito dire : se queste persone venissero a vivere anche per un solo mese nella via, cambierebbero subito parere.

  5. Scritto da bevilo misto

    x 14 parla di “normalità” cosa sarebbe e quale sarebbe ? decide lei gli orari ? lavorare e andare a casa a dormire ? se lei non vuole andare in giro, se ne stia a casa lei, non obblighi gli altri che non sono tutti delinquenti quelli che vede in giro

  6. Scritto da Andrea

    uhm… bhe che via quarenghi sia un bronx si sa…ma invece di prendervela solo con gli immigrati clandestini o meno che siano…prendetevela magari con gli italiani che affittano a chiunque pur di prendere soldi indipendentemente da chi siano… oltre al fatto che vorrei sapere quanti di quei contratti d’affitto son depositati…

  7. Scritto da pandemonio

    Per@1.Guardi che l’unico governo che ha mandato i caccia a bombardare la ex juguslavia fu il governo presieduto da DALEMA guarda caso comunista!

  8. Scritto da Oscurate le Finestre!

    Ol Coprifuoco a Bérghém po… ma nsé mia nGuéra?! I Borbardamenti non volevano farli in Afghanistan,quelli del PDL?

  9. Scritto da gigi

    ma il filo spinato elettrificato e i cani quando arrivano ?

  10. Scritto da gigi

    questo è terrorismo fatto dai politici per deviare i pensieri dalle loro p….

  11. Scritto da Mauri

    Il coprifuoco non farebbe altro che agevolare i malaffari dei criminali rendendo la vita impossibile ai cittadini che con i crimini non centrano nulla.

  12. Scritto da carmelo

    Intervento equilibrato che condivido. Le vie di Bergamo vanno tenute vive con tante piccole attività e iniziative, gli immmigrati sono buoni o delinquenti come gli italiani Basta con questi ridicoli terroristi dell’ordine pubblico che vogliono solo far dormire la città

  13. Scritto da anto

    propongo visita psichiatrica alle “menti” che studiano questi provvedimenti

  14. Scritto da bevilo misto

    x5 …………devono essere tenute vive ??? una movida in ogni via, mercatini 24 ore al gg x 365 gg ma dove vivete …………….?????

  15. Scritto da dario

    cioè io devo restare prigioniero in casa mia perchè degli incompetenti non sanno fare il loro lavori ? i politici nel fare le leggi e le forze dell’ordine perchè imboscate ? ma siamo matti !!!

  16. Scritto da carlo

    allora coprifuoco anche allo stadio, partite a porte chiuse

  17. Scritto da T-T-T

    X @5 si ricordi che i regolari arrivano come migranti non come CLANDESTINI.
    COME i meridionali al nord cioè regolari