BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Coprifuoco in via Quarenghi E’ gi?? scontro a Palafrizzoni

L'ex sindaco Bruni, Pd e Verdi fanno le pulci alle intenzioni della Giunta sulla via: coprifuoco dalle 20 e stop alcolici dalle 16. Ma gli assessori Invernizzi e Foppa Pedretti ribadiscono: misure che servono.

Più informazioni su

La Giunta conferma in toto le indiscrezioni delle ultime ore secondo le quali per via Quarenghi ci sarebbero in serbo misure non indifferenti: stop alla somministrazione di alcolici dalle 16 , già testata in passato, coprifuoco dalle 20 e virata  nei progetti relativi al civico 33 di proprietà comunale (da appartamenti a canone moderato a uffici pubblici. Vai all’articolo specifico sul tema).
Cristian Invernizzi, alla Sicurezza, e Enrica Foppa Pedretti, alle Attività Produttive, confermano in pieno. "Sono quelle le nostre intenzioni". Ma le minoranze di centrosinistra sono già pronte a dar battaglia e a mettere in evidenza quelle che secondo loro sono "contraddizioni".
Di più, per l’ex sindaco Roberto Bruni questa è "una dichiarazione di resa, nonostante l’apparente esibizione muscolare: significa lanciare il messaggio che via Quarenghi non è recuperabile". Questa volta, spiega Bruni, parlo col cuore: "E’ come se mettessero un cartello all’inizio della via con scritto: non entrate, questo è il Bronx. Alla faccia delle iniziative di recupero e integrazione che sono state programmate negli anni scorsi".
"Si parla di rilancio della via e intanto si impone un coprifuoco – dice Elena Carnevali, capogruppo del Pd -. Ma rilancio vuol dire desertificare una via o farla vivere? Davvero non capisco, mi sembra una politica molto contraddittoria. Non vedo nessun rilancio e nessuna attenzione alle attività commerciali. La Giunta attuale sa bene, inoltre, che il problema non sono le misure repressive da imporre o meno. Il problema sono i controlli sul rispetto di quelle misure e sulle difficoltà a mantenerli.  E’ stato così in passato, quando anche noi andammo incontro a limitazioni nella somministrazione di alcolici e sarà così anche in futuro".
"Chiaro che via Quarenghi per la Lega è un simbolo e come tale va trattato – ribadisce Pietro Vertova, dei Verdi -. C’è una strategia populista di questa Giunta che si sposa benissimo con certe misure. Ma naturalmente il coprifuoco e la limitazione degli alcolici non produrranno nessun effetto reale. Semmai, con una via chiusa e spenta, il problema si aggraverà. La mia contrarietà sta nelle cose".
"Le misure sono quelle e la Giunta è compatta – replica Invernizzi -. Via Quarenghi non è un problema della Lega, via Quarenghi è un problema e basta e lo confermano i residenti con il loro comitato. Noi vogliamo affrontarlo e faremo così anche per altri quartieri in difficoltà, ad esempio la Malpensata. Se si vuole dare più respiro alla via serve una sterzata netta". "E senza certi provvedimenti, prima di pensare ad un vero e proprio rilancio, non si va da nessuna parte – secondo Enrica Foppa Pedretti -. Seguiranno poi altre misure, che stiamo già studiando, ma per ora le decisioni prese, che sono al vaglio della prefettura, poggiano su solide basi e motivazioni".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da quarenghina

    Una bella soluzione ai probblemi di via Quarenghi.
    Io abito in via quarenghi e l’ho vissuta, purtroppo, tutta. Invito tutti i residenti di Bergamo e provincia a passare una volta al mese per controllare che i loro figli e i loro nipoti o vicini di casa o figli dei loro amici non vengano a rifornirsi nella via.Ricordatevi che i ragazzini qui vengono in bicicletta o in 50ino. Questi mezzi di trasporto sono indicativi della loro età. Questo controllo almeno passerebbe il messaggio di ciò che male

  2. Scritto da Litz

    ALTRO CHE INTEGRAZIONE, QUELLO DI FARE CHIUDERE I LOCALI E’ UN RICATTO INGIUSTO, ILLEGALE E IRRAZIONALE CHE DIMOSTRA L’INCAPACITA’ DI QUESTA AMMINISTRAZIONE

  3. Scritto da romeo

    Appena vi è un tentativo di migliorare una situazione tragica immediatamente si scatenano polemiche. Il sindaco Bruni, a suo tempo, in via Quarenghi non ha preso voti perchè ha sempre sostenuto che quello che si poteva fare era stato già fatto. Non ci sono più commercianti bergamaschi in via Quarenghi e nessuno ha intenzione di investire un soldo. L’amico Cortesi che pontifica ha chiuso dopo un anno un bar perchèm dei suoi concittadini bergamaschi non lo frequantava nessuno. Chiedeteglielo!!!

  4. Scritto da romeo

    la differenza con via Scotti è che in via Quarenghi troviamo pozze di vomito e urina, sangue delle risse che ogni settimana si verificano, forze di polizia chiamate dagli abitanti. La chiamate vivacità questa? Chiedete agli abitanti di via Scotti se hanno voglia di fare un cambio con quelli di via Quarenghi.
    Il movimento è quello dello spaccio e degli ubriachi. Ma le tasse alla città le pagano anche quelli che vivono in via Quarenghi.

  5. Scritto da me

    BENISSIMO, FINALMENTE qualcosa si muove

  6. Scritto da ureidacan

    Il sovraffollamento di via Quarenghi è che 10-15 anni fa i proprietari di immobili fatiscenti li hanno dati in affitto e in nero anche a 1500 Euro al mese a famiglie di immigrati. L’amministrazione Bruni ha risistemato la via, ha potenziato l’illuminazione, ha predisposto un posto di polizia e ha pensato di ristrutturare 50 alloggi da dare in locazione a “italiani” per favorire l’integrazione. E Tentorio cosa ha fatto e cosa farà?

  7. Scritto da paolo

    finalmente si fa qualcosa!

  8. Scritto da Litz

    ANCHE TAGLIARSI LE P…E SIGNIFICA FARE QUALCOSA …
    Chiudere i locali non in regola è giusto mentre è ingiusto e illegale fare chiudere bar e ristoranti in regola.

  9. Scritto da oraziococlite

    per i vari sostenitori di Bruni e C.Se la cosa è ancora li’ vuol dire che Bruni e C. non sono stati capaci di fare niente .Non basta un marciapiede .Però è bello sparare sempre sugli altri per nascondere la propria incapacità.Vedi quello che scrivono i vari cortinovis,ureidacan ,beppe ,lele .Se eravate tanto bravi com’è che siete stati trombati?I bergamaschi non si tagliano gli attributi per farvi contenti.
    A cuccia e statevene zitti .lascite lavorare gli altri ora.Poi tireremo le somme.

  10. Scritto da EF

    e poi alla domenica tutti in piazza a sfilare sotto il terrazzo del podestà…ops volevo dire sindaco! :-D

  11. Scritto da mario rossi

    Come mai la Sig.ra Carnevali, che conosce così bene la vita serale/notturna di via Quarenghi, non si è mai vista in giro per la strada nei we? Forse perchè la vita sociale della via è caratterizzata solo da un continuo viavai di spacciatori che hanno proprio la loro postazione presso quegli esercizi commerciali che dovrebbero ravvivare il quartiere. Perchè non fate descrivere all’ex assessore alla sicurezza che abita in via Quarenghi , la vita frizzante che scorre sotto le sue finestre?

  12. Scritto da Paola

    Io sono a favore a estendere il divieto di alcolici ovunque, così eliminiamo il problema degli ubriachi anche dalle altre parti.
    Sono contraria alla chiusura dei negozi, perché a quel punto poi si fa il mortorio e sì che bisogna aver paura ad andare in giro.

  13. Scritto da Uno che abita in zona

    D’accordo con l’amministrazione. Farei anche dei controlli, appartamento per appartamento, sulla regolarità dei contratti di affitto. E più polizia/vigili/carabinieri per strada. La peugeot 206 dei vigili parcheggiata a metà via non è sufficiente.

  14. Scritto da Litz

    PROVVEDIMENTO FOLLE che porterà il Comune a dovere risarcire i bar e i ristoranti che saranno costretti a chiudere.
    Altro che integrazione questo è puro boicottaggio !!!!

  15. Scritto da luciano015

    Si potrebbero rendere obbligatori anche gli esercizi spirituali.

  16. Scritto da Maria Grazia Bonicelli

    e di nuovo faccio presente, come consigliere di minoranza (PD) della prima circoscrizione che nonostante avessimo istituito un tavolo di cui esiste ancora un documento in cui si chiedeva che i problemi della via venissero affrontati in modo “sistemico” alla fine non siamo stati neppure consultati sulle decisioni che ci trovano enormemente distanti dallo spirito con cui avevamo aderito all’idea di trovare soluzion: solo sicurezza e cambio di destinazione del civico 33.
    sono indignata

  17. Scritto da Maria Grazia Bonicelli

    e trovo francamente sconcertanti le dichiarazioni di chi sostiene che “se uno non abita in quella via” non ha il diritto di esprimere, da amministratore pubblico, le sue opinioni sulla via stessa: queste immagini di chiusura e di ottusità sono le cause prime di tutti i guai che ci tiriamo addosso.a furia di segregarci dentro le nostre nicchie protette non ci accorgiamo neanche del mondo intorno a noi e siamo lontani mille miglia dalla soluzione dei problemi.

  18. Scritto da Marco Neri

    L’amministrazione cala le braghe e mette nel calderone gente perbene e criminali. Il messaggio che passa è: “Non siamo in grado di garantire l’ordine pubblico, quindi pagano tutti, belli e brutti”. Il risultato? Chiuderanno i negozi, meno gente in giro ma continueranno a circolare i pusher (in bici, a piedi, spacciando e spassandosela fuori dagli uffici dell’assessore Invernizzi). Per gli alcolici, pura operazione di facciata: saranno comunque reperibili ovunque. Ma le idee dove sono?

  19. Scritto da barba

    Avete fatto il ghetto? Questi sono i risultati!
    E non mi pare che il ghetto l’abbia creato questa amministrazione…

  20. Scritto da Red Cloud

    A chi devo chiedere i sacchetti di sabbia per il coprifuoco?

  21. Scritto da red colud

    Se fossi io un esercente farei un ricorso conto un atto gravemente incostituzionale. Perchè io bar di via Quarenghi devo chiudere alle 16,00 e quelli in via Palazzolo no? Roba da matti

  22. Scritto da berghem

    Io non ho capito una cosa. Il PD critica OGNI decisione del Sindaco argomentando anche in modo corretto…ma non ho ancora letto una proposta alternativa valida…Per via Quarenghi che cosa propongono nei fatti?

  23. Scritto da lele

    Non mi sembra una soluzione: con queste misure il problema verrà solo spostato in una qualsiasi delle vie vicine..

  24. Scritto da Coprifuoco?

    L’ultima volta che ho sentito parlare di coprifuoco in Italia, e’ stato anni fa da mia nonna: aveva 20 anni, c’erano i tedeschi a terra e gli angloamericani per aria. Sono termini che hanno un certo peso. Ma c’e’ chi nei conflitti ci sguazza e ci prospera, quindi non mi stupisco.

  25. Scritto da Marco

    Ma le minoranze cosa propogono IN CONCRETO ORA visto che cmq non avevano risolto il problema quando potevano farlo loro?

  26. Scritto da lele

    @marioRossi: credi veramente che la soluzione al problema della droga sia chiudere i negozi di via quarenghi?
    Credi veramente che chiudendo questi negozi i giovani bergamaschi smetteranno di drogarsi?
    Secondo me, prima di tutto bisogna lavorare sulla richiesta della droga..

  27. Scritto da mario rossi

    le proposte di chi vive da un’altra parte sono solo ipocrite e utopiche. I negozi fanno da schermo agli spacciatori e i clienti di quegli spacciatori sono figli di bergamaschi che fanno il pieno di droga tutti i giorni dopo le 19. Venite a vedere con i vostri occhi!! L’integrazione non esiste senza il rispetto, ma chi rispetta quella minoranza di italiani che è rimasta a vivere nella strada. Attenzione: parlo di chi abita e subisce non di quelli che affittano in nero ma che nessuno stana

  28. Scritto da Poppa Pedretti

    Siete sicuri che giri più droga in via quarenghi che -ad esempio- in Piazza della Repubblica fuori dal San Marco?

  29. Scritto da ureidacan

    Lavoro in via G.M. Scotti. La sera alle 23 è molto più buia, più isolata e più insicura della vicina via Quarenghi.
    Ma come? L’assessore alla casa D’Aloia proprio oggi aveva detto di voler adibire il civico 33 ad abitazioni da cedere in affitto a canone regolato ed invece la Giunta ( il resto della giunta) afferma il contrario.

  30. Scritto da dubbioso

    La proposta di rinunciare alle case a canone agevolato al 33 comporterà un danno di milioni di euro per il comune, e tutto per compiacere la lega nei suoi pruriti preelettorali, bravo Tentorio ti tai rivelendo per essere un coniglio.