BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ad agosto produzione inustriale in forte crescita

Ad agosto la produzione industriale è aumentata dell'1,6% rispetto al mese precedente e del 9,5% nel confronto con agosto 2009.

Più informazioni su

Ad agosto la produzione industriale è aumentata dell’1,6% rispetto al mese precedente e del 9,5% nel confronto con agosto 2009. Lo comunica l’Istat, precisando che quello sull’anno è il miglior risultato dal dicembre del 1997 e che questo mese cade la revisione dell’indice.
La produzione di autoveicoli ha registrato una diminuzione del 20,2% (dato corretto per gli effetti di calendario) rispetto allo stesso mese del 2009 (-17,3% dato grezzo). La variazione nei primi otto mesi del 2010, a confronto con lo stesso periodo del 2009, è pari al +6,2% (+5,7% dato grezzo). "Sull’aumento pesa l’effetto delle chiusure estive, che di anno in anno variano a seconda delle politiche aziendali", spiega l’Istat. L’Istituto, inoltre, precisa che la variazione dell’indice grezzo su base annua è del 12,8%. Nel mese di luglio, dati rivisti, l’Istat aveva registrato su base tendenziale un incremento del 5,6% (dato corretto dagli effetti di calendario) e su base congiunturale dello 0,3%. Nei primi otto mesi del 2010 la crescita rispetto allo stesso periodo del 2009 è del 5,9% (+6,3% dato grezzo). Analizzando i raggruppamenti principali di industrie, l’indice della produzione industriale corretto per gli effetti di calendario segna, nel confronto con agosto 2009, aumenti del +23% per i beni strumentali, del +15,1% per i beni intermedi e del +1%. Guardando ai settori di attività economica, ad agosto l’indice della produzione industriale corretta per gli effetti di calendario registra, su base tendenziale, gli incrementi più marcati nei settori dei macchinari ed attrezzature (+35,3%), della metallurgia e prodotti i metallo (+20,4%), delle apparecchiature elettriche e non elettriche (+18,7%) e delle attività estrattive (+16,6%). L’unica variazione negativa riguarda il settore della fornitura di energia (-3,5%).

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.