BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Scontri e violenze durante Italia-Serbia, fermata la partita

Violenza durante la partita per le qualificazioni mondiali a Genova. Nella notte sono stati arrestati i teppisti responsabili degli scontri. Tra i fermati c'è anche il leader incappucciato

Più informazioni su

Caos e scontri, un leader ultra incappucciato che si arrampica sulle barriere dello stadio e conduce le violenze, tumulti per tutta la notte. Italia – Serbia è stata sospesa per due volte e quindi definitivamente bloccata a causa della furia dei tifosi serbi, delle sue frange nazionaliste. Le squadre sono state invitate a rientrare negli spogliatoi.
La partita aveva già avuto una premessa nel pomeriggio anche per gli abitanti di Genova. Scontri e lanci di bottiglie contro la polizia, scritte sui muri di palazzo Ducale. La tensione nel centro tra i tifosi serbi e le forze dell’ordine era salita con l’approssimarsi dell’incontro.
Poi in serata durante il match gli ultrà serbi hanno messo in atto una contestazione fatta anche di minacce e tentativi di aggressione contro la propria squadra, che ha perso malamente l’ultima partita contro l’Estonia.
Poi nella notte sono stati arrestati i teppisti responsabili degli scontri. Tra i fermati c’è anche il leader incappucciato che, salito sulle barriere divisorie dello stadio Marassi, aveva guidato il lancio di petardi e fumogeni che ha portato all’annullamento della partita. È stato identificato grazie a un tatuaggio: sul braccio è impressa infatti la data 1389, che ricorda la battaglia della Piana dei Merli (a destra una raffigurazione della battaglia) contro i Turchi, mito fondante dello spirito ultranazionalista serbo.

Gli ultras serbi sono considerati tra i più duri d’Europa: rappresentano le frange nazionaliste di destra più estreme, hanno fornito persino manovalanza alle bande paramilitari durante le guerre in Jugoslavia (1992-1995). Alcuni gruppi ultras erano in piazza anche pochi giorni fa a Belgrado e sono stati protagonisti degli scontri con la polizia contro il Gay Pride nella capitale.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.