BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“basta bancarelle, in centro non si vive più”

Una lettrice scrive per lamentare la presenza di troppe manifestazioni nel cuore della città, con gravi conseguenze sul traffico.

Più informazioni su

Buon giorno, 
io vorrei esprimere il mio parere su questa piaga delle bancarelle.
Oramai tutte le domeniche (o quasi) sul sentierone abbiamo le bancarelle e va bene, ma oggi non bastavano quelle abbiamo avuto pure la cavalcata delle orobie e che si cosa altro ancora per chiudere con la partita dell’Atalanta.
Ora capisco che la gente abbia voglia di distrarsi e di divertirsi, ma chi è stanco ed abita in centro alla domenica vorrebbe avere anche un pò di tranquillità.
Il traffico, ormai pesantissimo durante la settimana, oggi ha toccato il culmine ed in città era impossibile muoversi con il risultato che chi abita in centro si è ritrovato il doppio delle macchine che di solito transito sotto le proprie finestre.
E’ giusto accontentare tutti, quindi propongo di fare un pò per uno. Ogni tanto vediamo anche di non fare nulla e di ritornare al pacato e tranquillo clima domenicale che ci serve per calmarci e per farci riflettere, magari ci annoiamo ma i nostri nervi e il nostro cuore ci ringraziano.
cordiali saluti

Silvia Sangiorgi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da fulvio A. avvocato in Pavia

    ha perfettamente ragione Giuseppina nava è sempre utile un momento di riflessione in questo periodo così arido, consumistico, evolgarmente venale. e privo di valori. decisioni di questo tipo dovrebbero esere assunte in coordinazione con altre in tema di traffico parcheggi ecc. brava Pinuccia /posso chiamarLa così ?) continua a far sentire la Tua vo.vocelibera e fuori dal coro: c’è bisogno di buon senso, intelligenza e sensibilità

  2. Scritto da Silvia

    VORREI FARE PRESENTE CH IL TITOLO “BASTA BANCARELLE” LO HA CONIATO LA REDAZIONE DI BERGAMONEWS, IN MODO PROVOCATORIO. IO NON HO DETTO BASTA BANCARELLE, MA SEMPLICEMENTE DI RIDURRE LE MANIFESTAZIONI CONCOMITANTI IN MODO DI ALLEGGERIRE IL TRAFFICO IN CITTA DURANTE I GIORNI FESTIVI. MI DISPIACE DI QUESTO PEERCHE’ IN QUESTO MODO IL PROBELAMO E’ STATO DEVIATO SULLE FESTE E SUL DIVERTIMENTO, MENTRE IL VERO PROBLEMA E’ IL TRAFFICO

  3. Scritto da cesare zapperi (direttore Bgnews)

    Gentile sig.ra Silvia, il titolo è fatto volutamente per attirare attenzione ma basta rileggere la sua lettera per verificare che non è sbagliato. Lei dice che il vero problema è il traffico. Come no? Solo che il traffico è attirato, appunto, dalla bancarelle e da tutte le altre manifestazioni. E’ giusto discutere di entrambe le cose. Il suo contributo ha scaldato il confronto. E a parte chi esce dal seminato solo per partito preso, la maggioranza dei lettori ha confermato che il problema esiste. Averne parlato, grazie alla sua lettera, è stato importante. Grazie.

  4. Scritto da GG

    Cara Signora, se ha scelto di vivere nel bel mezzo di una Città non riesco a capire come possa pretendere che ci sia il silenzio e la tranquillità. Vorrei tanto che Bergamo riuscisse ad essere sempre così viva, con le bancarelle e senza, di giorno come la sera, colma di allegria e spensieratezza, questo si che rilassa e mette di buon umore!

  5. Scritto da don Luciano Sanvito

    La città ha la sua bellezza, sia nella quiete della notte, che nel ritrovarsi della sera, ma anche nel traffico caotico del mattino…non sarebbe la città, senza tutto quell’andirivieni. Il problema nasce quando noi, dall’alto, vogliamo imporre alla natura della situazione il nostro capriccio e le nostre esigenze, volendo eliminare o aggiungere, in modo artificiale. Allora, in un caso o in un altro, la città diventa lo sfogo del nostro io (soggettivo o collettivo) ammalato, e si ammala.

  6. Scritto da il giudice

    Povera Signora, se desidera andare nei fine settimana ai colli di san fermo per restare fuori dal mondo non deve fare altro che chiederlo.

  7. Scritto da flaviobg

    L’unica cosa che sono d’accordo , è eliminare il più possibile il traffico delle auto , ma per il resto , facciamo vivere Bergamo .: La signora se stà chiusa in casa non sente nulla , in altrenativa può andare sul monte bianco o rosa Anzi bisognerebbe estendere la zona pedonale , bancarelle e artisti da stada

  8. Scritto da pbt

    Desidero precisare circa i pochi interventi che denigrano la possibilita’ di sostituire talvolta le bancarelle alla domenica con eventi culturali, ovviamente non di nicchia, paventando poca partecipazione che anche con un buon concerto o una rappresentazione teatrale, una
    commedia dialettale, un balletto si possono creare momenti piacevoli di aggregazione, senza snobismo alcuno. Magari abbinando qualche
    degustazione abbinata agli eventi. Per lo shopping domenicali ci sono
    spesso alternative.

  9. Scritto da basta

    tra il basta e il numero spropositato di iniziative in centro dovrebbe esserci un giusto equilibrio. Tutti quelli che denigrano l’intervento della signora in genere abitano fuori, vengono a divertirsi e poi vanno a vivere nel loro paesello. Godendo e lodando il silenzio. Provate a vivere nel caos costante (traffico di giorno, rumore di sera, schiamazzi di notte). Qualcuno dice: se non sopportate andate via. E così si desertificano le città. Buon senso e misura sono obbligo:basta esagerare!

  10. Scritto da dan

    Non si può volere la botte piena e la moglie ubriaca… vada a valbondione che è più tranquillo !
    per chi menzionava lo stadio, è in progetto di spostarlo… ma nessuno lo vuole eppure tutti ci vanno.
    per chi si lamenta che la gente non sa organizzarsi una gira al lago… cosa dovrebbero dire allora i cittadini di sarnico e lovere ??? basta lamentarsi siete delle piaghe !!!

  11. Scritto da Il Naggio

    Precisazione per il n° 43.
    Mi riferivo a via XX dove le auto non circolano, proprio come a Monaco.

  12. Scritto da SCHELETRO CON TUNICA NERA E LA RANSA

    BASTA BANCARELLE, IN CENTRO NON SI VIVRA’ PIU’ MA PERCHE’ SARA’ DEFINITIVAMENTE UNA CITTA’ MORTA.
    la signora ha il diritto di lamentarsi ma nessuno l’ha obbligata a vivere in centro. l’amministrazione di centro destra, invece che tutelare il lifestyle dei suoi elettori che devono prendere la macchina per fare 15 metri e si lamentano se danno le multe, dovrebbe creare i presupposti perchè i brillantemente denominati crepuscolari non abbiano alcun motivo valido x lamentarsi come in questo caso.

  13. Scritto da stefano

    ma infatti basterebbe che le cose fossero organizzate un po’ meglio. soprattutto per il traffico. e poi queste bancarelle… devo dire molto brutte: avevo capito che si trattasse di artigianato e invece c’erano le solite salamelle e le crepes con la nutella… non mi sembra che tutto questo qualifichi il centro e nemmeno che aiuti i commercianti.

  14. Scritto da Passeggiando per il centro

    Vorrei evidenziare le pecche di quest’ultima manifestazione: 1) pochi posti a sedere per chi decideva di pranzare alle bancarelle 2) pochi cestini per la spazzatura (alle 1230 di sabato erano già tutti pieni) 3) nessuna raccolta differenziata di vetro e plastica, tutto in un unico bidone… ma l’amministrazione deve dare il buon esempio al cittandino! 4) alcune bancarelle di vestiti cinesi di pessimo gusto fanno scadere la qualità della rassegna. Per il resto, ottime iniziative.

  15. Scritto da lele

    l’assessore Foppa Pedretti diceva
    “Servono meno bancarelle. Voglio un centro più elegante”
    (bgNews , https://www.bergamonews.it/politica/articolo.php?id=13968 )

    ah, le promesse elettorali..

  16. Scritto da Precisazione per il naggio

    Insisto, a Monaco non c’e’ una strada chiusa al traffico, con una che la incorcia intasata di auto (viale XXIII/Vitt Em). C’e’ un intero centro chiuso.

  17. Scritto da I politici non fanno nulla per curnasco

    Se l’idea che abbiamo di mezzo pubblico e’ quclosa che passa davanti a casa mia, quando ne ho bisogno, subito, vuoto e vada dove voglio, allora cerchiamo alibi psicologici per continuare cosi’. Che chi comanda possa fare di piu’ e’ vero. Ma gia’ ora qualcosa c’e’. Da treviolo a mezza quaresima per esempio io andrei a stezzano, la domenica ogni ora c’e’ un treno, il sabato ogni 30 min. Chiaro bisogna decidere che l’attesa eventuale e’ meglio che contribuire al caos automobilistico in centro.

  18. Scritto da karajan

    Se ho ben capito, la sig.ra Silvia non si lamenta delle bancarelle, ma del traffico. In Italia si preferisce la vendita della benzina, cara signora, alla tranquillità di una città chiusa al traffico e ben servita dai servizi pubblici, come oramai da decenni sono tutte le città europee.
    Quindi il titolo dell’articolo “BASTA BANCARELLE………………” è sbagliato e fa torto alla sig.ra Silvia e a tutti i cittadini che invece amano queste manifestazioni, senza l’inquinamento del traffico.

  19. Scritto da paolo

    io credo che finalmente ci siamo un po’ svegliati e questa è una notizia storica. va dato il merito all’amministrazione di avere imboccato la strada giusta. adesso magari ci vuole un po’ di tempo perchè le cose si aggiustino a livello organizzativo e tutti si abituino un po’ di più a uscire e divertirsi.

  20. Scritto da la redazione

    La lettrice scrive: “Ogni tanto vediamo anche di non fare nulla e di ritornare al pacato e tranquillo clima domenicale che ci serve per calmarci”. Caro karajan, questo non significa, non certo per sempre, “basta bancarelle”?

  21. Scritto da Lega

    Se si fa qualcosa è caos..
    Se non si fa allora “è una città morta, Bergamo”…
    Ma alura???

    La vogliamo viva la città … Si metta pure i tappi lui…

  22. Scritto da Luca

    vada ad abitare in periferia e non avrà problemi… magari ne avrà altri.

  23. Scritto da rocco

    io direi alla lettrice di cambiare casa!! un bel posto tranquillo in periferia magari troppo bello avere la moglie ubriaca e la botte piena! O.O

  24. Scritto da Il Naggio

    Precisazione per il 54
    Non sto dicendo che Bergamo sia uguale a Monaco!
    ma solo che passeggiando per il centro in via XX (da sant’orsola a p.zza pontida per esempio) mi sembrava un po’ di essere in giro per il centro bavarese. Tanta gente, negozi aperti e atmosfera festosa! Dovrebbe essere sempre cosi il nostro centro! Poi il discorso si è spostato sulla questione del traffico e condivido quello che è stato detto da Lei.

  25. Scritto da Ray 59

    La Signora Silvia ha perfettamente ragione,è una situazione impossibile che ho vissuto personalmente giungiendo a piedi dalla periferia,e devo dire che oltre alla ressa assurda mi sento di segnalare due situazione paradossali.
    1)ho visto mosche che si posavano su vari alimenti conservati senza il rispetto di legge e venduti regolarmente ai cittadini e l’ ASL dov’è?
    2)Mi piacerebbe sapere quali sono stati i valori delle polveri sottili registrati ieri alle ore 16/17.
    E domenica Via Angelo May

  26. Scritto da silvia

    ci sarà sempre qualcosa che non va bene. impossibile accontentare tutti…ma, e mi scusi se lo dico, chi va ad abitare in centro non può non aspettarselo…

  27. Scritto da julius

    la bancarelle sono troppo…………..POCHE
    la città deve essere vissuta, altrimenti occorrerebbe fare eventi direttamente al cimitero, lì non si disturba nessuno!!!!
    VIVA bergamo

  28. Scritto da Rizzetta

    Il fatto è che Bergamo ha un centro piccolino e tutto si concentra lì. Anche Città Alta è presa d’assalto….d’altra parte dove devono andare i cittadini di Bergamo in questi bellissimi giorni autunnali, se non nel loro salotto a cielo aperto? Piuttosto, tutte queste bancarelle anche per me sono inutili…sono sempre di più, si vedono sempre le stesse cose, è sempre e solo commercio.

  29. Scritto da cannavò

    La Cortese Signora ha ragione
    Ma non lamentiamoci siamo una città di provincia ,siamo tutti noi dei provinciali e dei provinciali governati . Non si sono accorti i ns governanti che ora grazie a Ryanair ci vedono e ci giudicano migliaia di cittadini europei , vedrete che per Expo 2015 le bancarelle a Bg saranno permanenti ,cara Signora si organizzi che il tempo passa alla svelta!!!

  30. Scritto da Geppo

    Silvia,
    come te abito in centro, ma non è colpa delle manifestazioni. Quella dei mercatanti è molto bella. La colpa è di quegli inetti del comune che non chiudono il centro in queste situazioni. Per quanto concerne la cavalcata, invece, sentire mille esaltati suonare i clacson alle 10 del mattino è semplicemente scandaloso. Provare ad abolire la manifestazione?? O a fargli fare la tangenziale??? Vigli – Comune incapaci di gestire la città.

  31. Scritto da DARIO ZAPPA

    ranget spostati dal centro an fa cambe ?

  32. Scritto da FF

    Per favore non lamentiamoci….viviamo Bergamo, la nostra città e basta!se no andiamo a vivere in un eremo e la facciamo finita con caos traffico e gente intorno!

  33. Scritto da Simona

    Già Bergamo è una città da reparto geriatrico visto che non c’è mai nulla da fare…..una volta che c’è un po’ di vita c’è sempre chi si lamenta…..ma andate a vivere in valle imagna così sentite solo il rumore degli uccellini!!!!

  34. Scritto da 75

    E allora che dire di tutta quella massa che infesta la città per andare allo stadio!!!! Parcheggiano ovunque anche perchè glielo permettono e quando finisce la partita e passano sotto casa ti suonano il citofono, ti fanno saltare in aria le cassette della posta ti imbrattano i muri, urlano suonano il clacson e sposcano!!!!!!!!!!!!!!!!!! Loro non rompono?!?!?

  35. Scritto da Barbara

    signora, se proprio le da così fastidio la gente e le auto otto casa le suggerisco di vendere la casa in centro e comprarsi una bella casa tranquilla fuori dal caotico… che ne dice di Valverde?
    se invece non può rinunciare alle comodità del centro accetti anche gli inconventienti (saltuari per altro) del caso.
    Ma soprattutto smettiamola di lamentarci sempre per cosa.

  36. Scritto da barba

    Signora ha perfettamente ragione ma la gente non è in grado di gestirsi da sola e di scegliere cosa fare la Domenica. Ormai se non c’è il Comune che organizza qualche manifestazione il “cittadino” si sente inerme e abbandonato a sè stesso. Pare che nessuno sia più in grado di decidere una gita al lago o una scampagnata.
    Per cui se ne faccia una ragione… come dice la #5 a cui manca la fantasia… dove devono andare i cittadini se non nel loro salotto

  37. Scritto da C.Pozzi

    Gentile signora io concordo con lei, ma, purtroppo, sono anche consapevole che siamo una minoranza ad apprezzare la città tranquilla, silenziosa, senza sgradevoli odori di cibo; passeggiare e guardare i colori dell’autunno in pace. Purtroppo non è questo che va di moda. Anzi chiedere calma, lentezza e silenzio è, per gli altri, chiedere una città morta. Mi vengono in mente le parole di Calvino: “D’una città non godi le sette o le settantasette meraviglie, ma la risposta che dà a una tua domanda”

  38. Scritto da cesare

    Gentile Signora il centro della città è sempre stato il luogo di incontri e manifestazioni, soprattutto nei giorni festivi. La concidenza di alcune manifestazioni crea affluenza e, secondo lei, caos.
    anzichè lamentarsi delle manifestazioni esponga le sue perplessità all’amminsitrazione e la inviti a ridurre l’accesso delle auto in centro. forse viaviamo meglio tutti. Se poi vuole una città..morta prosegua su questa direzione

  39. Scritto da guido da bg

    Solita demagogia, tra i fautori della vita e i crepuscolari.
    La gentile signora appartiene alla seconda categoria e quindi preferisce la città vuota e grigia, come abitualmente appare la parte alta di Via Torquato Tasso, verso S,Spirito.
    Scendendo verso il Sentierone e Via XX la città invece si ravviva.
    In centro come in periferia ci sono luoghi di incontro e luoghi di meditazione, basta cercarli e saperli vivere.

  40. Scritto da marco

    concordo con la Signora solo per la rumorosa e inquinante cavalcata delle Orobie.

  41. Scritto da Ferruccio Turani

    Ha ragione la signora, il centro di Bergamo durante queste, troppe manifestazioni, è diventato invivibile, manifestazioni che rasentano il cativo gusto,solo venditori di patatine e panini e vestiti, ci vuoll ben atro per rilanciare il centro cittadino , ma questa amministrazione non ha idee per fare qualcosa di veramente originale?

  42. Scritto da pbt

    Abito in centro, e sono un poco stanca che l’intrattenimento domenicale del Sentierone sia spesso rappresentato dalle bancarelle, per quanto ammetto sia divertente curiosare tra prodotti piu’ o meno tipici, e se possibile, fare qualche spesetta. Una programmazione di eventi piu’ varia, e un pochino piu’ culturale forse renderebbe meno caotiche le domeniche, poiche si accontenterebbe gusti diversi. Esistono gia’ i mercati, per cui le bancarelle sono spesso un doppione. Vanno potenziati i bus.

  43. Scritto da Rossella

    Siamo proprio italiani, sempre e solo pronti a lamentarsi! Finalmente Bergamo vive, finalmente i bergamaschi vivono il loro centro Città, e lo vivono anche di sera… se non ci sono manifestazioni o bancarelle lei non ha paura a passeggiare sul Sentierone “la sera”?io si!io ho due bimbi piccoli e quindi ho evitato le bancarelle per non creare disagio con due passeggini ma sono assolutamente d’accordo con tutte queste manifestazioni. A lei personalmente invece dico scelga un casolare in Toscana!!

  44. Scritto da Giovanna

    Sembra di essereal mercato del lunedì,stei vendtori e stessi prodotti!

  45. Scritto da Alessio O.

    Il rilancio del centro di Bergamo non può essere fatto da queste manifestazioni di cattivo gusto. Caos, traffico, inquinamento, sporcizia!

  46. Scritto da negro

    @17 Rossella, sintesi perfetta, quoto in toto!

  47. Scritto da Alberto L.

    Il centro di Bergamo non può sopportare l’invasione di 150.000 persone provenienti quasi esclusivamente da fuori. Fossero avvenimenti culturali o prestigiosi, lo capirei, ma per delle bancarelle che vendono, caldarroste, crauti, patine e pane e salame…..
    I disagi vengono pagati esclusivamente dagli abitanti di Bergamo.

  48. Scritto da El Merendeiro

    Un centro città non deve essere “tranquillo”. E’ il cuore della vita comunitaria…e poi, è così bello vedere che ogni tanto la gente preferisce il centro città all’Oriocenter!
    Poi, sulla qualità delle iniziative e sulla logistica possiamo discutere e scoprire di avere pareri concordi..forse con un bravo town center manager si risolverebbe il problema, e visti i tanti soloni che vengono stipendiati dagli enti pubblici,un esperto serio in più e un consulente dell’aria fritta in meno farebbe bene

  49. Scritto da JJ

    la signora ha in parte ragione, i mercatanti sono stati i primi e sono una cosa diversa che merita, ma è vero negli ultimi due anni ogni settimana il sentierone è un mercato, sempre gli stessi tra l’ altro, per non parlare di altri tipo il mercato di forte dei marmi che non capisco mai cosa c’ entri. poi perchè sempre il sentoreone?, usate piazzale alpini, piazza libertà, piazza dante ecc.. capisco che le bancarelle per il comune sono tasse che entrano però ci vorrebbe più equilibrio

  50. Scritto da curiosa 1963

    Viva la città che non deve essere morta e triste.Inoltre se facessimo tante più manifestazioni “culturali” ci sarebbe la metà della gente Con le famose “bancarelle” ci sono i giovani, i meno giovani è per tutti e non solo per pochi che ben vengano.Daltronde chi ha scelto di vivere in città sapeva che il centro cittadino è da utilizare e noi allora che con lo stadio siamo letteralmete TORTURATI da anni?????? birre. schimazzi, sporcizia,gente che si picchia, rutta facciamo cambio casa????????????

  51. Scritto da Cittadino deluso

    Vorrei proprio organizzare queste belle domeniche per rendere viva la città anche sotto le finestre di tutti quelli che criticano, odori, rumori caos e magari ci mettiamo anche qualche bella notte bianca che non vi lascia dormire fino alle 2-3 di notte, poi ne riparliamo. Credo che il rispetto di tutti i cittadini sia doveroso, allontaniamo i cittadinni dal centro per trasformarlo in un luna park poi ne vedremo delle belle. Se volete fare una festa fatela anche a casa vostra poi ne riparliamo

  52. Scritto da Franco M.

    E’ vero che il centro della città deve vivere! Ma un poco di buon gusto non farebbe male!

  53. Scritto da maury

    Ha ragione signora, basta bancarelle e basta eventi in centro città! Almeno i tossici in piazzale alpini potranno drogarsi in santa pace senza essere disturbati dal viavai di famiglie, almeno rimarremo tutti chiusi in casa a guardare la tv spazzatura! l’unica cosa con cui concordo con lei è il fatto che bisognerebbe obbligare la gente che viene da fuori città ad utilizzare dei parcheggi di interscambio oppure a camminare un pò invece che cercare parcheggio a 2 metri dalle bancarelle!

  54. Scritto da Andrea

    uhm….bhe le bancarelle mica son tutte le domeniche….un po’ di pazienza e tolleranza ogni tanto non farebbe male…. ci si lamentava degli alpini…ci si lamentava della movida… ci si lamenta delle bancarelle… e che pa..e!!!!!

  55. Scritto da roby

    Ma i nostri amministratori, che hanno assunto manager profumatamente pagati da noi cirttadini, non si sono mai recati in Tirolo per vedere come sono organizzati i mercatini? Credo che per non cadere nel cattivo gusto basti avere un po di fantasia o copiare chi questi avvenimenti li sa davvero organizzare.

  56. Scritto da il legionario

    Più che Monaco domenica Bergamo sembrava Herat.
    Importante che le bancarelle siano in regola con i permessi, se poi gli ambulanti sono del posto od europei, meglio cosi.

  57. Scritto da capitano

    ha ragione la signora… invece di intasare il centro anche la domenica, perchè non si portano queste iniziative nei quartieri periferici, per cercare di renderli più vivi e vivibili?
    con una sana rotazione non si da fastidio a nessuno e si migliorano le periferie

  58. Scritto da Giuditta V.

    La Sig.ra Silvia ha pienamente ragione. Con queste manifestazioni di cattivo gusto Bergamo è tormata agli anni 50.

  59. Scritto da marcoA

    Ma scusate o voi grandi fautori delle bancarelle e del divertimento caotico in centro…qui non si parla di voler far morire la vita in centro ma semplicemente di non rendere momenti di aggregazione e divertimento, dei momenti di stress inutile per tutti…i responsabili del traffico sono degli inetti e la programmazione di questi eventi fa PENA…tutto buttato lì giusto per far colore ma senza organizzazione.vivevo dietro allo stadio e ora in centro…nessun divertimento, solo CAOS!!!

  60. Scritto da Giuseppina Nava

    Anzichè chiudere il centro di Bergamo, come fatto tutte le città europee, qui si fa come i gamberi, lo si fa invadere da 150.000 persone, con le loro macchine, mi sempra una politica vecchia e ottusa!

  61. Scritto da Alberto

    Brava Signora Silvia, sono d’accordo.
    Abito sul Viale, già trafficato durante tutta la settimana, e non c’è domenica che non passi una cammminata, una maratona, una corsa ciclistica o motocilcistica e quant’altro; possibile che non esistano altri percorsi? E ste bancarelle? Una volta le visitavo volentieri perchè si vedevano raramente ed in precise e mirate occasioni, ora non ci faccio più nemmeno caso …..

  62. Scritto da eli

    condivido la lettera e chi vede una banalizzazione e generalizzazione delle “bancarelle”.
    Prima nulla, ora ogni settimana.
    Se è solo un fatto commerciale 8(per far concorrenza a Orio e simili?) lo si dica, e si ruoti tra spazi e spazi.
    C’è solo il Sentierone in città?
    ….se proprio così si vuole…

  63. Scritto da Il Naggio

    Ieri passeggiando in via XX Settembre mi sembrava quasi di essere in centro a Monaco di Baviera per la marea di gente che c’era.
    Dovrebbe essere cosi tutte le domeniche il nostro centro cara signora.

  64. Scritto da Alet1976

    Buongiorno, io vado controcorrente …. se decido di vivere in pieno centro a Bergamo, sicuramente non è la tranquillità che mi interessa, ma la comodità e la vicinanza a tutti i servizi. Pertanto se voglio vivere in un luogo quieto scelgo la periferia. E’ come se un abitante dell’alta Valle Seriana si lamentasse segli scarsi servizi, non è coerente! Indubbiamente in questo fine settimana hanno organizzato troppe manifestazioni …

  65. Scritto da Alberto Brandolin - Responsabile CasaPound Italia Bergamo

    Credo che la signora Silvia dimentiche che almeno 2 domeniche su 4 ogni mese in centro non c’è alcuna manifestazione… quindi si metta il cuore in pace: non c’è certo “invasione” ogni domenica. Per quanto mi riguarda plaudo a queste iniziative, che, finalmente, fanno vivere la città (l’adunata degli Alpini ha dato una bella scossa a Bergamo! E pure lì non mancò il solito “lamentone”). Certo, però, bisognerebbe dirigere gli eventi con più criterio, chiudendo il centro al traffico per esempio.

  66. Scritto da Tiziano Trivella

    La Signora ha ragione: ogni tanto perché non fare le manifestazioni o mettere le bancarelle anche in periferia?
    A Longuelo, ad esempio, le domeniche sono tranquillissime: sarebbe bello ravvivarle periodicamente: lo spazio c’è.
    Studiando una rotazione annuale si potrebbero decentrare nei quartieri periferici le varie feste e manifestazioni senza concentrare per forza tutto nel Centro.
    I piaceri e i disagi sarebbero meglio distribuiti per tutti i cittadini.
    E sarebbe più piacevole per tutti.

  67. Scritto da stefano rossi

    Daccordissimo e poi noi residenti in centro non riusciamo nemmeno piu’ a parcheggiare nei posti dei residenti perche ovviamente nessuno controlla mai nulla e multe neanche l’ombra Dopo e’ inutile che fate le domeniche ecologiche perche’ con fine settimana come questi ormai tutti ,buttiamo tutto all’aria!!!!! va bene tener viva la citta’ ma cosi’ mi sembra un po’ troppo!!!!!!

  68. Scritto da Mary

    Anche io sono dell’idea che chi vive in centro deve essere preparato ai disagi che questo può creare.
    D’altra parte ben vengano le manifestazioni tipo bancarelle, ecc. che rendono viva la città.

  69. Scritto da il legionario

    Bene che ogni domenica le bacarelle invadano le città, solo riconquistando la padronanza del territorio si può tentare di fermare il degrado sociale di cui tutti sono a conoscenza.
    Famiglie in centro ogni domenica è la ricetta da seguire e perseverare, anche per aiutare le forze di polizia a debellare la microcriminalità esasperata che regna impunita ovunque.

  70. Scritto da vavassori mattia

    Io abito in centro e penso che la città viva sia un bene a condizione però che chi viene da fuori lasci l’auto nei parcheggi esterni e che venga potenziamento il servizio autobus;
    che il centro venga chiuso al traffico sempre la domenica in cui ci sono eventi;
    che la città non sia tenuta viva solo da manifestazioni “commerciali”, ma anche attraverso attività culturali;
    .

  71. Scritto da bgdoc

    Iniziative più frequenti e meno “pesanti” in tutti i quartieri.

  72. Scritto da Non insultiamo i bavaresi, prego

    La differenza fondamentale tra il centro di BG ieri e sabato ed il centro di Monaco di Baviera: il 2° e’ sempre chiuso al traffico veicolare privato. Sa pomeriggio e ieri c’era caos totale. Decine di auto a cercare un P che per fortuna non c’e’. Incapacita’ amministrativa che fa il paio con noi cittadini medi. Perche’ non riusciamo a concepire individualmente l’accesso al centro senza l’auto, senza ricorrere all’alibi che ci deve pensare prima la politica? Non siamo bambini di 5 anni.

  73. Scritto da massimo

    Dovrebbe essere così sempre senno’ cara signora vada a vivere a colognola dove gli aerei ce li ha sempre e non solo di domenica piuttosto che a longuelo dove di posteggi se ne trovano ma di bus molti meno, ma se preferisce c’è via quarenghi o la malpensata!

  74. Scritto da marcoA

    Io continuo a non capire le persone che inveiscono contro chi abita in centro…il disagio della disorganizzazione di questi eventi colpisce anche voi che venite da fuori e vi trovate incolonnati nelle strade del centro alla ricerca disperata di un parcheggio per poi riuscire a camminare forse per 1 ora in mezzo al disastro di macchine e persone che si viene a creare perchè nessuno ha pensato ad una chiusura intelligente del centro! Pensateci!

  75. Scritto da marino foletta

    ha ragione la signora, meglio i pusher marocchini e le vetrine con le saracinesche abbassate!

  76. Scritto da Ago66

    D’accordo con #43, i cittadini devono responsabilizzarsi. Perchè però non dire che ATB e TEB non fanno nulla – anzi – per incentivare l’uso del mezzo pubblico? Mi ricorderò sempre quella volta che, in occasione della sfilata dei carri di mezza Quaresima, volendo recarmi in centro da Curnasco con la famiglia col bus, appunto per evitare di dover posteggiare chissà dove, dopo aver aspettato mezz’ora (ORDINARIA FREQ. FESTIVA 40 MIN) ne è arrivato uno stracolmo di gente su cui non si poteva salire.