BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Bonus bebè, il ricorso va fatto alla Cassazione”

Lettera aperta dell'avvocato Simona Abati sulla delibera del sindaco Umberto Bosc: punto di partenza il bonus bebè bocciato dal giudice del lavoro.

Più informazioni su

Spett.le Redazione,
ho letto tra le notizie del Vostro quotidiano la lettera – sfogo del Sindaco di Palazzago.
Come avvocato, continuo a stupirmi per il fatto che delibere di pubbliche amministrazioni in materia di speciali sussidi o incentivi vengano impugnate davanti al Giudice del Lavoro, senza che nessuno sollevi questioni di competenza, o per meglio dire di giurisdizione: che a me pare dovrebbe essere quella del Tribunale Amministrativo Regionale.
Molto probabilmente, in realtà, l’eccezione viene sollevata dai Colleghi che di volta in volta assistono l’amministrazione comunale (di solito, sono i Comuni i soggetti coinvolti in queste vicende), ma poi il Giudice decide dell’eccezione preliminare insieme al merito con una sentenza, di solito sfavorevole all’amministrazione, e rispetto a quest’ultima non resta che l’ottemperanza o l’appello; dopo di che, come osserva giustamente il Sindaco di Palazzago, un buon amministratore deve valutare se gli costa di più appellare o erogare il beneficio anche a chi, dal suo punto di vista, non ne avrebbe diritto.
Queste decisioni del Giudice del Lavoro a me sembrano, ictu oculi, tutte illegittime perché carenti di giurisdizione; tralascio le valutazioni di ordine politico perché, pur seguendo da sempre la politica, ho deciso una volta per tutte di non occuparmene in modo attivo, per non sottrarre nulla alla professione e alla dedizione che si deve agli interessi dei clienti.
Ritengo che qualche Collega incaricato di assistere le amministrazioni comunali in vicende simili a quella del Sindaco di Palazzago potrebbe valutare di proporre avanti alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione il regolamento preventivo di giurisdizione, ai sensi del primo comma dell’art. 41 del codice di procedura civile, a seguito del quale il giudizio di merito, ex art. 367 del codice di procedura civile, si sospende; chi ha scelto di fare politica nelle aule di tribunale sarà felice di sottoporre al Giudice delle leggi (la Cassazione è il Giudice che dichiara quale sia la corretta interpretazione della norma di legge, ivi compresa la legge processuale e le norme in materia di giurisdizione) la validità della sua “battaglia”.
Altrettanto interessante sarebbe far valutare alla Corte Costituzionale, una volta per tutte, la legittimità, alla luce dell’art. 3 della Costituzione stessa, della pretesa di estendere ai non cittadini e ai non residenti in un Comune i benefici previsti dall’amministrazione appunto limitatamente ai cittadini italiani e ai residenti: mi pare di ricordare che in anni passati la Corte usava respingere certe eccezioni di incostituzionalità, sollevate asseritamente in violazione del “principio di uguaglianza” di cui all’art. 3 Cost., con la formula che “situazioni diverse ben possono essere trattate in modo diverso”. Un’ovvietà, che di questi tempi però sarebbe opportuno riscoprire.

Distinti saluti
Avv. Simona Abati

PALAZZAGO Tribunale boccia bonus bebè: discrimina

PALAZZAGO "Sindaco, basta bonus bebè solo per gli italiani"

PALAZZAGO Il sindaco Bosc: il bonus bebè è stato accettato anche dall’opposizione
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da carmelo

    Dist. Avv. Abati, per la mia nulla cultura legale la sua lettera è difficile. E tuttavia le dice qualcosa che per risparmiare 1000 euro di Bonus bebè il comune abbia speso 6326 euro di causa legale?
    A me questi conti non quadrano.
    Al di là del fatto che queste discriminazioni sono fatte dalle amministrazioni leghiste con ideologie che io considero CANCRO della nostra società.

  2. Scritto da Simona Abati

    Replico brevemente ai commenti sulla mia lettera: immagino che il Comune di Palazzago abbia il suo legale di fiducia, che non conosco, e al quale va il mio suggerimento, così come ai colleghi impegnati in cause analoghe. In un Paese normale, il fatto che una decisione venga presa da un Giudice che non è quello “naturale, precostituito per legge”, dal quale, secondo la Costituzione, nessuno può essere distolto, avrebbe suscitato allarme. Non in Italia..

  3. Scritto da fabrizio valserra

    Un vecchio magistrato mi diceva : vuoi rivendicare la proprietà del Duomo di Milano? Troverai sempre un avvocato che ti assiste.

  4. Scritto da Roberto Pogna

    L’avvocato Abati si candida ufficialmente a consulente del comune di Palazzago, che è sempre disponibile ad ingaggiare avvocati per le innumerevoli cause in corso.